Home page‎ > ‎Campi‎ > ‎

Biohistory - Storia di una paternità


Edgar Morin e Biostoria:
storia di una paternità 

"Edgar Morin and Biohistory: the story of a paternity"

- Antonia Colamonico - © 2003


Pubblicato in inglese su: World Futures: The Jounal of General Evolution, a cura di A Montuori. Vol. 61 - n° 6, pp. 441-469, part of the Taylor & Francis Group - Routledge, August 2005.

È importante il nome. Nel processo di conoscenza il nome dà la dignità di esistere. Il nome, isolando un quid da un tutto, attribuisce a quel quid uno stato, cioè gli fa assumere un luogo, un tempo e un fatto. Biostoria prese nome nell’agosto 1992, nell’attimo in cui la mia mente isolò il quanto storico, quale promotore di vita. Al nome segue, poi, il corpo e Biostoria iniziò a prendere corpo nel 1993 dall’incontro col pensiero di Edgar Morin.

Reference on the name biohistory


Antonia Colamonico (2005). The Story of a Paternity. World Futures 61 (6):441 – 469.Name does matter. During exploration of knowledge, name provides dignity of existence. Isolating a quid from a whole, name gives that quid a status (i.e., helps it to gain a space, time, and fact). Biohistory had its own name in August 1992, when finally my mind isolated the historical quantum as the promotor of life. Shape follows name; Biohistory began to take shape in 1993, when it ran into Edgar Morin's ideas. For about a year, Biohistory had been a game I toyed with, using it to show my pupils the explosion of events in spaces. I even gave it a poetic dress, in the form of nursery-rhymes (Spazioliberina; Colamonico, 1993). In 1993 I also read Morin's Introduction to Complex Thought (1993), in which it is assumed that a new science and a new doctrine would manage to read the one-whole. It was then that I understood that this theory would have been the body-mind-eye of my joyful child. So I adopted Morin as the father of my Biohistory

Biostoria era stata per circa un anno un giocattolo con cui mi trastullavo per mostrare agli alunni l’esplosione degli eventi negli spazi. Le avevo dato anche una veste poetica, Spazioliberina, sotto forma di filastrocche (Colamonico, 1993). Quando, nell’estate 1993, lessi Introduzione al pensiero complesso (Morin, 1993) in cui è ipotizzata la nascita di una nuova scienza e di un nuovo pensiero in grado di leggere l’uno-tutto, capii che quello sarebbe stato il corpo-mente-sguardo della mia gioiosa bambina. Fu così che adottai Morin come padre per biostoria.



Gemmazioni: Evoluzione delle trame di Biostoria











https://sites.google.com/site/biostoria/_/rsrc/1319963604604/config/2bbff2830d866f28.jpg

Sito Ufficiale:Biostoria Scienza&Metodo dello Sguardo
(Biohistory of Knowledge)





1. La scoperta della complessità


Nel prologo a L’Universo Sapiente il fisico G. L. Schroeder (2002), interrogandosi sulle origini dell’organizzazione della vita, dice:

- Ogni particella, ogni essere, dall’atomo all’essere umano, sembra contenere al suo interno un livello di informazione, di intelligenza consapevole… l’idea che all’origine dell’esistenza vi possa essere un elemento non fisico come l’informazione o l’intelligenza non sminuisce in alcun modo gli aspetti fisici delle nostre vite.

L’informazione sembrerebbe, alle soglie del terzo millennio, avvolgere l’umanità, come alghe profonde e stratificate in un oceano, da cui l’uomo, nella sua piccolezza infinitesimale, sembra non riuscire a venirne a capo.

L’informazione, oltre ad aver invaso l’economia, la politica, la vita quotidiana, le strade, le stazioni metropolitane, gli scaffali dei supermercati, gli studi dei dentisti, le cucine di casa, i telefonini degli studenti; inizia la sua scalata alla materia, al pensiero, alla stessa costruzione profonda della vita (Lwoff, 1974).

L’informazione, vera star del XXI secolo, con tutte le sue sfumature di significati:

spiazza, disorienta, isola, avvicina, scava e crea correnti di umori, di emozioni, di condivisioni, di dissensi, di mode, di paure, di ordini, di sistemi, di organismi.

L’informazione da semplice dato che mostra all’occhio osservatore la presenza di un quid, si sta trasformando essa stessa in organizzazione di realtà. A tutti i livelli esplorativi si coglie la presenza di un filo-codice che entra nelle maglie organizzative delle identità storiche. La scoperta di una complessità informativa a più livelli soggiacenti di spazi-tempi, sta di fatto ri-velando (velando di nuovo) la molteplicità del reale, con la messa in discussione delle certezze, elaborate nel corso degli ultimi cinquecento anni dalla Cultura Occidentale e non solo.

Volendo provare, con un processo neghentropico, a risalire tale groviglio di flussi semantici e organizzativi, per comprenderne a pieno l’ampiezza storica del fenomeno informazione, si può partire dalla constatazione di una profonda crisi nel rapporto osservato-osservatore che sta rivelando un ribaltamento nelle logiche di lettura dei processi (Morin, 1993).

Ribaltamento dovuto allo sconfinamento, come un’interferenza-rumore, tra chi guarda e chi è guardato; tra chi legge e chi è letto.

Per comprendere meglio il salto di paradigma in atto, bisogna precisare che la scoperta della complessità informativa equivale a quattro ri-scoperte.

1. Il dinamismo della vita, non può essere imbrigliato in una carta di lettura:

  • Le carte-mappe sono solo dei modelli interpretativi che servono a facilitare l’esplorazione del territorio, ma non sono il territorio. Esse sono relative alla dimensione topologica, il territorio alla vitalità. La cartina di una città non contiene il dinamismo della città, per cui la si può definire solo una riduzione in scala semplificata, funzionale all’azione di conoscenza e d’esplorazione (Rosenstehl, 1981). Ma, se le carte sono solo modelli di lettura della realtà e i modelli costituiscono la medesima conoscenza, provando ad ideare un modello nuovo, automaticamente cambierà la visualizzazione della medesima realtà, effetto caleidoscopio (Colamonico, 2002). Tale mobilità di lettura si comprende meglio se si ripensa al problema della mano di marmo di E. Kant. La soluzione è legata ad un occhio-osservatore che muovendosi in uno spazio a quattro dimensioni vede annullarsi la specularità (l’una mano dell’altra) degli oggetti a tre dimensioni (Banchoff, 1993). Ma lo studio del ribaltamento della lettura in relazione alle dimensioni spazio-temporali, era troppo sconvolgente nel periodo storico di Emanuele Kant, per cui un io penso, come io categorico, era fortemente rassicurante per una conoscenza e relativa coscienza che ambivano alla assolutezza, allontanando l’incognita e l’imprevisto.

2. L’inadeguatezza della scienza, mostra/nasconde parti del tutto (Maturana,1993):

  • Essendo la scienza stessa carta di un territorio, essa apre ad alcune visualizzazioni di realtà e chiude ad altre, in questo processo di lettura svela e rivela parti del tutto. Lo svelare/rivelare è in relazione al fuoco di lettura, all’oggetto isolato, allo sguardolente con cui l’io osservatore va ad espletare l’azione di costruzione di mappe di realtà. C’è una differenza tra mappa e rete: la mappa è relativa ad una lettura di dinamica, occhio esterno; mentre la rete è la dinamica, come l’insieme dei nodi comunicativi, interni, con cui un reale si organizza nel tempo-spazio (Maturana, Varela, 1992).

2. L’occhio di lettura condiziona le medesime rilevazioni esperite:

  • La realtà subisce una deformazione in funzione, ad esempio, della convergenza degli occhi o del punto cieco di lettura, ecc. L’occhio-mente uomo visualizza una realtà differente dall’occhio-mente mosca o gatto (Hubel, 1989). Lo spazio acquisisce le dimensioni di chi l’osserva: a tre è dell’uomo, a due è della rana. Ma cosa sia la stessa realtà è da ridefinire, in quanto la vecchia oggettivazione era frutto di una separazione tra l’osservato-osservatore-osservazione: tra il piano lettore (colui che legge), letto (colui che è letto) e lettura (ciò che viene letto, come insieme di informazioni). Oggi, con un occhio eco-sistemico, la realtà è il frutto di una negoziazione (= azione di negozio-mercatura). Meglio un processo di eco-inter-azione quale dinamica di percezione-visione-elaborazione-ambiente-manipolazione. La realtà è nella stessa dinamica e non più negli oggetti/soggetti (Bateson, 1977) che stanno di fronte, si spiega così il valore che la stessa informazione assume nella costruzione del reale.

3. L’organizzazione vitale è informazione (= azione che in-forma = rende forma).

  • La vita in una dimensione meta-storica (Morin, 1993) e biostorica (Colamonico, 1998), è un processo di apertura/chiusura di spazi-tempi per effetto dei quanti storici che danno disordine/ordine alla realtà. Il disordine è il grado d’entropia, come perdita di organizzazione. L’ordine è il grado di sintropia, quale acquisto di un nuovo ordine organizzativo. La perdita/acquisto-acquisto/perdita è proporzionale alla capacità di quel dato organismo a misurarsi con le alee di campo che lo perturbano, e allo stesso campo a relazionarsi con le risposte-alee dell’organismo che lui stesso ha perturbato. Le perturbazioni provocano negli individui/campi la de-strutturazione/ri-strutturazione, come mutamento/permanenza della memoria-informazione di sé. La memoria è il grado di coscienza che permette di misurarsi con i quanti storici; il misurarsi, è la capacità a confrontarsi con la dimensione dell’essere e del divenire. Il confrontarsi implica, a sua volta, un’azione di neghentropia, quale apprendimento del vivere (Morin, 1977). La neghentropia riduce il disordine informativo e nel contempo apre all’ordine nuovo, come nuovo grado di complessità-informazione, sintropia del caos. Il processo storico-vitale si gioca in queste tre fasi di entropia-neghentropia-sintropia che ciclicamente si in-seguono (= seguono insieme), come la luna e il sole, dando vita/morte ai differenti presenti storici (Colamonico, 2002).

La scelta del nome "quanto storico"

https://sites.google.com/site/biostoriaspugna/home/briciole-di-biostoria/quantostorico/spazio%20quanti%20storici.png

- Dare un nome è una scelta di campo dell'osservatore che parte da una particolare qualità dell'osservato, che una volta isolata, si fa radice-legame di collegamento con un altro nome, preso, anche, da un altro indirizzo-disciplinare, che contenga tale qualità. In tale spostamento di senso-verso per somiglianza qualificativa si allarga il significato di un termine, già posto (senso ristretto).

