il manifesto di artisti utili

Il presente manifesto è in corso d'opera, chi desidera contribuire alla sua stesura può contattarci.

Cos'è Artisti Utili
Non è un collettivo, non è un comitato, non è un’associazione, è apolitico.
E' “una cosa” che può essere condivisa da chi sottoscrive il presente manifesto.

Cosa fa
Si propone di stanare artisti, movimenti e momenti che producono azioni e concetti di impegno sociale, politico, ambientale, sostenibile... facendo uso non solo di pittura, scultura, performance, spettacolo, design ecc. ma adottando anche l’interdisciplinarità attraverso l’uso di scienze, matematica, artigianato, tecnologia per un mondo migliore.
Osserva opere/azioni artistiche che denunciano, sensibilizzano, comunicano soluzioni relative alle problematiche planetarie
Svolge opera di divulgazione dell'Arte Utile attraverso i propri canali (sito web, pagina e gruppo su Facebook).
Sostiene sotto forma di "sponsorizzazione morale", le attività di cui sopra.

Chi paga
Non usufruisce di alcun contributo pubblico in quanto forma indipendente, autonoma, anartistica, anarchica, apartitica.
Il sito risiede sulla piattaforma Google Site e pertanto è gratuito fino a 100Mb di spazio.
L'allestimento, l'aggiornamento, i contenuti, il trend-watching sono a cura di Marco Maraviglia che svolge tale attività per passione.
Gli annunci pubblicitari Google sono la sola fonte (minima) di introito economico.
Si accettano comunque solo donazioni private per sostenerne l'attività e quindi non da organizzazioni politiche ed attività produttive di scarso valore etico.

Chi può condividere
Chiunque può essere un artista, senza diversità: per età, religione, stato psico-fisico, nazionalità, tendenza sessuale.
Chiunque, compresi bambini, down, psicopatici, detenuti (esclusi i condannati per reati compiuti contro le persone e il patrimonio economico e ambientale), gay, lesbiche, disabili, autistici, disagiati sociali e quant’altro, possono essere artisti. 
Chiunque può essere sostenitore di questa mission anche se non opera in campo artistico.

Non violento
Ripudia la violenza sotto qualsiasi forma.

Non è sistema-arte
Non lucra sull’arte ma sostiene l’arte utile attraverso la sua divulgazione spontanea e disinteressata e attraverso la sponsorizzazione morale (vedi la procedura) per chi ne faccia richiesta se affine alla mission.
Gli artisti utili comunque producono, commercializzano, vendono, le proprie opere autonomamente.

Etica
I sottoscrittori del manifesto si impegnano a non cedere, donare, vendere le proprie opere a privati, enti, aziende le cui politiche e strategie sono eticamente insostenibili.
Gli artisti sottoscrittori si impegnano, realizzando le loro opere, a non commettere abusi su persone, animali, territorio e ambiente; a non utilizzare materiali tossici, non riciclabili. Nel caso di azioni, opere, performance estemporanee, si impegnano a ristabilire lo stato dei luoghi o che sia facilmente ripristinabile da terzi senza inficiare sulla spesa pubblica.

Spazio pubblico come bene comune
Gli artisti sottoscrittori hanno il diritto di occupare (non permanentemente) spazi pubblici anche senza preavviso ma senza comprometterne la viabilità, lo stato monumentale del luogo, l’incolumità di cose e persone, per operare. 

Organizza
In situazioni di emergenza si mobilita per organizzare, coordinare, gestire, promuovere azioni di utilità collettiva attraverso gli artisti che ne condividono i progetti e realizzandone un catalogo in pdf a disposizione di tutti su esempio di quello visibile qui

Mostre
Eventuali mostre organizzate e coordinate da Artisti Utili dovranno in ogni caso contemplare un anticipo per gli allestimenti, a titolo di rimborso spese, da parte di chi richiede la realizzazione delle stesse mostre.

Gerarchia
Non contempla gerarchie sulla celebrità o meno degli artisti: principianti, emergenti e famosi sono sullo stesso piano.