Rover Highest Award

Regional Highest Award

ATAS Award

    OSSG Knight - CNGEI (Italy)



    L'Ordine Scout di San Giorgio nasce quale alta onoreficenza del CNGEI: la Croce di Cavaliere di San Giorgio. E' istituito nel 1924 dal Capo Scout Robert Villetti, il famoso Papà Akela, riservato ai giovani capi o dirigenti particolarmente meritevoli nei confronti del Corpo Nazionale, nonché simpatizzanti non appartenenti al Corpo, che si erano resi protagonisti di eminenti servigi nei confronti dell'Ente.
    Al termine della Seconda Guerra Mondiale, dopo la parentesi della Giungla Silente, l'onoreficenza pur mantenendo la sua natura di alta ricompensa, si trasforma in un vero e proprio Ordine Scout, con uno statuto autonomo, per volere dell'allora Capo Scout Luigi Pirotta, detto Volpe Azzurra, che ne fu anche primo presidente della ripresa nel 1949.
    L'OSSG era composto da due classi: i Cavalieri di San Giorgio che non potevano essere più di 30 e i Collari di San Giorgio, al massimo 10 scelti tra i Cavalieri.
    Gli appartenenti a entrambe le classi, al compimento del sessantesimo anno di età avevano l'obbligo di rendere vacante il proprio ruolo all'interno dell'Ordine al fine di facilitare il ricambio tra i Cavalieri. E' così che nasce l'OSSG al quale saranno legati sia i vecchi Cavalieri della generazione prima dello scioglimento dell'Ente da parte del fascismo (1927), sia quelli formatisi nel CNGEI alla ripresa (1945).
    Nel 1962 l'Ordine cambia nuovamente a favore della sua autonomia eleggendo per la prima volta a Presidente un Cavaliere che non ricopriva contemporaneamente la Carica di Capo Scout: si tratta di Antonio Viezzoli, detto Lupo Grigio. Data la sua particolare autonomia, l'Ordine accoglierà al suo interno anche capi e dirigenti del ramo parallelo femminile: l'UNGEI.
    Con l'unificazione di CNGEI e UNGEI e con l'entrata in vigore del nuovo statuto dell'CNGEI (1976), l'Ordine stabilisce un nuovo Statuto e Regolamento proprio che sancirà la scomparsa dei Collari di San Giorgio e lo collocano dentro al nuovo CNGEI quale custode dei principi educativi scout, dei valori, delle glorie e delle tradizioni del Corpo Nazionale.


    Comments