Nel caso dell'indagine biostorica, il nome quanto storico è scaturito, nell'istante in cui si è posta (A. Colamonico. Fatto tempo spazio. Premesse per una didattica sistemica della storia. OPPI, Milano 1993) la differenza tra storia (bios-vita) e storiografia (scrittura della bios-vita), da cui scaturisce che l'evento-fatto è un quid-nudo (non detto) che l'osservatore posiziona in una definizione-datazione-collocazione di veste di realtà. Si generano così due dimensioni vitali quella dei non conoscibili (“virtuali” per i fisici quantistici), area del buio cognitivo che apre al vuoto di spugna, che a sua volta riecheggia il vuoto quantistico dei fisici e quella degli identificati-appresi (il campo degli eventi noti dichiarati, esplicitati, applicati... iscritti nelle molteplici discipline).

Dallo sdoppiamento (storia-storiografia) del campo osservativo è poi scaturita la dinamica di lettura, a pieno/vuoto (porosità) degli eventi, come il processo di rendere noto (l'evento-quanto informativo) un ignoto (l'evento-quanto storico, letto come unità inscindibile, non estesa, di "fatto-spazio-tempo", privo di nome-luogo-data), che agisce tuttavia da perturbare dello stato di un sistema storico, in un tempo 0 di presente (A. Colamonico: Biostoria. Verso la formulazione di una nuova scienza. Il filo, Bari 1998; Ordini Complessi. Carte biostoriche di approccio ad una conoscenza a cinque dimensioni. Il Filo, Bari 2002). Da tale essere un non-collocabile il quid-fatto si presta all'analogia con il quanto fisico, essendo entrambi unità discrete, secondo una visione a granuli di eventi da un lato e di spazio fisico dall'altro.

La parola "quanto " si è così allargata come una bolla che ne assorba un'altra , estendendosi nel significato dal campo della fisica quantistica a quello della biostoria. Nella costruzione del linguaggio è importante tenere presente che anch'esso ha una crescita, naturale, a frattale (evoluzione a spugna). Le medesime geografie mentali entrano nella comprensione o meno dei significati e nelle valutazioni storiche, tanto che non tutti attribuiscono i medesimi significati alla parole, con facili fraintendimenti e conflitti.

Trovare un accordo sulle parole richiede delle negoziazioni dei significati stessi, essendo le parole “particelle topologiche, in grado di mutare le spaziature dei pensieri. In tali intenti-accordanti, il linguaggio assume fluidità e le “parole plasticità” (A. Colamonico. Edgar Morin and Biohistory: the story of a paternity. In World Futures: The Jounal of General Evolution, a cura di A Montuori. Vol. 61 - n° 6, pp. 441-469, part of the Taylor & Francis Group - Routledge, August 2005; A: Colamonico, M. Mastroleo. Verso una geometria multi-proiettiva della mente. © Il Filo Bari, 2010).

Evoluzione di un significato-parola

Da A. Colamonico. Il piglio-eco-biostorico. L'osservatore e il linguaggio (nota iii). (© 27 settembre 2013 - Antonia Colamonico).

- Tutti i diritti sono riservati -

(Carta biostorica elaborata da: A. Colamonico. Biostoria. Il filo, Bari 1998.)


Da Galilei in poi la scienza aveva avuto la pretesa a poter dimostrare, indipendentemente dal legame osservato-osservatore-osservazione, la natura della Natura.

I sistemi di Cartesio, di Newton, di Laplace, tendevano, ognuno a proprio modo, di risolvere il sogno, appartenuto ad ogni epoca, di scrollarsi di dosso l’incertezza, l’incompiutezza, con la relativa angoscia dell’ignoto, per acquisire l’assolutezza nel dire, nello sperimentare, nel comunicare e nel governare. Il sogno di essere il dio del proprio sapere e della propria storia. L’opera titanica dei pensatori razionalisti, empiristi e illuministi aveva risolto le ambiguità di un apparire aperto a più sfaccettature, con la costruzione di tante scatole disciplinari allineate in cui, ordinate da leggi e calcoli matematici, ogni ambiguità assumeva la dignità di Scienza con la maiuscola.

I fenomeni venivano catalogati, misurati, isolati e racchiusi. Gli scienziati con zelo dimostravano il movimento disciplinato della vita, mentre si lasciava ai pittori e ai poeti il compito di raccontare quello indisciplinato. Ciò spiega il dualismo tra pensiero scientifico e pensiero umanistico con il relativo primato del primo sul secondo, con l’egemonia delle leggi fisico-matematiche su quelle psichico-emotive, con la supremazia dell’economia della ragione su quella del cuore, dell’economia degli Stati su quella degli Uomini. Ma, come ben sa l’atleta, ogni primato si presta ad essere superato.

Il secolo 1900 se da un lato ha segnato l’apice di tale egemonia, con quella che è definita la rivoluzione tecnologico-industriale, dall’altro indica la pietra d’angolo del ribaltamento e il relativo declino del titanismo scientifico meccanicistico determinista (Morin, 1993).

Per comprendere il nodo di crisi del sistema epistemologico occidentale, bisogna rileggere il testo di J Gleick: Caos - La nascita di una nuova scienza (1987). Il giornalista fa una incursione ai bordi della ricerca scientifica e mette insieme una serie di teorie che vanno dalla meteorologia, alla geometria; dalla sociologia, alla biologia; dalla fisica alla geologia, sottolineando, ai profani della scienza, la presenza di un universo scientifico minore:

  • Universo minore, per ridondanza e non certo per valore, che ai margini delle Accademie, indaga sulle evoluzioni organizzative dei sistemi vitali e sui processi non lineari.

Le dinamiche, viste come un unico corpo organico, prendono forma sugli schermi dei computer, visualizzando il disordine come elemento dinamico e generativo della complessità della natura. Per essere più precisi, ai margini della scienza ufficiale si scopre che l’errore, quale fattore aleatorio, è la forza rigeneratrice della natura che apre i sistemi alla sintropia del Caos (= ordine delle diversità).

La scoperta scientifica del disordine, come incertezza o lato oscuro intrinseco all’organizzazione vitale, assume vari nomi:

  • effetto farfalla o dipendenza sensibile dalle condizioni iniziali; dimensione frattale; turbolenza; attrattore strano con relativo bacino d’attrazione; biforcazione e sdoppiamento delle linee evolutive, finestra di ordine nel caos, esplosione e implosione dei sistemi organizzativi.

Tutti nuovi movimenti di correnti concettuali che rimettono in gioco la stessa conoscenza, vista non più come dato acquisito, una volta per sempre, ma come una perenne ri-organizzazione, ri-definizione, ri-appropriazione (Morin, 1977) di un gioco campo-individuo che sembra sfuggire ad ogni tentativo di catalogazione.

Si passa così da una scienza ad orologi ad una a nuvole (Popper, 1989). Da una lettura a sistemi chiusi a una a sistemi aperti alle alee d’evento (Prigogine, 1993) che rendono sempre nuovi e unici i processi, soggetti alle variazioni di campo. Da un sapere che afferma ad uno che ipotizza linee future di mondi possibili (Popper, 1984), in cui l’uomo entra nel gioco nella dinamica della natura con la sua stessa creatività.

Da tutte queste esplosioni di variabili che allargano il campo scientifico alla alea, la conoscenza, fortemente limitata e vincolata agli occhi-spazi d’osservazione (Einstein, 1988), agli strumenti-scale di lettura (Gleick, 1987)), acquista un nuovo significato. Non è più il campo dell’essere, ma bensì del divenire. Non più il fotogramma fermo in un tempo assoluto, ma un processo cinetico che accompagna la dinamica organizzativa della vita.

La scoperta della complessità, nella sua ricchezza di forme, a partire dagli anni ’60, dimostra il limite del grande castello determinista, con la relativa inadeguatezza a contenere e predire, nella ricchezza delle sue forme, la vita.

Il mondo dei poeti e dei pittori acquista, così nuova dignità ad essere, ad esistere.

  • C’è più realtà in un paesaggio di van Gogh che con pennellate veloci sfuocata e quantizza i confini dei luoghi, mostrando le turbolenze dei compi vitali, che nella legge del moto armonico smorzato del pendolo.

Il principio di falsificazione della scienza teorizzato da Popper (1984), può essere concretamente visualizzato dai giochi dei venti di Lorenz o dai salti di scale di lettura della crosta terrestre di Scholz o dalle finestre di ordine generate dal caos di Mey (Gleick, 1987); dalle forme frattali della geometria di Maldelbrot (1984).

All’inadeguatezza della scienza segue, come effetto farfalla, l’inadeguatezza delle politiche, delle economie, delle tecnologie, degli strumenti di lettura, delle mappe concettuali, delle carte topologiche, delle metodologie applicative e delle azioni riequilibranti.

Per comprendere il collassamento di tutto l’universo determinista, bisogna precisare che c’è un rapporto retroattivo positivo di squilibrio tra le indagini topiche, locali, e la visione utopica, generale, che giustifica quelle.

Nel processo d’appropriazione da parte dell’io-osservatore della realtà, una variazione, anche minima nelle prime delle due locali, automaticamente produce una ristrutturazione di tutta quanta la gnoseologia che la contiene (Colamonico, 2002).

Ed è proprio su tale salto cognitivo che si va ad intessere il pensiero e l’analisi di E Morin. Le sue opere tracciano, con ampiezza e profondità di riflessione, le nuove strade per lo studio della natura e della stessa umanità; lo studio del pensiero complesso e quello dell’organizzazione di una realtà anch’essa complessa.

Il bisogno di ritrovare il paradigma perduto è il grido che Morin (1973) lancia nella notte gnoseologica dell’Occidente. Ritornare all’interezza della vita, vista come un ologramma, egli ripete nei suoi scritti. Facendo sua l’esigenza di vedete l’uno nel tutto e il tutto nell’uno di Pascal (1967), Morin grida di ritornare a quella capacità di cogliere l’infinito-finito insieme.

Ed è proprio da tale invocazione che parte l’indagine biostorica, come bisogno a ripercorrere il sentiero smarrito, a ridisegnare la carta della storia, a ritrovare la mappa perduta del rapporto uomo-natura che faceva dell’uno e dell’altro un unico organismo vitale.





2. Crisi di lettura di un occhio univoco-sequenziale


La constatazione della forza rigeneratrice della natura che risponde ai fattori aleatori edificando processi nuovi (effetto farfalla), limita il determinismo fisico, secondo cui la natura deve ineluttabilmente seguire il suo corso, secondo una sequenzialità lineare di causa-effetto. Secondo la scienza classica, una volta isolato e identificato un processo naturale, esso diviene percorso-legge ben definito, tanto che si può calcolare con certezza matematica il suo divenire nel tempo (orologio).


