Strumenti e metodi

a)   Rispetto al Minore:

Completamento   del percorso scolastico;
Acquisizione di autonomia  personale e sociale;
Sviluppo delle abilità cognitive;
sviluppo delle abilità  di comunicazione e linguaggio;
Sviluppo delle abilità motorie;
Sviluppo abilità comportamentali;
Sviluppo aree emozionale;
        Educazione alla dimensione etica e religiosa.

b)   Rispetto alla famiglia naturale:

Ripristino condizioni socio-relazionale compatibile con un rientro in famiglia del minore.

Miglioramento delle abilità relazionali  e di comunicazione;

Presenza nei momenti significativi della vita del minore;

Informazioni e coinvolgimento nel percorso scolastico;

Incontri settimanali con i familiari;

Permanenza in famiglia i fine settimana e le festività, qualora non vi siano altre

 disposizioni.


c)   Rispetto alla famiglia affidataria e/o adottiva:

Costruzione di legami affettivi diversi da quelli parentali

Imparare a raccontare il proprio passato;

Imparare a rielaborare alcuni vissuti di disagio rispetto al proprio passato problematico;

Favorire l’instaurarsi  di comportamenti ed interazioni adeguate  e positive con figure

 alternative a quelle parentali.





Metodologie



Sul piano metodologico si fa riferimento alla prassi educativa più recente che tende a

 spostare l’attenzione dell’azione educativa dal disagio  sociale alla prevenzione. In tal

 senso si presta attenzione al supporto  ed allo sviluppo del patrimonio creativo

personale ed esperienziale  di ogni minore, offrendo occasioni per rafforzare la

costruzione della sua “identità personale”.

La metodologia utilizzata, inoltre mira al coinvolgimento attivo di ogni minore

attraverso l’utilizzo di attività ludiche-ricreative, libere e guidate, volte a mantenere viva

 la sua attenzione e motivazione alle diverse attività proposte.

Verifiche

Il Progetto  Educativo viene verificato periodicamente dall’equipe  educativa interna.

L’equipe educativa si riunisce periodicamente con gli operatori dei Servizi Sociali

territoriali che collaborano con la Struttura per l’aggiornamento costante della

situazione familiare e
psico - educativa di ciascun minore, la valutazione ed eventuale

riprogettazione dei Progetti Educativi Individuali.

Dimissioni

Le dimissioni del minore sono subordinate all’effettivo raggiungimento  degli obiettivi

 previsti nel Progetto Individuale.

Queste avvengono in modo graduale , rispettando l’individualità di ogni minore e si

realizzano  in accordo con i Servizi Sociali coinvolti.

In quest’ultima fase si stabiliscono , altresì, i criteri di verifica tra i diversi servizi,

individuando responsabilità e competenze di ciascuno  rispetto alla preparazione del

minore al rientro nella famiglia naturale o all’inserimento nella famiglia affidataria e/o

adottiva.




Comments