Idea Editoriale

Navigazione

Sito: Biostoria

Il Grido

L'Eco Storico.













Convegno: Ai Margini del Caos. Antonia Colamonico. Firenze, 21/11/2008 - Palazzo Strozzi.
Carta della propagazione d'evento: l'Eco Storico nello Spazio-Tempo crea le Creste d'evento.













L’evoluzione della storia non segue un iter lineare-sequenziale, come un’unica dinamica che si implementa secondo un ritmo regolare di causa-effetto, ma si auto-organizza a differenti velocità, come i cieli di Van Gogh, che presentano dei campi di forze con accelerazioni, decelerazioni, fughe in avanti, stalli, esplosioni, implosioni.














Organizzazione di una muffa.




La porosità della vita con le sue zone di ombre/luce è un tutto informato che ha perso/preso spazio in un dato stato di presente.
L'aver perso spazio non vuol dire che sia andato perduto l'eco del fattore esplosivo di una data cresta, ma che l'informazione è quiescente, come una traccia-memoria onirica (dormiente) che si ricompatterà non appena si creeranno le condizioni di campo favorevoli al prendere forma.





Muffa che inizia a rigenerarsi.




Il ricompattarsi della vita è un processo d'emergenza, come una nascita che prende corpo da un vuoto che non è vuoto
. Esso possiede almeno una vibrazione quantistica teoricamente e praticamente ineliminabile, la fluttuazione del vuoto:
  • "Il vuoto quantistico è un'entità dinamica dotata di incessanti fluttuazioni energetiche (le cosiddette “particelle virtuali”), una sorta di background del mondo fisico da cui “emergono” le particelle “reali”, direttamente rivelabili, che conosciamo: elettroni, quark, mesoni, neutrini, fotoni, gravitoni"  Ignazio Licata.










L'eco della vita in mano.


Gli echi di immagini sovrapposte in
Octavio Ocampo.









© 2010 - Il Filo s.r.l.
e-mail:

La Struttura della Storia è un frattale, con biforcazioni in biforcazioni che le danno una forma a Spugna.









A. Colamonico, Fatto Tempo Spazio. OPPI, Milano (1993).




Osservare la topologia della Storia come un corpo unico a uno/tutto, permette di distinguere:
  • I vuoti, le dinamiche che non hanno preso storia, a seguito di una deformazione dello Spazio che ha preso un altro senso-direzione.
  • I pieni, le realizzazioni storiche, quali costruzioni vitali che hanno avuto realtà.







La caratteristica della Spugna è la porosità, con nicchie e creste di vuoti/pieni.

(Spugna grande - Giovanni Bruzzi)













Eco di muffa.









Se il sistema storia è un tutto informato che permane in ogni tempo 0 che tende all'infinito, si può comprendere il valore storico di ogni singolo atto vitale con la corrispettiva responsabilità storica:
  • ogni risposta alla vita apre ad un grado di disordine/ordine... di morte/vita, saper rispondere alla vita, implica l'assunzione del compito storico di vivente (= colui che vive... che è).















La conchiglia del mare ha con sé il suono dei venti e dell’onde; e dell’acque profonde, conserva segreti e misteri, che soltanto racconta a chi sa sognare...
- A. Bettozzi







La lettura della Contemporaneità della Vita richiede un occhio e una mente di tipo spaziale, Spazioliberina, che sappia osservare in simultaneità su più scale di grandezza per visualizzare le immagini sgranate, aprendo la mente ai molteplici versi di significato:
  • Un occhio sì fatto si muove in uno spazio di lettura a 5 dimensioni, de-focalizzato - occhio di mosca.
Leggere, insieme, il dentro/fuori delle dinamiche  è un livello di lettura da 3° occhio inteso non in senso paranormale, ma come un semplice fenomeno ottico-visivo, facile anche da rilevare nell'alterazione della simmetria dell'asse ottico di chi attua l'azione di lettura. Da tale osservabilità del fenomeno si può tracciare la geografia della mente di chi osserva.





Comments