CD'S

NEVER ODD OR EVEN

Tra i primi 5 MIGLIORI DISCHI DELL'ANNO Top Jazz 2012

Downtown Music Gallery - Bruce's Top 50 Instrumental CD Releases of 2012 N.Y.

Prospettive musicali Radio Popolare: i dischi migliori del 2012/ Top cd of 2012

All About Jazz: il 2012 in rassegna, le migliori uscite dell'anno



Music Center BA 323 CD - Cover Art by Paola Bertozzi -http://paolabertozzi.wix.com/grafica

PayPal Simple Storefront




(Not) everything is 
constantly in the process of being lost
by Jonathan Coe

Although this album contains a varied selection of material, including one original composition and three tracks from a 1998 Mike Westbrook project, I’m just going to write just a few words about what seems, at the moment, to be at the core of this great orchestra’s repertoire: namely, some classic British jazz-rock from the 1970s.
This music was always on the margins, of course, even at the time. Back when I was a schoolboy, most of my friends were listening to soul, blues, punk, disco, heavy metal – every sort of music. There were just two of us (out of more than one hundred boys) who liked something different altogether – a shared, guilty passion, and for us the names of certain bands – unknown to our classmates – were a kind of secret language, producing instant recognition and understanding: National Health, Caravan, Soft Machine, Henry Cow, Hatfield and the North...
The most radical and interesting thing about this music, I always thought, was that it observed no boundaries: it was experimental, and yet tuneful; it appealed to your brain, but also to your body; it was complex, but also friendly and accessible; you never knew what it was going to sound like next – sometimes it sounded like classical music played by a pop group; sometimes it sounded like jazz played by a chamber ensemble. The musicians who made it (some of whom I’ve come to know, in later life) were brilliant composers and improvisers, gifted musicians of the highest order, and yet in person completely unpretentious and down-to-earth.
Two of these composers – Alan Gowen and Dave Stewart – came together in the mid-1970s to form an ambitious band called National Health. The idea was to create a sort of ‘double quartet’, with two guitarists and two keyboard players, in order to play ever more complicated music. Sadly, economic realities and the indifference of the media worked against them, and National Health never quite realised this dream, although they did record some great albums. After their second album,Of Queues and Cures, they seemed to disappear off the radar, their names hardly ever appeared in the music press, and I assumed they had broken up. In fact, by the early 1980s,most of my favourite bands had split, and record companies seemed no longer interested in this sort of experimental rock music. Its brief heyday appeared to be over.
And so it was with delight and amazement that I entered the Virgin Megastore on Oxford Street one afternoon in 1982 and found something I had never expected to see again – a new National Health album. I flipped it over to read the back cover and my delight turned to sorrow. Phil Miller, the guitarist, had written a short sleeve note, which began, ‘This record is a dedication to Alan Gowen who died on May 17th 1981. All the music is written by him during the period 1979-81.’
Yes, Gowen was only 33 years old when he died (of leukaemia), and in this way British music, and the jazz-rock world in general, lost one of its most brilliant talents. In his short lifetime he made just a handful of albums, but they are full of wonderful compositions, harmonically rich, melodically inventive and unexpected, and suffused with a kind of lyrical melancholy which somehow appears (to foreign ears in particular) ‘typically English’.
Although National Health recorded excellent band versions of Gowen’s final tunes, he also left behind the scores of arrangements he had made for larger forces, including a big brass section. And now, more than thirty years after his death, some of these arrangements have been passed on to Ferdinando Faraò who has reworked them for his Artchipel Orchestra, with whom they have already been performed at a number of well-received concerts.
It gives me enormous pleasure to hear these Gowen compositions again, in performances filled with life and
energy. And how wonderful, too, to hear new interpretations of Dave Stewart’s majestic Tenemos Roads and Fred Frith’s Moeris Dancing (both tunes which also date from the late 1970s, the final moments of the glory days when this kind of adventurous music still received some small commercial support). Not to mention Mike Westbrook’s catchy Original Peter, which it is hard to believe was actually released as a single back in 1970. And, to crown it all, a great original by Faraò Big Orange, a moving tribute to Pip Pyle, who died in 2006 and was a key presence and inspiration for so many of these bands.
Yesterday I read, in a novel by Javier Marias, a passage about the frailty of human experience in which the author wrote that ‘everything is constantly in the process of being lost’. It’s a melancholy thought – but is it really true of music? Of music that has been forgotten, maybe. But music that is remembered, and played again and again, exists in a kind of eternal present. Praise be to the Artchipel Orchestra, for helping the music of Mike Westbrook, Dave Stewart, Fred Frith and (especially) Alan Gowen attain this blissful state.