Una simile organizzazione produce, a sua volta, come effetto di ricaduta sull’occhio-mente osservatore, una linearità, rigidità e assolutezza di visione:

  •  unica la dinamica, unica la lettura.

Si possono spiegare, così, gli irrigidimenti ideologici di destra e di sinistra che hanno prodotto gli estremismi e le divisioni con i relativi eccidi di massa del ‘900 (Morin, 2001).

Dalla rigidità mentale nasce l’interpretazione univoca della natura e della storia. Dalla rigidità dell’interpretazione della natura e della storia, quella univoca della mente: le due si assolutizzano e rinforzano a vicenda. In tale nodo storico di vincolo visione-processo si può leggere tutta la miseria del novecento, che ha portato al livello estremo la concezione di Laplace. I genocidi e i lager sono il risultato delle menti malate di linearità, di titanismo e di assolutismo:

  • la razza perfetta, lo stato perfetto, la chiesa perfetta, la famiglia perfetta, l’uomo perfetto, il padre perfetto, il marito perfetto, il figlio perfetto.

L’alea, introducendo l’indeterminismo, ha dato nuovo ossigeno al gioco storico-naturale con una visione aperta di futuro:

  • i processi non sono necessariamente consequenziali, da un processo può scaturirne, per sdoppiamento, uno completamente nuovo che annulla il precedente o lo ridimensiona.

Ma cosa significa un futuro aperto se non dare lettura all’imperfezione, al disordine, all’imprevisto, all’errore, alla malattia e offrire loro nuova dignità, integrandoli nel dialogo vitale.

La dinamica di processo, aperta alle alee di percorso, visualizza un’innegabile asimmetria tra i piani passato-futuro:

  • mentre il passato è un costruito che non può essere modificato; Il futuro è invece un costruibile che si presta a delle continue modificazioni, per effetto della forza creatrice della natura e dell’uomo che rispondono alle strozzature o agli stalli evolutivi con la loro intelligenza (Popper, 1984).

Ecco come si spiega l’importanza data alla stessa informazione nel processo d’organizzazione della natura, visto come un apprendimento di tutta quanta la casa cosmica (Capra, Steindl-Rast, 1993).

La capacità d’inventare equilibri nuovi permette alla storia di liberarsi del passato che non è più, da solo, il garante del futuro. È quello che Cipolla (1974) definirebbe “il passato è morto”. Da un punto di vista biostorico, il passato muore nell’istante in cui il suo paradigma non è più accettabile a giustificazione dei fenomeni, intendendo per paradigma le strutture sovralogiche che giustificano le scale di valore di una data gnoseologia (Khun, 1978). Sono le scale di valore che aprono ai mondi possibili o meglio alle futurizazzioni dei tempi 0, che rendono sempre presente la vita.

Ma facciamo un passo indietro. Distinguendo il passato, come l’area dello spazio-tempo fattuale (che è stato fatto-costruito-dato); dal futuro, come area dello spazio-tempo del fattibile (che può essere fatto-costruito-dato), si assegna al primo lo spazio di una visione chiusa; al secondo quello di una visione aperta (Colamonico, 1993). Il futuro, pur influenzato dal presente, rimane sempre legato a tutte le ipotesi, essendo il mondo del possibile. La liberazione implica, a livello mentale, imparare a confrontarsi con l’imprevisto, il non immaginato, l’impensato, l’inatteso.

In una visione di futuro a campo aperto, il passato entra marginalmente nella costruzione storica, in quanto non necessariamente può imprimere il senso-direzione alla edificazione della sua struttura. Per comprendere tale mutamento di prospettiva si dovrà iniziare a pensare alla struttura della storia come ad una realtà bio-fisico-informativa complessa e non lineare come invece è rappresentata nella carta temporale del Cellario, utilizzata nelle scuole, in cui la storia è scomposta in:

  • Preistoria → Storia antica → Medioevo → Età moderna → Storia contemporanea (Colamonico, 1994).

Con occhio biostorico, la storia è un’organizzazione naturale d’edificazione di spazi-tempi-fatti che nel corso del tempo ha assunto e assume una struttura a spugna, per effetto della gemmazione degli eventi. La spugna, a sua volta, è una struttura complessa in costruzione che contiene l’informazione dell’uno-tutto, pur aprendosi a espansioni nuove.

Per comprendere meglio è bene precisare che la dinamica dei quanti perturba lo stato del presente, modificando gli stadi vitali che potranno assume differenti forme-creste evolutive (Colamonico, 2002).



(Carta biostorica elaborata da: A. Colamonico. Biostoria. Il filo, Bari 1998.)


Procedendo con ordine, si può comprendere il salto di visione dalla linearità alla complessità e riflettere sui sistemi di lettura, d’indagine. Se il passato non è il garante del futuro, automaticamente gli appresi e i conosciuti, come il bagaglio informativo accumulato e custodito, non sono più sufficienti per saper rispondere alla vita.

La scoperta dell’incompletezza delle letture ha prodotto in questi anni, come effetto, lo smarrimento delle menti. Il caos informativo è emerso in tutti i campi della conoscenza, tanto che molti hanno profetizzato, la morte dell’Occidente o per eccesso d’informazione (Toffler,1988) o per corto circuito degli eventi (Baudrillard, 1993). E si è registrata l’insorgenza di una schizofrenia collettiva.

  • Ma quale è il fattore scatenante di tale follia umana? Se di follia si può parlare.

La risposta è semplice:

  • nella incapacità di lettura della complessità.

La mente umana non viene educata a leggere la complessità, vista come una molteplicità di linee evolutive che si perturbano insieme e si auto-organizzano, ri-perturbandosi nuovamente, secondo un processo di retroazione positiva, esponenziale.

Nel corso degli ultimi secoli, sono stati privilegiati i sistemi sequenziali, nell’organizzazione delle informazioni. La catalogazione, la stesura, la memorizzazione, l’osservazione, ecc. delle informazioni, avvenivano secondo ordini temporali lineari di successione, di causa-effetto.

L’organizzazione alfabetica della scrittura, ad esempio, è una successione temporale di lettere-parole-periodi che rendono linea il discorso con il corrispettivo occhio di lettura.


Lo stesso non può dirsi di uno schizzo pittorico in cui l’artista visualizza un disordine informativo che assume una particolare armonia visiva dall’interazione del pieno/vuoto di segno. Qui, gli spazi assumono un pari valore al fine dell’effetto sematico-visivo e l’occhio-lettore è libero di focalizzare e muoversi sul tutto, libertà dell’occhio (Rovetta, 2002), scegliendo, di volta in volta, il fuoco di lettura (Hubel, 1989).

In un testo narrativo, invece, alla linearità di scrittura-lettura, che scinde il pieno (lo scritto) dal vuoto (il bianco della pagina), attribuendo a questo un valore 0, corrisponde una scissione mentale tra il contenuto-contenitore; per cui il contenuto emerge, il contenitore scompare, secondo un gioco di ombra/luce che porta a scindere la realtà in sequenze disciplinate.

Lo stesso avviene nell’azione d’esplorazione della realtà, quando l’occhio osservatore, nel processo di lettura, mette a fuoco l’individuo-oggetto, isolandolo dal campo e inizia ad indagarlo. La capacità ad isolare, rendere isola, dà oggettività all’individuo-oggetto, attribuendogli un’entità storica (Putnam, 1993); ma nel contempo lo separa dal campo che lo contiene, non visualizzando i legami-fili che costituiscono gli interscambi informativi individuo-campo/campo-individuo, con le relative perturbazioni.

Nello studio, ad esempio, del moto armonico smorzato del pendolo, le variazioni del campo nel tempo erano indifferenti, ai fini della lettura, per cui si poteva tranquillamente affermare la ripetitività del tracciato di volta in volta. Oggi grazie ai sensori di un computer, si è dimostrato che ogni tracciato è un percorso nuovo, unico, per effetto delle risposte, di volta in volta, del campo, tanto che si parla di una costruzione a otto (Gleick, 1989).

Le letture unidirezionali e univoche, negando valore a parti del tutto non risultano sufficienti a gestire l’alea, in quanto non aprono la mente alla visualizzazione di tracce di imprevisti. La capacità a giocare su più fuochi e su differenti livelli semantici può essere considerata la risposta alla gestione delle alee.

Sdoppiare l’occhio di lettura è il salto di paradigma che bisognerà compiere:

  • un occhio-mente che sappia vedere insieme le dinamiche individui/campi/lettori.

Ma un occhio sì fatto è schizato, poiché sa focalizzarsi su più dinamiche nello stesso tempo, come un sensore con cento occhi.

È fortemente dinamico in quanto si muove ad angolo sferico. È paradigmatico in quanto sa attuare i salti di registro semantico, aprendosi a nuove scale di valore. È un occhio topologico che si muove per costrutti di mappe e non solo per costrutti di periodi.

Ma per partorire tale nuova capacità di lettura è importante partire da una visione a salti-finestre nella lettura della dinamica storica (Colamonico, 1993).



(Carta biostorica elaborata da: A. Colamonico. Biostoria. Il filo, Bari 1998.)








3. Il salto gnoseologico: Edgar Morin


La scoperta della complessità e la crisi di lettura dell’occhio univoco, appena tracciate, aprono al pensiero di Edgar Morin.

Egli stesso si definisce, il Battista della nuova umanità (1993). Convinto che il processo vitale proceda a salti (Rostow, 1962) che rendono sempre nuove le organizzazioni, egli parla di continue rinascite, in cui l’evoluzione di passato-futuro produce delle fratture/strozzature nella linea della storia, da cui nascono i Mondi nuovi.

Nei suoi lavori sul Metodo, isola tre grandi periodi dell’umanità, in cui l’essere sociale si è auto-organizzato:

  • l’età della preistoria, della storia, della meta-storia.

La prima è quella arcaica, in cui la società è organizzata intorno a bio-classi, con differenze sociali che si fondano su quelle biologiche di sesso e di età:

  • bio-classe maschile, femminile; bio-classe bambini ... adulti, vecchi. ...

Gli individui sono in una simile società polycompétents (2001), cioè aperti a più occupazioni. Importante è sottolineare che una siffatta società non sviluppa il concetto di Stato, come organizzazione politico-sociale, bensì quello di Cultura.

La società preistorica è culturale e nell’interiorizzazione di questo valore, da parte degli individui che la compongono, nasce l’idea di norma e regola sociale.

Nel tempo la società arcaica si è differenziata e moltiplicata, tanto da auto-trasformarsi radicalmente nelle organizzazioni storiche conosciute. In queste è nato il concetto di Stato, come l’apparato centrale del controllo e dell’organizzazione della società.

