Definizione di Alimentazione e Nutrizione

                                            

 

 

   

 
 
 
 
 
 
 
  
                           A comeALIMENTAZIONE   
 
    
Con  il sostantivo   femminile  “Alimentazione” si  intende 
sia l’atto dell’alimentarsi sia l’insieme degli alimenti.
 
Se consideriamo il primo significato,
cioè “l’atto dell’alimentarsi”, col termine alimentazione intendiamo la materiale assunzione di alimenti
come attività vitale fisiologica in risposta a stimoli              fisici e psichici (fame e appetito).

 

Se consideriamo il secondo significato, cioè                  “l’insieme degli alimenti”, intendiamo più in generale              il regime alimentare adottato dall'uomo ( che è più correttamente definito dieta).  

 

Con  il  sostantivo  femminile  “Nutrizione”,  invece,  si  intende l'insieme  dei  processi  biologici  che  consentono  all’uomo  di assorbire ed utilizzare tutte le sostanze alimentari ingerite, necessarie alla sopravvivenza dell’organismo.

Ne deriva che, per nutrizione, si intende oggi la Scienza che studia il rapporto tra la dieta (intesa come il regime alimentare adottato) e lo stato di salute o di malattia.

Fin dall’antichità si individuava un legame tra ciò che si mangia ( l’alimentazione) e lo stato di ben-essere fisico (legato alla nutrizione).  Nel 475 a.C.  Anassagora sosteneva che nel cibo esistono dei principi che vengono assorbiti dal corpo umano e usati come componenti "generativi" (una prima intuizione dell'esistenza dei principi nutritivi); Nel 1747 il medico inglese James Lind condusse il primo esperimento di nutrizione, scoprendo che il succo di limone era in grado di far guarire dallo scorbuto: successivamente si scoprì che questa proprietà era dovuta alla vitamina C in esso contenuta.

La scienza della nutrizione si basa sul principio che lo stato di salute viene mantenuto grazie all'assunzione, tramite gli alimenti, di principi nutritivi necessari a:

1.  fornire l’ energia per il mantenimento della funzioni vitali e per le attività corporee (zuccheri o glucidi, grassi o lipidi, proteine);

2.  fornire il materiale plastico per la crescita, il rimodellamento e la riparazione dei tessuti (proteine);

3.  fornire il materiale regolatore delle reazioni del metabolismo umano (minerali e vitamine);

               L’OMS (Organizzazione Mondiale della Sanità) definisce oggi il tradizionale modello alimentare mediterraneo come uno dei più efficaci per la protezione della salute ed è anche uno dei più vari e bilanciati che si conoscano. La dieta mediterranea è sinonimo di equilibrio perfetto e corretta proporzione tra i vari nutrienti:

v proteine 15%

v carboidrati 60%

v lipidi 25 %

Sulla base di tale modello è stata realizzata la piramide alimentare, utile per comprendere l’importanza dei vari alimenti e la quantità giusta da assumere. La piramide alimentare giornaliera si articola in 6 piani, in cui sono disposti in modo scalare i vari gruppi di alimenti. Ciascun gruppo deve essere presente nella nostra dieta in modo proporzionale alla grandezza della sua sezione. 

Alla base della Piramide troviamo gli alimenti che possiamo utilizzare più liberamente mentre al vertice troviamo quelli che è meglio limitare, al fine di ridurre il sovrappeso e prevenire l’obesità e le patologie metaboliche.

Ovviamente, una dieta varia ed equilibrata deve essere associata ad un'attività fisica quotidiana,                in modo da garantire un equilibrio tra consumo alimentare e spesa energetica. 

La nutrizione studia inoltre il rapporto tra alcuni dei suddetti principi nutritivi e la prevenzione di alcune malattie causate, sebbene in via secondaria, da carenze o eccessi di nutrienti, quindi significativamente influenzate da fattori nutrizionali.

 

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
                                                          © sito protetto da copyright