News‎ > ‎

Una nuova conferma per la relatività

pubblicato 9 lug 2013, 10:13 da Stefano Motti   [ aggiornato in data 9 lug 2013, 10:16 ]
Numerose sono le teorie che cercano di fornire un' alternativa alla relatività, ma per ora Einstein non desiste, ed anzi la sua teoria trova nuove conferme dal mondo dell'astrofisica. Un gruppo di ricercatori del Max Planck Institut fur Radioastronomie di Bonn hanno infatti spiegato un anomalo comportamento della stella di neutroni più massiccia conosciuta, PSR J0348+0432, sfruttando l'ipotesi dell'esistenza di onde gravitazionali, predette dalla relatività di Einstein. La pulsar in questione appartiene ad un sistema binario, avendo attratto una nana bianca che le orbita attorno con un periodo di 2.5 ore. Gli astronomi hanno studiato le onde radio e la luce emesse dal sistema ed hanno dedotto una diminuzione del periodo orbitale di 8 milionesimi di secondi all'anno. Questo effetto può essere spiegato ipotizzando che il sistema emetta onde gravitazionali perdendo quindi energia e diminuendo il periodo orbitale, avvalorando la teoria di Einstein. I dati ricavati sono inoltre incompatibili con molte delle teorie che cercano di sostituirsi alla relatività.

S. Motti

Comments