Lo Stato produce i suoi confini, le sue leggi, i suoi codici, i sui decreti, i sui sistemi di lettura, d’interpretazione, di difesa, ecc. che entrano, non senza conflittualità, nell’ordine culturale naturale biologico. Lo Stato diviene, così, il despota della società e di conseguenza degli individui attraverso:

  • i suoi sistemi di controllo e di dominio, un esempio Luigi XIV con il suo “l’état, c’est moi”; la sua forza civilizzatrice nei confronti di altri stati e, infine, di recente, il suo spirito democratico.

Proprio la nascita dello Stato democratico produce una conflittualità nella struttura organizzativa dell’identità storica tra l’onnipotenza dell’apparato statale e la pluralità delle opinioni con i contrasti di idee, visti quasi come la follia del parere personale.

La crisi che oggi si sta vivendo, è la conflittualità tra due visioni di mondializzazione che si auto-respingono, pur essendo frutto di una medesima dinamica.

  • La prima si basa sulle logiche economiche e tecnologiche di un mercato-mondo, frutto del primato tecnocratico.

  • La seconda è quella che parte dall’idea che il mondo non è un mercato, bensì una patria comune. Queste due mondializzazioni antagoniste, sono per Morin inseparabili e coltivano la stessa idea di una Società-mondo.

Ma quello che manca per l’attuazione di una società planetaria è una Società Civile Mondiale, in quanto le stesse Nazioni sono di fatto un ostacolo alla sua realizzazione. Le contraddizioni che Morin ritrova nelle società storiche lo fa parlare di uomo:

  • sapiens-demens, in grado di costruire e di distruggere.

Per comprendere la crisi della storia, bisogna partire dai fattori aleatori, come dinamiche dei quanti d’evento. Nelle strutture a Stato, poco si inserisce l’avvenimento, come l’alea biologico-naturale che è imprevista, nuova e squilibrante per le dinamiche organizzative. L’imprevedibile, essendo non determinabile, è un non atteso che va gestito e il gestirlo richiede delle qualità mentali nuove e delle politiche nuove che aprano all’ecologia delle idee e dell’azione (Morin, 1991).

Nasce qui la terza fase dell’umanità che Morin chiama meta-storica. Nell’articolo - Au delà du pacifisme - apparso su Le Monde (febbraio 2003) dice:

- L'idea di uscire della storia sembra utopica. Ma l'umanità non è, da alcune migliaia di anni, uscita della preistoria? Uscire della storia non è immobilizzarsi. Questo è continuare l'evoluzione, ma secondo altre norme ed ad un meta-livello… L’Era planetaria produce le condizioni di una meta-evoluzione.

Non si tratta di sognare un governo mondiale con l’abolizione degli Stati, ma imparare a cum-prehendere la natura della natura, l’umanità della umanità. L’identificazione di un meta-livello porta ad un ripensamento della stessa epistemologia e apre al salto di paradigma con il relativo crollo dei cardini-vincoli che fanno da sfondo alla società degli Stati e la relativa apertura ai nuovi valori della Civiltà Planetaria.

È sul livello profondo dell’eticità che si gioca la partita della storia. Ogni salto implica la messa in ombra di un senso-direzione e la messa in luce di un nuovo percorso di meta-significato che attribuisce ad ogni singola azione il nuovo valore individuale, sociale, epocale.

Per cum-prehendere bisogna partire da una ridefinizione della stessa gnoseologia:

  • Che cosa è la conoscenza?

  • Come entra il processo di conoscenza nella costruzione della storia?

  • Come la costruzione della storia nella costruzione degli individui biologico-sociali?

  • Come gli individui biologico-sociali in quelli fisico-naturali? E quelli fisico-naturali in quelli fisico-artificiali?

  • E infine questi ultimi nella costruzione della conoscenza e della storia?

Edgar Morin passa, con mente poliedrica, dallo studio socio-antropologico a quello gnoseologico e traccia le coordinate di una nuova epistemologia (1989) probabilista, sperimentale, vincolata, caleidoscopica. In grado di far dimenticare il dogmatismo, l’astrattezza, la sequenzialità, l’univocità, la staticità delle teorie assolutiste che avevano finito col dominare nel II millennio.

Ed ecco il salto da una mente disgiuntiva (o/o) a una coordinativa (e/e); da un pensiero selettivo ad uno connettivo; da un sapere frantumato in tante scatole disciplinari, per se stanti, ad un sapere interfacciale, quale abbraccio tra la conoscenza scientifica e quella umanistica, tra il lato sinistro e quello destro dello stesso cervello.

Uno sguardo-mente che sia in grado di vedere l’uno-tutto insieme e che sappia essere ologrammatico, paradigmatico e non programmatico, olistico, riduzionista. Così facendo, egli pone le basi di un nuovo umanesimo, auspicando una nuova scienza e una nuova coscienza capaci d’interagire con le alee d’evento che aprono alla creatività e alla dialogica della vita. Vista, questa, come il valore inalienabile dell’umanità.

Biostoria si interconnette nel pensiero di Morin, proprio in tale nodo-semantico e apre le porte ad una nuova coscienza-scienza dinamica, eco-auto-organizzante, in continua ri-costruzione, essendo studio-sguardo che segue, disegnandola, la dinamica della vita, in tutte le sacche-nicchie cosmiche.




4. L’occhio di lettura a cinque dimensioni


Per comprendere il salto di paradigma, bisogna riflettere sulla stessa natura della conoscenza.

L’azione del conoscere, permette d’identificare e di distinguere un individuo-oggetto, come un isolato di lettura, dal campo, come il bacino-contorno d’appartenenza di quel quid che si sta leggendo (Maturana e Varela, 1992).

Con un occhio lineare, l’azione dell’isolamento porta a considerare indifferente il campo-contorno, una volta attuata l’identificazione. Morin è molto categorico:

  • tale occhio che disgiunge non è idoneo a leggere la complessità.

Bisogna, quindi, passare ad un occhio lettore che conservi una visione sdoppiata a utero-feto (= mamma-figlio). Essendo la dinamica vitale una eco-auto-organizzazione, il processo di costruzione è un’organizzazione in organizzazioni; si spiegano così le trame degli echi di evento.

Un isolato, sia esso o un fenomeno fisico o chimico o storico o concettuale, ecc., subisce l’influenza del campo che lo contiene e lo distingue. A sua volta il campo subisce l’interferenza dello stesso fenomeno che ha prodotto. Sono le medesime interferenze i quanti storici, come il toccarsi-informarsi dei campi-nicchie-individui. Ad esempio, il concetto è forgiato dal pensiero-mente che lo elabora, essendo questo stesso ad imprime alla sua topologia una certa forma-significato. Lo stesso vale per la nuvola con il cielo-corrente che la ingloba; per l’albero con il bosco-humus che lo accoglie. A loro volta il concetto, la nuvola e l’albero modellano il campo, facendogli assumere una forma e una storicità, con cui può essere distinto dagli altri campi similari:

  • il campo mente di Edgar è unico e solo, in quanto modellato dalla stessa organizzazione del suo pensiero-emozione.

Lo stesso vale per Einstein e van Gogh. Ogni pensiero, ogni cielo, ogni bosco sono processi unici, essendo irripetibili i quanti perturbativi che li hanno prodotti, in quel dato momento storico. Il campo, quindi, imprime il modo di manifestarsi del concetto o nuvola o albero, questi ultimi il modo del campo. Tale andare/tornare delle influenze come perturbazioni di quanti, incide sulla dinamica vitale dell’isolato e del campo, rendendoli instabili e soggetti a continue eco-auto-ri-organizzazioni, come dei ri-modellamenti che rendono plastica la vita (Colamonico, 2002). 


Il concetto di plasticità è funzionale all’auto-organizzazione spazio-temporale dei sistemi, in quanto essi sono forme in formazione. Ed è proprio in tale capacità creativa che si può parlare di organizzazione vitale a livello cosmico.

In senso biostorico si possono distinguere tre differenti tipologie di plasticità: la vita, lo sgardolente, la parola. Entrambe entrano nella edificazione della storia. Ma procediamo con ordine.

Per poter visualizzare la dialogica informativa, campo-individuo, necessita iniziare a pensare in ordini di pensiero con-net-tivo. Il passaggio a tale modo di guardare e ragionare incide su due possibilità di lettura-azione:

  • vedere il vuoto/pieno, il centro/periferia, il fuori/dentro, il finito/infinito; muoversi in uno spazio a campo profondo

Il camminare non equivale al volare.

Per comprendere è importante partire dal rapporto dimensioni di lettura-spazio d’azione. La nascita di un campo complesso d’osservazione, ipotizzato da Morin, è strettamente legato al grado di libertà del modo d’espletare l’azione di lettura.

Il grado di libertà dell’occhio osservatore è il nodo-vincolo di scelta. Uno sguardo, ad esempio, ad un solo grado di libertà è vincolato ad una sola scelta che diviene l’azione obbligata, non essendoci altre alternative. Un occhio a più nodo-vincoli è più favorito nell’esercizio della libertà, in quanto dovrà valutare tra le varie possibilità, quella che poi diverrà la traccia-linea di futuro-realtà.

Un occhio privo di vincoli, apparentemente sembrerebbe illimitato, ma di fatto è fermo per eccesso di libertà del sistema che paralizza l’azione (Toffler, 1988).

È interessante riflettere sul valore dei gradi di libertà nella costruzione del pensiero. L’io-osservatore, pur vivendo nello spazio presente che il suo occhio-mente elabora su tre dimensioni (altezza-lunghezza-profondità) e che gli permette di visualizzare le collocazioni differenziate degli oggetti (avanti-dietro-destra-sinistra…); può, con un salto di sospensione, aprirsi ad una quarta dimensione, il tempo, e a una quinta, il campo-finestra.

La dimensione tempo permette di viaggiare nell’eco-storico, spalancando le porte al passato-futuro e proiettando l’io-osservatore negli spazi prima-dopo degli immaginati. Si possono così visualizzare le trame-echi d’evento, quali segni dei mutamenti evolutivi degli stati-stadi di realtà. È bene precisare che c’è uno scarto spazio-temporale tra il presente e il passato-futuro.

Il presente, tempo 0, è l’unica dimensione di realtà: attuazione perenne della storia. Il passato-futuro sono solo degli immaginati che si prestano ad essere attualizzati, nell’attimo in cui entrano nelle maglie del presente, indirizzandolo.

La quinta dimensione, il campo-finestra, creando il perimetro-limite del fuoco di lettura, permette di segnare la zona d’indifferenza del campo osservato con il relativo dentro/fuori o luce/ombra dell’azione di rilevazione.

(Carta biostorica elaborata da: A. Colamonico. Ordini Complessi. Il filo, Bari 2002.)



