News‎ > ‎

Le Geometrie della Vita nel Salto Eco-biostorico

pubblicato 7 gen 2011, 14:39 da Antonia Colamonico   [ aggiornato in data 19 giu 2013, 00:33 ]

 




Io,

dedico

queste brevi riflessioni

alle

generazioni future,

figli e figlie,

non ancora nati,

che possano trovare

un mondo più giusto

e più libero.

A. C.














 

Prefazione




“Gli uomini somigliano

al loro tempo più che

ai loro padri”

(Massima Orientale)




Questo lavoro, a seguire l'articolo “Verso una geometria multi-proiettiva della mente”, è una delle prime tappe della collaborazione tra uno storico e un matematico. L'idea di fondere le due competenze è nata sin dai tempi di “Fatto Tempo Spazio” in cui per la prima volta la storia non fu più vista come una semplice narrazione e catalogazione di eventi relativi al passato, ma quale processo di interazione tra soggetti e campi. Tale indagine sistemica si è evoluta in “Biostoria”, in “Ordini Complessi” e in “Costellazioni di significati per una topologia del pensiero complesso”. Il processo di astrazione dalla vecchia storiografia alla biostoria come storia della vita ha prodotto una teoria dell'agente storico, permettendo il salto verso lo studio delle proprietà che una mente in grado di confrontarsi con la vita debba possedere. Come lo studio delle proprietà matematiche dell'agente razionale ha permesso lo sviluppo, ad esempio, della teoria delle decisioni e delle varie teorie economiche; così ci auspichiamo che un studio matematico dell'agente storico, porterà ad una Scienza della Vita. In tal senso questo lavoro rappresenta un passo verso il delineare un terreno di coltura comune alla biostoria e alla matematica.


Bari, 23/12/2010


Gli autori.


Comments