(Non) tutto è costantemente in procinto di andare perduto
di Jonathan Coe

Sebbene quest’album contenga un assortimento di materiali diversi, tra i quali una composizione originale e tre brani da un progetto di Mike Westbrook del 1998, mi limiterò a scrivere qualche parola su ciò che ora come ora sembra stare al centro del repertorio di questa grande orchestra, vale a dire certo classico jazz-rock britannico degli anni settanta.
Naturalmente quella musica ・sempre stata ai margini, anche allora. A scuola, la maggior parte dei miei amici ascoltava soul, blues, punk, disco, heavy metal: musiche di ogni tipo. Soltanto a due di noi (su più di cento ragazzini) piaceva qualcosa di completamente diverso: una colpevole passione condivisa. Per noi i nomi di certi gruppi – sconosciuti ai nostri compagni – erano una specie di lingua segreta che produceva un riconoscersi e capirsi al volo: National Health, Caravan, Soft Machine, Henry Cow, Hatfield and the North…
Ho sempre pensato che l’aspetto più radicale e interessante di quella musica fosse l’inosservanza delle linee di demarcazione: era sperimentale eppure melodiosa; ti catturava il cervello ma anche il corpo; era complessa ma anche affabile e accessibile; non si sapeva mai come potesse proseguire; qualche volta pareva musica classica suonata da un gruppo pop; qualche altra, jazz suonato da un complesso da camera. I musicisti che la facevano erano geniali compositori e improvvisatori, musicisti di prim’ordine, pieni di talento eppure (conosciuti di persona, in anni successivi) assolutamente modesti e alla mano.
Due di quei compositori – Alan Gowen e Dave Stewart – si misero insieme a met・anni settanta per formare una band ambiziosa chiamata National Health. L’idea era creare una specie di "doppio quartetto", con due chitarristi e due tastieristi, per suonare musica ancora più complicata. Purtroppo, la realtà economica e l’indifferenza dei media giocarono contro di loro e i National Health non realizzarono mai del tutto quel sogno, anche se incisero alcuni magnifici album. Dopo il secondo, Of Queues and Cures, parvero sparire dalla circolazione: i loro nomi non apparivano quasi più sulla stampa musicale e le case discografiche non mostravano più alcun interesse per quel tipo di rock sperimentale. Il suo momento di splendore sembrava gi・finito.
Fu perciò con gioia e meraviglia che un pomeriggio del 1982, entrando nel Virgin Megastore di Oxford Street, trovai qualcosa che non mi aspettavo più di rivedere: un nuovo album dei National Health. Lo girai per leggere sul retro e la mia gioia si trasformò in dolore. Phil Miller, il chitarrista, aveva scritto una breve nota che iniziava così: "Questo disco è dedicato ad Alan Gowen, morto il 17 maggio 1981: tutta la musica è stata scritta da lui nel periodo 1979-81".
Sì,  Gowen aveva solo trentatrè anni quando morì (di leucemia) e la musica inglese – e più in generale il mondo del jazz rock – perse uno dei suoi talenti più geniali. Nella sua breve vita aveva registrato solo una manciata di album ma pieni di composizioni meravigliose, armonicamente ricche, melodicamente inventive e imprevedibili, e pervase da una specie di malinconia lirica che per qualche motivo risulta (soprattutto a orecchie straniere) "tipicamente inglese". 
I National Health registrarono eccellenti versioni per piccolo gruppo delle ultime composizioni di Gowen, che tuttavia le aveva arrangiate anche per formazioni più ampie, comprendenti una nutrita sezione di fiati. E ora, a più di trent’anni dalla sua morte, alcuni di quegli arrangiamenti sono arrivati a Ferdinando Faraò  che li ha rielaborati per la sua Artchipel Orchestra, dalla quale sono già stati eseguiti in diversi apprezzati concerti.
Provo un enorme piacere a riascoltare quelle composizioni di Gowen, in esecuzioni cariche di vita e di energia. Ed è altrettanto magnifico ascoltare nuove interpretazioni della maestosa Tenemos Roads di Dave Stewart e di Moeris Dancing di Fred Frith (due composizioni di fine anni settanta, gli ultimi giorni di gloria in cui quel tipo di musica avventurosa ricevette ancora un minimo di sostegno commerciale). Per non parlare dell’orecchiabile Original Peter di Mike Westbrook, che è difficile credere sia stata davvero pubblicata su 45 giri nel lontano 1970. E, a coronare il tutto, una bella composizione originale di Faraò Big Orange, toccante omaggio a Pip Pyle, morto nel 2006 dopo essere stato una presenza fondamentale e un’ispirazione per così tanti di quei gruppi.
Ieri leggevo in un romanzo di Javier Marias un passo sulla fragilità dell’esperienza umana: l’autore scrive che "tutto  è costantemente in procinto di andare perduto".  E' un pensiero triste; ma è vero anche per la musica? Forse per la musica che è stata dimenticata. Ma la musica che è ricordata, suonata e risuonata, esiste in una specie di eterno presente. Sia lode all’Artchipel Orchestra, che aiuta la musica di Mike Westbrook, Dave Stewart, Fred Frith e (specialmente) Alan Gowen a raggiungere questo stato di beatitudine.






ARTCHIPEL ORCHESTRA PLAYS SOFT MACHINE
IN FASE DI RISTAMPA ATTUALMENTE NON DISPONIBILE
Tra i primi 10 MIGLIORI DISCHI DELL'ANNO Top Jazz 2014
Top Five 2014 di Alessandro Achilli (Radio 3)

IMMAGINE DI COPERTINA: AU+ (FABIO VOLPI & ROSARITA CRISAFI)
GRAFICA: PAOLA BERTOZZI http://paolabertozzi.wix.com/grafica 

PayPal Simple Storefront




Ċ
Ferdinando Faraò,
26 apr 2017, 11:35
Comments