L'occhio-mente per leggere e gestire l’alea dovrà imparare ad essere fortemente dinamico e a giocare con tutte le variabili-dimensioni di lettura che gli visualizzeranno uno spazio profondo:

  • ora univoco, ora multiplo, ora passato, ora futuro, ora vicino, ora lontano…

Sono le stesse direzioni di lettura che segnano le tracce-linee su cui muoversi nell’organizzare le informazioni e quindi catalogarle, valutarle, confrontarle, memorizzarle, dimenticarle, ecc.

Ad esempio nella narrazione l’occhio si nuove sulla dimensione tempo che permette d’ordinare le successioni di eventi; nella descrizione, sullo spazio che permette di coordinare l’altezza, la lunghezza, la profondità e dare il luogo-posizione nello spazio dell’oggetto descritto. Solitamente nell’ordinare si privilegia o l’uno o l’altro. Per cui si hanno delle rilevazioni di tipo temporale o di tipo spaziale, oppure le due si intrecciano.

Una fiaba è di tipo prevalentemente temporale; un affresco, spaziale; un film è sia temporale e sia spaziale, in quanto entra in gioco la cinepresa che permette di visualizzare e narrare. In tutti questi casi siamo sempre con una organizzazione a fuoco unico.

Per poter comprendere il salto al pensiero complesso, con la relativa nuova visualizzazione a fuochi sdoppiati, bisogna introdurre il concetto di finestra storiografica.

  • Che cosa è una finestra storiografica?

La finestra è l’apertura di uno spazio d’osservazione sull’infinito. Essa segna, anche, la linea-contorno del campo di lettura e in questo limitare-contornare si pone come frontiera del dentro/fuori d’informazione.

Il concetto di frontiera è importante ai fini di una lettura a centro/periferia, essendo il luogo dello stare di fronte, del guardarsi l’un l’altro (Cassano, 1996). La finestra delimita, in una mappatura cartesiana della storiografia, la linea del limite di lettura e apre l’occhio alle simultaneità, alle contemporaneità, alle analogie dei processi spazio-temporali. Essa permette di scindere, di moltiplicare e di zoomare le aree d’osservazione e permette anche di vedere le influenze nodali nella Rete eco-biostorica.


(Carta biostorica elaborata da: A. Colamonico. Fatto tempo spazio. OPPI, Milano 1993.)


La finestra storiografica svolge la funzione di sguardolente

  • sguardo che osserva la dinamica vitale;

  • lente che inquadra e zooma.

Quando nel 1991, aprii la prima finestra storiografica, uno noto storico, di cui tralascio il nome, mi disse – E a che cosa ti serve? – ed io di ritorno - Non lo so. Poi lo scoprirò. Infatti, quando incontri il pensiero di Edgar Morin, compresi che quella finestra era la chiave d’accesso al pensiero complesso, come quinta dimensione di lettura.

La finestra è la quinta dimensione che aggiunta al tempo, alla lunghezza, alla profondità, alla larghezza, permette d’organizzare, in simultaneità, gli ordini multipli informativi.

Solo un occhio sguardolente a cinque dimensioni:

In natura esiste un occhio a fuochi sdoppiati, è quello della mosca, che percepisce ogni più lieve perturbazione del campo, avendo una visione frattale che la rende velocissima.

Il pensiero complesso passa, dunque, per un occhio-mente a cinque dimensioni come sguardo schizato, de-coordinato, a più lenti-finestre, a più livelli di profondità, a più alee informative.

Occhio che sa zoomare i piani di lettura, mutando la porosità delle membrane degli osservati che ad una lettura lontana sembrano un tessuto poroso, mentre ad una lettura avvicinata, mostrano un carsismo di nicchie-caverne. Ad esempio la visione esterna di una mano e quella interna alla mano. Occhio infine che si muove, contemporaneamente, sui due emisferi del cervello, per attuare da un lato le osservazioni-riflessioni; dall’altro i salti-analogie.

È, quindi, insieme, l’occhio poeta-scienziato, esteta-critico, bambino-uomo.

Esso dà pari dignità alla ragione e al cuore; è in grado d’inventare l’impensato, l’inimmaginato, il non visto e di commuoversi di fronte alla bellezza della vita.

Ma per descrivere il dinamismo di un simile modo d’osservare è bene chiarire cosa sia Biostoria.

Diritto di maternità dell'idea-biostoria

Nota dell'autrice di Biostoria


Epistemologa della scienza & metodo Biostoria

La Scienza & Metodo Biostoria (Biohistory of Knowledge) rappresentata in questi luoghi-nicchie storico-semantici (articoli, saggi, romanzi, racconti, blog e siti), non è da intendersi come l'introduzione di tecniche derivanti dalle scienze biologiche nell'indagine storiografica, intonazione data ad esempio da Stephen Vickers Boyden, ma altresì come il connubio tra bios (nel senso epistemologico del βίος filosofico) e la storia come l'accadere vitale dei "fatti" nei tempi 0

 Il nodo di partenza della rete informativa fin qui elaborata è stato, mentre si procedeva in classe con il laboratorio storico, la rilevazione di un errore concettuale, registrato già da J Le Goff, nella identificazione (come unica realtà) tra la narrazione degli accadimenti passati e la dinamica dei processi vitali, che non faceva tenere conto dello scarto posizionale tra l'osservatore e l'osservato (come documento in Fatto tempo spazio del 1993). 

  L'aver racchiuso, come ancora accade nei manuali scolastici, la disciplina storia al solo passato dell'uomo, con addirittura la distinzione tra storia e preistoria, rende lo studio del sapere fattuale fortemente circoscritto ad una visione limitata che difficilmente spiega le dinamiche vitali a campo allargato e le capacità organizzative della mente umana di rispondere alla vita, in ogni presente.

  Naturalmente come avviene nella realtà dei fatti il piano dell'indagine si è via, via allargato sino ad assumere la forma topologia a corpo unico di mente/campo che, oggi, si può scorgere nel complesso gioco delle visualizzazioni racchiuse in queste carte eco-biostoriche. Prodotte da continue riflessioni, esercitate sulle stesse argomentazioni, con una lente-sguardo, in grado di essere Osservatore dell'osservatore (Biostoria, 1998).

  Nel saggio pubblicato negli USA (Edgar Morin and Biohistory: the story of a paternity, 2005) spiego come sia nata la parola e come poi da essa si sia costruita tutta quanta la nuova disciplina che in senso trasversale può incontrare altre semantiche.

  La presente nota, nasce dal aver constatato, un tentativo, spero involontario, d'espropriazione dell'idea, dandone la paternità a studiosi stranieri. L'impianto biostorico, così come esposto in questi luoghi-nicchie, è senz'altro un vanto per l'Italia e mi permetto di sottolineare che le riflessioni contenute nei miei scritti, non possono essere arbitrariamente trasferite ad altri pensatori. Così facendo si produce un falso storico.
 
Pubblicato da Antonia Colamonico (biostorica) in: Blog - Le palestre della mente.






5. La scienza-metodo: Biostoria


Biostoria, oggi, è una bambina di dieci anni; ha lo sguardo materno, de-coordinato e la mente paterna, complessa. È la scienza della Società della Conoscenza, infatti può essere considerata il nuovo tracciato metastorico di cui parla Edgar Morin.

È l’epistemologia che si apre all’uno-tutto della dialogica cosmica e, nel contempo, il metodo-sguardo di lettura del finito-infinito, insieme. Si pone come Scienza delle scienze, quale meta-livello cognitivo che lega in un abbraccio, ologrammatico e paradigmatico, tutti i campi del sapere, siano essi studio dei reali/ideali, concreti/astratti, organici/inorganici, passati/futuri, soggetti/oggetti, privati/pubblici, io/tu…

Biostoria è una scienza che non impone, non chiude, non rincorre l’assolutezza; ma si limita a tracciare, disegnare, percorrere, accompagnare, esplorare, a più gradi di lenti, le linee evolutive degli spazi-tempi-fatti dei:

  • datati, collocati, posti, agiti, detti, sentiti, ideati, approvati, condivisi, misurati, identificati,… 

per cogliere i mutamenti caleidoscopici delle stesse visioni.

Non vuole essere padrona-signora di vita, essendo aliena al potere, ma semplicemente anima madre-bambina, spazioliberina, che gioca con i vuoto/pieni di spazi-tempi-fatti e racconta al suo uomo, strutturato spaziostretto, occhio lineare-univoco, e al suo bambino, strutturato spaziobiricchino, occhio in costruzione, l’eticità della dinamica della vita. È un occhio amico-amante che sa leggere i silenzi, le attese, le incomprensioni, gli inganni, le speranze, le gioie… e disegna gli spazi di libertà.


(Carta biostorica elaborata da: A. Colamonico. Biostoria. Il filo, Bari 1998.)



Procedendo con ordine; il campo d’osservazione biostorica è la dialogica della vita, come processo d’informazione, a livello cosmico, che apre spaccati di spazi-tempi-fatti finiti, nello Spazio-Tempo-Fatto Infinito, per effetto di ricaduta dei quanti storici, promotori di vita.

La costruzione storica è un processo di traslazione-gemmazione di eventi, che attualizzano il presente, in tutti i piani di passato-futuro storico.

Biostoria: quaderno n° 5

Antonia Colamonico, Marcello Mastroleo

Le Geometrie della Vita nel Salto Eco-biostorico

Verso una Topologia a occhio infinito della relazione Mente/Mondo


© 2010 – Il Filo S.r.l. - Bari

Indice:

Lo Spazio-Tempo-Fatto, nel processo d’erosione per effetto della dinamica perturbativa dei quanti, assume una struttura a spugna che si presenta come un unico corpo organico, pur frastagliato e frattale nella sua forma che tende all’infinito storico.

La particolarità del suo aspetto è il frutto della stessa dinamica informativa che si apre a nuove linee di futuro, chiudendosi, a seguito dei mutamenti di percorso, ai vecchi tracciati.

Il chiudersi/aprirsi determina i vuoti/pieni di spugna, come i non attuati e gli attuati, i non accaduti e gli accaduti.


(Carta biostorica elaborata da: A. Colamonico. Biostoria. Il filo, Bari 1998.)



I quanti sono particelle discrete, bio-fisico-informative. Costituiscono la carica auto-propulsiva 1 dell’infinito biostorico, che si auto-organizza per effetto dello stesso toccarsi-informarsi delle sacche-nicchie storiche.

Essi con un gioco di esplosioni/implosioni permettono di tenere vivo l’intero Universo, informandolo/deformandolo, come un grande cuore cosmico che pulsa, per effetto dell’energia che essi stessi sprigionano, muovendosi.

Il quanto, come carica energetica 1, è un’unità multipla inscindibile, costituita da un fatto-tempo-spazio.

Nel suo attuarsi (fatto), esso produce un effetto di dilatazione nello spazio, con la partenza di una linea-direzione di tempo, di qui la relazione:

  • Fatto : Tempo = Tempo : Spazio = Spazio : Fatto.


