PRATO - DALPE

 HOMEPAGE         INVENTARIO          ANTENATI        CENSIMENTI

 

 

I rapporti tra Dalpe e Prato non sembrano essere mai stati dei più facili. Nell'Ottocento, dopo la costituzione di due comuni separati rimane aperta la ripartizione dei beni patriziali. Una vertenza complicatissima di cui dà un quadro Mario Fransioli in "Dalpe" pp. 213-219. Ma confesso di non averci capito un granché, per cui non mi addentrerò in questo scivoloso argomento. Mi accontento in questa pagina di mostrare due documenti: il primo è una lettera del Municipio risalente al 1829, il secondo un progetto di ripartizione dei beni che ho fotografato per intero, essendo scritto in una grafia comprensibile. Credo comunque che non sia quello definitivo perché M. Fransioli parla di più progetti.

22 maggio 1829 - La foto qui sotto mostra la coppia della lettera di "rimostranza" inviata il 22 maggio 1829 dalla Municipalità di Dalpe al Consiglio di Stato "per cose che hanno rapporto alla vicinanza". La lettura è in parte difficile ma testo è stato interamente trascritto da M. Fransioli ("Dalpe" p. 214).

 

13/26 febbraio 1860 - Progetto di divisione generale del patriziato fra Prato/Fiesso e Dalpe. Testo integrale.