News‎ > ‎

Acqua su GJ 1214b

pubblicato 22 feb 2012, 10:29 da Stefano Motti
Nel 2009 un gruppo di astronomi aveva individuato un esopianeta nella costellazione di Ofiuco e lo avevano battezzato GJ 1214b. Non aveva mai destato grandi curiosità fino a quando la Wide Field Camera 3 dello Hubble Space Telesope non ha permesso agli studiosi di studiare la sua atmosfera. Per far questo è stato necessario attendere di poter osservare il transito del pianeta davanti alla propria stella, una nanna rossa distante circa 40 anni luce da noi. In questa posizione, osservando il corpo in controluce, è infatti possibile studiare la composizione dell'atmosfera tramite l'analisi della luce stellare filtrata attraverso essa. 
La sorpresa è stata grande, in quanto GJ 1214b ha rivelato di avere un' atmosfera composta da grandi quantità di acqua vaporizzata, che pare essere presente in quantità maggiori che sulla Terra (tramite lo studio di massa e densità media di un pianeta è infatti possibile determinare in via approssimativa le quantità degli elementi che lo compongono).
Chiaramente si tratta di una grande scoperta in quanto, come sappiamo, l'acqua è una sostanza indispensabile per far si che si possano sviluppare forme di vista simili a quelle conosciute, anche se non bisogna esultare troppo presto perchè potrebbe trattarsi di acqua in particolari stati (come quello del ghiaccio bollente) che sono del tutto estranee ai viventi così come li conosciamo. 

S. Motti

Comments