(Carta biostorica elaborata da: A. Colamonico. Biostoria. Il filo, Bari 1998.)



Lo spazio costituisce l’informato, colui che subisce l’azione di deformazione. Il tempo il formato, come il nodo-punto di partenza della deformazione futura nelle nicchie-sacche spaziali. Il fatto è l’informatore, come il quid che comunica-imprime il grado (+ o -) di mutamento nello stato di presente.

Il primo, informato, è la struttura piena, il secondo, formato, è la struttura vuota della spugna storica. Il terzo, informatore, è il vincolo-eco-scia della rete informativa.

La rete, come insieme di tutti i nodi-vincoli informativi è l’eco-storico che costituisce la trama di passato-futuro su cui s’intesse, annodandosi, il presente biostorico.

La trama storica è un passato che tende al futuro, passando per i quanti presenti. Ogni quanto è la risposta, a tempo 0, ad una perturbazione precedente, che l’ha influenzato-attivato; nel contempo è, a sua volta, un perturbatore dello spazio-tempo futuro, poiché imprime la nuova modifica di direzione (bivalenza madre-figlio).

È nel tempo presente che si gettano le linee o i tracciati di quelli che diverranno i successivi presenti.

L’attuazione dei piani futuri non è legata agli effetti di una sola dinamica evolutiva, ma è il risultato di una complessa perturbativa di quanti che rendono poco prevedibile, o meglio, aperto il futuro.



(Carta biostorica elaborata da: A. Colamonico. Fatto tempo spazio. OPPI, Milano 1993.)



L’eco storico è la struttura profonda dell’intera dialogica biostorica, a tempo 0.

È bene precisare che il tempo del quanto, come tempo presente, è il tempo 0. È da questo che poi parte la linea del tempo (Prigogine, 1989), che permetterà, con il processo neghentropico di risalita, le rilevazioni topologiche. Il tempo 0, permette nella lettura di distinguere il prima-dopo e così datare l’evento.

Il tempo storico non è una linea univoca (tempo di lettura), anch’esso si presenta scisso e frastagliato, essendoci la dipartita di tante linee di tempo per quanti spazi-eventi resteranno perturbati dal suo attuarsi:

  • Si può così parlare di tempo uomo, tempo fiore, tempo cellula, tempo sole, tempo universo, tempo ape…

  • e nel caso di tempo uomo: tempo casa, ufficio, associazione… cioè tutti gli spazi influenzati dalle dinamiche relative ad ogni soggetto.

Il processo naturale è una dinamica di creazione-gemmazione di spazi-tempi-fatti a più livelli soggiacenti, come nicchie in nicchie, rapporto utero-feto. In tale processo di divenire a più strati-sacche di realtà, la costante è la medesima struttura organizzativa, che si auto-organizza in organismo a spugna.

I vuoti/pieni sono presenti in tutte le forme naturali:

  • bronchi, muffa, geranio, costa, pelle, occhio, caverna, atomo… essendo l’effetto di ciò che avrebbe potuto essere e ciò che di fatto si è concretizzato.

Il quanto imprime il grado di deformazione e di conseguenza la direzione. Anche il pensiero è carsico e ha una struttura a spugna con i vuoti di memoria-emozioni-ideazioni-riflessioni… e i pieni di memoria-emozioni-ideazioni-riflessioni…

I vuoti/pieni sono il risultato delle perturbazioni dei quanti nei vari presenti della coscienza individuale e sociale. Si può spiegare, allora, il contrasto tra sapiens-demens registrato da Morin (2001):

  • Il sapiens è relativo all’acquisto d’informazione-consapevolezza, come capacità organizzativa,

  • il demens alla perdita d’informazione-consapevolezza, quale incapacità organizzativa per effetto dei quanti perturbatori che squilibrano i sistemi.

Ed è da tale incapacità di lettura-gestione che nasce la paura e la conseguente chiusura ideologica.

Il processo di gemmazione dei quanti può essere letto, con un occhio egli, come un fuoco d’artificio, fatto di esplosioni di luci, implosioni di luci: luce/buio/luce/buio/luce... La luce è il quanto d’evento che perturba la nicchia di spazio-tempo, imprimendo il grado di rottura al campo. Il buio come assenza d’evento, tempo vuoto, è l’elaborazione di una risposta del campo, con l’ideazione-organizzazione di un nuovo quanto perturbativo che squilibrerà nuovamente lo spazio-tempo.

Acquisto/perdita d’informazione come ordine/disordine sembra essere la condizione della vita che oscilla tra due poli: sintropia/entropia, vita/morte.

In questa bivalenza o ambiguità si inserisce la neghentropia, come il processo d’apprendimento che porta a ridurre l’entropia, tramite un’inversione, verso la sintropia o viceversa ad aumentarla, accelerando il grado d’entropia. Ad esempio in uno stato di malattia il prendere o no il farmaco giusto. L’inversione, come cambiamento del verso-linea di futuro, è il salto di paradigma, che apre ai nuovi percorsi storici e alle nuove gemmazioni. È bene precisare che il processo d’apprendimento è cosmico e non legato alla sola condizione uomo, il quale occupa un posto periferico e marginale nella dinamica della vita.

La lettura delle perturbazioni biostoriche, come processo dialogico, presuppone un occhio lettore sdoppiato, o meglio de-coordinato, che sappia vedere, in simultaneità, i mutamenti dentro/fuori, vuoto/pieni della spugna vitale.


(Carta biostorica elaborata da: A. Colamonico. Biostoria. Il filo, Bari 1998.)


La visione di una sezione di cresta di storia fa comprendere la limitatezza di lettura dei sistemi tradizionali d’organizzazione storiografica che pretendono di rendere linea, ciò che linea non è.

Solo una lettura a finestre può garantire una visualizzazione che sia complessa e frattale, aperta alle diversità di percorso e ai mutamenti vitali. Ma un’organizzazione sì fatta, implica un nuovo approccio alla conoscenza, quale percorso neghentropico che non chiuda in una visione univoca, ideologica, lineare e sequenziale la complessità della vita.

Ogni rilevazione è solo una delle letture-percorsi possibili su una medesima sezione di realtà. Ciò apre alla dimensione del gioco, della sperimentazione, dell’emozione e dell’ideazione di futuri possibili: ecologia della mente-azione.

Biostoria: quaderno n° 6

Antonia Colamonico

Lo sguardo biostorico tra echi di realtà e tempi 0


1a Nicchia:
Il ruolo storico dell'Osservatore nella costruzione della realtà multi-proiettiva

2a Nicchia: L'accoglienza della novità. Il processo creativo e il dispiegamento degli spazi-tempi frattali

Antonia Colamonico. © 2011/2012





6. Mappatura del pensiero frattale


Essendo la storia il processo spaziale a campo profondo di tutta quanta la realtà, a tempo 0-infinito, si presenta all’occhio osservatore come una dinamica di costruzione di luoghi: i topos. I topos possono essere i luoghi:
  • mentali, fisici, chimici, organici, inorganici, materiali, immateriali, concreti, astratti, reali, virtuali
In una visione biostorica si definisce realtà tutto ciò che entra nel gioco vitale, acquisendo, nell’attimo stesso del suo porsi, un fatto-tempo-spazio (elemento costitutivo del quanto).

Crollano così tutte le riduzioni e divisioni di una logica disgiuntiva e separativa (Morin, 1993) che componeva le scatole disciplinate di conoscenze indipendenti. Con un occhio biostorico tutto è soggetto ad essere perturbato/perturbatore, essendo tutto storia.

Se tutto è storia, quindi non si può dare a parti di realtà la dignità di esistere e a parti, negare il diritto ad esserci:
  • la nuvola di quel dato cielo, l’idea di quella data mente, il sasso di quel dato fiume, l’orbita di quella data stella, il sorriso di quella data bocca… tutti insieme entrano nel ballo vitale, con pari dignità
Ecco il salto di paradigma e la scoperta dell’eticità dialogica, intrinseca alla storia. Anche la realtà virtuale cibernetica, ad esempio, nell’istante in cui si è posta, è entrata nel gioco dei nodi-maglie-reti storiche; lo stesso vale per un sogno che spaventa un bimbo nel cuore della notte o un’idea che apre uno spaccato di soluzione nuova o un riflesso di luna che si specchia nell’occhio di una donna innamorata. Tutto è perturbato/perturbatore in una logica coordinativa e connettiva, in cui la causa e l’effetto si eco-auto-modellano, inseguendosi in un abbraccio d’amore infinito.

Tornando ai topos; essi si prestano a essere letti e ispezionati, nel tempo, sotto molteplici aspetti, grazie a carte-lenti biostoriche.

Le carte-lenti sono le chiavi d’accesso alla realtà e nel contempo gli organizzatori del pensiero; anch’esso processo naturale carsico e frattale, a spugna.

Esiste un legame profondo tra osservatore-osservato che insieme si auto-modellano e ogni ri-modellamento implica una differente tipologia di lettura di realtà: rapporto letto-lettore-lettura.


(Carta biostorica elaborata da: A. Colamonico. Ordini Complessi. Il filo, Bari 2002.)


Il salto di paradigma da un sistema epistemologico determinista ad uno probabilista, passa per un salto di lettura, nell’organizzazione dei sistemi di acquisizione-memorizzazione delle informazioni, che apre al pensiero frattale.

Per comprendere cosa sia una dinamica frattale, bisogna uscire da una visualizzazione di tempo continuo ed entrare in una di tempo discreto, discontinuo:

  • acceso/spento/acceso/spento… luce/buio/luce/buio… visto/non visto/visto/non visto...
Il vuoto/pieno di tempo è consequenziale all’azione di disturbo del quanto che esplodendo mette in crisi il campo e di ritorno questo, a sua volta, dovrà rispondere alla perturbazione subita (rapporto dialogico) elaborando un nuovo quanto perturbativo.

Nell’azione di conoscenza, osservando le dinamiche, si possono assumere varie posizioni di lettura ad esempio una interna occhi io/tu, con l’assunzione di un punto di vista: qui si inseriscono le letture ideologiche, con gli schieramenti di destra e di sinistra. Un’altra esterna, come un occhio egli, posizione utopica (= terzo occhio) che con uno sguardo non-luogo, distaccato, coglie l’alternanza di ordine/disordine/ordine/disordine… come gioco dialogico.

Il tempo di un sì fatto spazio è a gemmazione o a singhiozzo. Se poi il vuoto/pieno lo si guarda, non in relazione ad un singolo campo-finestra (visione ristretta), ma in uno allargato, aperto a più dinamiche (campo schizato e multiplo = occhio di mosca), allora si noteranno le esplosioni/implosioni di tempi-spazi-fatti, relativi alle differenti nicchie-sacche biostoriche.


Le diversità, in una simile posizione, smetteranno di essere dei contrari per divenire identità (pensiero connettivo). Ad esempio i concetti-azione di entrare e uscire letti con un occhio interno agli spazi si presentano come due opposti; letti con l’occhio utopico sono un’identità, in quanto la diversità non è nell’azione, ma nella posizione di lettura. Questa è una visone frattale, multipla, ma richiede un occhio eco-biostorico che sappia guardare dall’alto la complessità e visualizzare i processi perturbativi esterni/interni ai sistemi organizzativi, in simultaneità.


(Carta biostorica elaborata da: A. Colamonico. Ordini Complessi. Il filo, Bari 2002.)



Nell’organizzazione della conoscenza, possono co-esistere vari sistemi di lettura, ogni sistema imprime il suo grado-valore (+ o -) di deformazione alla realtà.

I sistemi tradizionali, sono prevalentemente discorsivi, cioè lineari-sequenziali, tali sistemi sono molto deformanti, essendo oltre che riduttivi, anche distanti dalla naturale dinamica evolutiva della mente, che è a spugna cioè carsica e frattale.

Il salto cognitivo passa per una lettura geografica, di tipo topologico. La storia è evoluzione-organizzazione di spazi e uno di tali spazi si chiama pensiero. Il metodo più idoneo a organizzare e gestire le informazioni passa per una struttura a mappe che sia il più possibile vicina al naturale evolversi dello stesso pensiero.

Una lettura che sia dialogica, cioè

  • ordinata/disordinata, chiusa/aperta, piana/profonda, piena/vuota, centro/periferia, acquisito/ignorato, emittente/destinatario, io/tu…

Il passaggio ad un simile sistema di lettura implica fare un salto nel vuoto, cioè rinunciare all’ordine e entrare nei disordini informativi o sintropie del caos, quali gradi di ordini superiori.



Il salto è possibile solo se si interiorizza la regola che
ordinare è il modo naturale della vita di compiersi.

Cioè l’accettazione che l’altro, il destinatario dell’azione, ad esempio, soggetto alunno, ha in sé come fatto naturale mentale la possibilità di ordinare, apprendere. L’apprendere è lo stesso processo vitale (Maturana, Varela,1992).

Nella costruzione del sapere-pensiero, bisogna partire dai disordini informativi, come la parcellizzazione dei vecchi ordini-tessuti o meglio l’atomizzazione e la quantificazione (= azione che diventa quanto) delle conoscenze.

Il sapere dovrà essere destrutturato in un cielo di stelle che apparentemente brillano per se stanti. Ogni informazione dovrà essere un quanto-stella informativo che ha in sé il suo valore-significato, il quale si presta ad essere deformato (effetto guanto) in più contesti.

Poi, con giochi di aggregazioni e voli di lettura, si faranno in-orbitare (mettere in orbita), le stelle informative, ri-modellandole in costellazioni a corpi-sacche-nicchie trans-disciplinari.

Nella costruzione delle costellazioni, si utilizzeranno le carte di lettura che apriranno la mente alle tre differenti gradazioni di proiezioni spaziali: campo profondo (Colamonico, 2002). Il campo profondo è il grado di libertà dell’occhio a muoversi ad angolo sferico a 360° in uno spazio topico-atopico-utopico, come in-luogo, fuori-luogo, non-luogo, a più finestre.

Ma il pensiero a tre livelli di visualizzazioni, per conservare memoria di sé, nonostante la molteplicità di costruzioni, dovrà essere fortemente consapevole di essere un io multiplo. La consapevolezza, si acquisisce sul piano delle meta-cognizioni o meglio dei meta-livelli organizzativi, che aprono allo studio di operazioni/operatori storiografici.

La nascita di un occhio-mente frattale e non schizofrenico, passa per un meta-livello cognitivo che rende auto-consapevoli delle operazioni, delle visualizzazioni, delle tipologie, delle aggregazioni e dei salti di prospettiva-lettura nei dentro/fuori di sé:

  • legando ogni fattore iniziale a quello subito seguente e ogni azione alla sua scala di valore. Eticità dialogica.

Si spiega, così, il nuovo valore di frontiera/limite nella finestra storiografica che non è più un valore indifferente, ma la soglia-confine del ribaltamento-rovesciamento del ruolo-funzione di attore/spettatore dei dentro/fuori di osservazione.


(Carta biostorica elaborata da: A. Colamonico. Biostoria. Il filo, Bari 1998.)


Nel rapporto di costruzione della realtà, l’osservato-osservatore-osservazione, insieme costruiscono la visione del reale.

Se cambia uno dei tre fattori, automaticamente, muteranno le stesse costruzioni; tale dipendenza introduce la relatività nel processo di acquisizione, legando le rilevazioni ai campi-carte-occhi di lettura (Colamonico, 1994).

È bene precisare che la relatività non va confusa con il relativismo cognitivo:

  • La prima è l’accettazione del valore interno ai sistemi che si auto-delimitano, per cui si parla di vincolo eco-auto-referenziale che rende la realtà unica e nel contempo etica: ad ogni singola azione segue il suo singolo effetto con la conseguente assunzione del ruolo biostorico.
  • Il secondo, relativismo, è la negazione di valore, cioè il pressappochismo della conoscenza, quindi la stessa negazione del significato storico del sapere e da ciò un forte elemento d’entropia (disordine) nella lettura eco-sistemica e dialogica delle vita (Panikkar, 1993).

Che cosa sono le letture caleidoscopiche?

Ogni carta di lettura dà una visualizzazione differente di mappa di realtà. Per comprendere la variazione ci si deve muovere su tre gradi-lenti di osservazioni: topiche, atopiche, utopiche.

La prime due permettono la visualizzazione degli stati in-luogo delle perturbazioni, di cui la prima è relativa agli agenti-emittente, occhio-io; la seconda i fuori-luogo, cioè le perturbazioni viste con occhio-destinatario (tu) interno alla stessa dinamica. Le così dette rilevazioni locali a due occhi emittente-destinatario

La terza i non-luogo, un’indagine che si muove sui meta-livelli delle visioni generali. Questa è la dimensione paradigmatica, occhio egli, che può permettere il ribaltamento del valore, annullando i significati e i rumori perturbativi (Montuori, 2003).

Il gioco caleidoscopico di gradazione/ribaltamento, nasce da una mobilità dell’occhio d’osservazione che impara a mutare le finestre-scale di luogo-valore semantico. La medesima situazione studiata con i tre differenti occhi, permette di superare la cecità di letture fortemente vincolate agli stati emotivi-ideologici.

Ad esempio viste dal di dentro le dinamiche assumono più rumore-disturbo, essendo più forti i condizionamenti percettivi; mentre le stesse viste con un occhio esterno, egli, assumono una minore dipendenza dagli stati di aspettative e di dipendenze del riconoscimento dei ruoli/funzioni, come in un gruppo di lavoro. 

Ordinate visioni. Non esistono santoni del sapere e della verità, come sosteneva Socrate il sapere e la verità sono dentro di noi, come un punto-spazio che non chiede altro che di esplodere e diventare il "frattale" della nostra mente/cuore. Ac 11
Importante è sottolineare che l’io-lettore/agente si muove in tutte le dimensioni-gradazioni di lettura, che lo fanno essere attore/spettatore insieme: l’io multiplo di cui parla Morin.

Il passaggio dal pensiero che separa a quello che coordina, da quello che isola a quello che connette, passa lungo la linea di frontiera della stessa finestra d’osservazione che dà dinamismo alle letture. Si può così parlare di plasticità dello sguardo-lente, ma tale mobilità e velocità dell’occhio-mente passa per un’ulteriore fattore la plasticità quella della stessa parola che dà corpo-vita agli isolati informativi.


Biostoria: quaderno n° 7

Il nodo storico: Osservato-osservatore-osservazione
La presa di realtà
Le gemmazioni storiche in una lettura a Nodi/Rete della Vita.
  • La Comunicazione: La democrazia creatrice del processo dialogico, a individuo/campo.

La Verità Vincolata.



Fuori campo
  • Angolo-riflessoGioco di posizioni nelle proiezioni storiche (Aspetto Autoreferenziale nelle Osservazioni Il soggettivismo nelle Scienze-Metodi di Ricerca)
 
Antonia Colamonico. © 2012/2013





7. Plasticità della parola


La parola è una particella topologica che costruisce gli spazi eco-informativi nella mente uomo e non solo, si pensi al rapporto tra un cane e il suo padrone. Essa, nella costruzione di realtà, ha delle caratteristiche funzionali interne/esterne al sistema di conoscenza. È un quanto informativo/informatizzante, cioè che dice, svela, rivela e nel contempo organizza, mette insieme i corpi di realtà.

Ogni parola si forma/deforma in relazione a un contesto-occhio-senso-linguaggio, quale effetto guanto che può essere rovesciato pur conservando le sue proprietà. La plasticità di una parola, come struttura organizzativa in organizzazione o meglio in-forma-azione, apre alla migrazione delle idee (Morin, 1993) all’interno di una coscienza e da una coscienza soggettiva ad un’altra.

Si spiegano così i movimenti di mode, di sensi comini, di condivisi, di compresi, corrisposti che rendono organismo la Coscienza Sociale. Che, a sua volta, fa sentire la singola coscienza individuale accolta, compresa, condivisa e corrisposta nei suoi movimenti interiori di sensazioni-ideazioni.

Tale migrazione di echi informativi spiega da un punto di vista biostorico la traslazione d’evento, che fa intessere un passato in un futuro (creste di evento). Si attuano così gli esodi di libertà, di giustizia, di onestà... negli spazi-tempi storici, vicini e lontani.

L’andamento dell’eco-parola-informatizzante è un andamento a sua volta a spugna, con vuoti/pieni, ombra/luce di significati, a tempo discontinuo.

La parola quale particella topologica permette agli eventi di costruire la realtà, producendo un duplice effetto, quello bio-fisico di apertura/chiusura di spazi-tempi-fatti per effetto dello squilibrare/equilibrare gli stati dei sistemi e quello di eco-scia-informativa che si perde nella notte dello Spazio-Tempo infinito, pur prestandosi in un dato momento finito ad essere registrata, ri-presa, ri-intessuta, ri-intuita nella dialogica della vita (carsismo della parola).

Se la parola occupa essa stessa uno spazio-tempo-fatto è un quanto storico a tutti gli effetti, quindi a sua volta un promotore di vita/morte cosmica:

  • si spiegano le parole che feriscono, consolano, offendono, comprendono, uccidono, aprono spaccati risolutivi in uno stallo vitale.

La parola dando e togliendo significato alla realtà è parte integrante del gioco biostorico, in quanto l’occhio-mente umano non può uscire da un sistema di significati-sensi se vuole attuare operazioni storiche o letture storiografiche. La ricchezza/povertà di parole indica la ricchezza/povertà delle economie-società.

L’azione della parola nella storia non si riduce ad essere un semplice perturbatore di ordine/disordine, ma assume una funzione di attrattore/bacino di attrazione della dinamica comunicativa. Per comprendere il significato di tale funzione topologica complessa che produce i sistemi-corpi informativi, bisogna iniziare a muoversi con una conoscenza non più a linee-sequenze (occhio lineare) ma a nuclei-costellazioni concettuali di ideazioni-senzazioni:

  • pensiero mappato-frattale.

La parola prende forma in un concetto e sono proprio le concettualizzazioni gli organizzatori di conoscenza. Esse, quali attrattori delle energie in-formative, permettono, con il processo d’in-forma-azione (azione che informa-forma), la cristallizzazione della realtà e del sapere in un determinato spazio-tempo finito. Ad esempio la teoria della relatività non è il frutto di una mente singola, ma la sintesi di un movimento di idee-emozioni che nella mente Einstein ha preso corpo-spessore, cristallizzandosi nelle pagine della teoria-legge delle relatività generale.



(Carta biostorica elaborata da: A. Colamonico. Biostoria. Il filo, Bari 1998.)



È bene precisare che con il termine parola si intende sia il linguaggio verbale, sia quello non verbale, essendo anche questo un segno-nodo perturbativo, che apre/chiude lo spazio/tempo/fatto cosmico. Ad esempio si pensi alla dipendenza madre-figlio da un sopracciglio o a quella attore/spettatore da un applauso o a quella calciatore/arbitro da un fischio.

La parola crea le correnti informative che a loro volta determinano i movimenti di pensiero.

L’idea di un’energia informativa fa dire a de Bono (2002) che esiste un meccanicismo della mente, indipendentemente dalle concettualizzazioni, limitando in parte il determinismo costruttivista.

Un concetto è solo un dopo, cristallizzato in un tempo-spazio, rispetto alla corrente informativa che segue un percorso fortemente dinamico, a volte sommerso a volte emerso, che modellando lo stesso pensiero, produce in esso le organizzazioni creative: pensiero laterale.

Il pensiero creativo nascerebbe quindi da un’organizzazione laterale della mente che apre nuovi tracciati organizzativi.

Ma la constatazione del dinamismo del pensiero, è una conferma, ulteriore, della stessa plasticità della parola a de-formarsi/ri-formarsi in più contesti.

Il de-ri-formarsi è il suo stesso essere metafora (Morin, 1993) di un quanto storico che prende luce-corpo, intuizione-detto, spazio-tempo. Il fatto, diviene un visto e con la parola un detto, pronto ad essere comunicato e intessuto in un nuovo fatto.

Sono i detti che permettono ai fatti di essere identificati, paragonati, confrontati, trasmessi, compresi e rivissuti.

Il processo generativo dello stesso linguaggio è una dinamica biostorica di pieno/vuoto, luce/ombra e in tale processo di esplosione/implosione si può parlare di gemmazione del linguaggio.

Ma la gemma richiede un ramo-tronco-radice-terra… Anche la parola è una struttura di eco-auto-organizzazione che s’intesse nella realtà biostorica. E biostoria è l’uno-tutto del co-esistere, a tempo 0-infinito.

Biostoria: quaderno n° 8

Il piglio eco-biostorico

Verso una scienza & metodo dello sguardo

Antonia Colamonico © 2013 

Saggio nido-nicchia


Nota introduttiva

Premessa

Le trame dei ricami di realtà





  • Conclusione


Si potrebbe continuare il gioco di riflessione/creazione di legame Morin-Biostoria, ma lo spazio assegnatomi si è esaurito. Cristallizzare in questo scritto la dinamica perturbativa attuatasi nel mio pensiero, credo sia stata una simpatica idea e ringrazio lo stesso Edgar Morin che mi ha incoraggiata a farlo. Veicolare coscientemente il senso profondo che fa da sotto-strato alla visione dialogica della vita, è, senza ombra di dubbio, un bel compito storico che mi fa dire: ho partecipato, ho condiviso, ho cum-preheso, ho vissuto.

Biostoria ha solo dieci anni e cosa le riserverà la vita non è dato sapere, però ogni lettore può prendere in mano il bandolo di questa matassa e iniziare un nuovo percorso tramando a sua volta la vita. Edgar Morin, da parte sua, è stato il primo a disegnare il tracciato in cui coltivare il pensiero complesso e Biostoria ne è una dimostrazione, a conferma della fecondità delle sue riflessioni-intuizioni.

Nell’ora del commiato, mi piace salutare con la nota finale che chiude il ciclo di poesie il Filo, scritto nell’agosto 1994 e che amo definire il mio viaggio privato, intimo, nelle conoscenza della vita.





(epistemologa, biostorica, scrittrice, poeta)







Bibliografia:

  • Banchoff, T. F. Oltre la terza dimensione. Geometria, computer graphics e spazi multimediali. Bologna: Zanichelli, 1993.

  • Bateson, G. Verso una ecologia della mente. Milano: Adelphi, 1977.

  • Baudrillard, J. L’illusione della fine o lo sciopero degli eventi. Milano: Anabasi, 1993.

  • Capra, F. Steindl-Rast, D. L’Universo come dimora. Milano: Feltrinelli, 1993.

  • Cassano, F. Il pensiero meridiano. Bari: Laterza, 1996.

  • Colamonico, A.. Biostoria. Verso la formulazione di una nuova scienza. Campi, metodi, prospettive. Bari: il Filo, 1998.

  • Colamonico, A.. Fatto tempo spazio. Premessa per una didattica sistemica della storia. Milano: Oppi, 1993.

  • Colamonico, A.. Ordini complessi. Carte biostoriche di approccio ad una conoscenza dinamica a cinque dimensioni. Bari: il Filo, 2002.

  • Colamonico, A.. Storia. In Nuova Secondaria. Brescia: La Scuola, sett. 1994, pp.69-71.

    Saggio-Quaderno n° 9

    https://sites.google.com/site/biohistoryepistemology/_/rsrc/1390402996660/home/A%20Colamonico%20Biohistory%20Epistemology%202014%202m.png

    Oltre la Complessità: Il paradigma Eco-Biostorico

    di Antonia Colamonico © 2014 - 2015

    Il paradigma è l'occhiale-filtro della visione come il "ponte" funzionale alla rappresentazione e alla definizione storiografica. L'errore che spesso si compie è nel far diventare una struttura orientativa gabbia mentale (rigidità cognitiva). Il paradigma è dunque un'inclinazione di lettura, necessaria a indirizzare l'occhio, ma, per evitare che divenga una gabbia logica, è importante che abbia  un'organizzazione plastica, in grado di deformarsi e formarsi a multi-verso, in relazione alle nuove emergenze che rendono inadeguate le letture. Secondo tale impostazione il paradigma eco-biostorico va immaginato come una topologia di sguardo-lente a frattale.

    Premessa

    Gli abiti della Realtà

    Psicologie economico-sociali

    Frattale Etico



  • Cipolla C. Storia economica dell’Europa preindustriale. Bologna: Il Mulino, 1974.

  • De Bono, E. Il meccanicismo della mente. Milano: BUR, 2002.

  • De Bono, E. Il pensiero laterale. Come diventare creativi. Milano: BUR, 2002.

  • Einstein, A. Relatività. Torino: Boringhieri, 1988.

  • Goleman, D. Intelligenza emotiva. Milano: BUR, 1996.

  • Goleman, D. Ray, M. Kaufman, P. Lo spirito creativo. Milano: BUR, 2001.

  • Lwoff, A. L’ordine biologico. Torino: Boringhieri,1974.

  • Mandelbrot, B. Gli oggetti frattali. Forma, caso e dimensioni. Milano: Feltrinelli, 1984.

  • Maturana, H. Autocoscienza e realtà. Milano: R. Cortina, 1993.

  • Maturana, H. Varela, F. L’albero della conoscenza. Milano: Garzanti, 1992.

  • Montuori, A. The complexity of improvisation and the improvisation of complexity: Social science, art and creativity. In Human Relations Volume 56(2): 237–255. London: The Tavistock Institute ®, SAGE Publications, 2003.

  • Morin, E. Au delà du pacifisme. Parigi : Le Monde, febbraio 2003.

  • Morin, E. Introduzione al pensiero complesso. Milano: Sperling & Kupfer, 1993.

  • Morin, E. La conoscenza della conoscenza. Milano: Feltrinelli, 1989.

  • Morin, E. La Méthode 1. la Nature de la Nature. Paris : Seuil, 1977.

  • Morin, E. La Méthode 5. l’humanité de l’humanité. L’identité humaine. Paris : Seuil, 2001.

  • Morin E. Bocchi,G. Ceruti, M. L’Europa nella preistoria planetaria. Milano: Sperling & Kupfer, 1991.

  • Morin, E. Il paradigma perduto: che cosa è la natura umana? Milano: Bompiani, 1974. 

  • Hubel, D. H. Occhio, cervello e visione. Bologna: Zanichelli, 1989.

  • Khun, T. S. La struttura delle Rivoluzioni Scientifiche. Torino: Einaudi, 1978.

  • Panikkar, R. Ecosofia. La nuova saggezza. Assisi: Cittadella, 1993.

  • Pascal, B. I pensieri. Torino: Einaudi, 1967.

  • Popper, K. R. Logica della ricerca e società aperta, Antologia a cura di D. Antiseri. Brescia: La Scuola, 1989, pagg. 202-205

  • Popper, K. R. Società aperta, Universo aperto. Roma; Borla, 1984.

  • Progogine, I. Le leggi del Caos. Bari: Laterza, 1993.

  • Prigogine, I. Tra il tempo e l’eternità. Torino: Ed. Bollati Boringhieri, 1989.

  • Putnam, H. Rappresentazione e realtà. Milano: Garzanti, 1993.

  • Rosenstiehl, P. Il sapere come reti di modelli. La conoscenza oggi. (Atti del Convegno Internazionale). Modena, 20-23 gennaio, 1981.

  • Rostow, M. Gli stadi dello sviluppo economico. Torino: Einaudi, 1962.

  • Rovetta, A. Educazione permanente ed etica nella comunicazione di massa. Milano: I.S.U. Università Cattolica, 2002.

  • Schroeder, G. L. L’Universo Sapiente. Milano: il Saggiatore, 2002.

  • Toffer, A. Lo choc del futuro. Milano: Sperling & Kupfer, 1988.



© 2014 Antonia Colamonico - Tutti i diritti sono riservati -
Comments