COUNTRY FURNITURE FAIRE - COUNTRY FURNITURE

Country furniture faire - Discount furniture covers - Shaw furniture nc

Country Furniture Faire


country furniture faire
    country furniture
  • General term for furniture made by provincial craftsmen using local and indigenous woods such as oak, elm, ash and fruitwoods. Durability and function were of greater importance than aesthetic design and comfort. Country furniture is typically individual in design.
    faire
  • Renaissance Fair(e) also RenFair(e), or RenFest depending on the name of the local event. In Minnesota it's more commonly RenFest after the "MN Renaissance Festival", whereas on the " Left Coast" it is Renfaire, due to the large "Renaissance Pleasure Faires" in California.
  • More common alternate name for "festival" nationwide so "faire" is the generic term for either.
  • Obsolete spelling of fair; Obsolete spelling of fair
country furniture faire - Hell's Faire
Hell's Faire (Posleen War Series #4)
Hell's Faire (Posleen War Series #4)
With the defenses of the Southern Appalachians sundered, the only thing standing between the ravening Posleen hordes and the soft interior of the Cumberland Plateau are the veterans of 555th Mobile Infantry. Dropped into Rabun Pass, with a couple of million Posleen behind them and fourteen million to the front, the only question is which will run out first: power, bullets or bodies. But they have a hole card: far to the north the shattered SheVa Nine is undergoing a facelift. Rising from its smoking ashes is a new weapon of war, armed with the most advanced weaponry Terra has ever produced, capable of facing both the Posleen hordes and their redoubtable space-cruisers. Capable of dealing out hell as only SheVa Nine can. If Mike O'Neal and the other members of the 555th are going to survive, it will come down to how much Posleen butt Bun-bun can kick. Prepare to eat antimatter, Posleen-boy.

84% (14)
Un pensiero all'Abruzzo
Un pensiero all'Abruzzo
06-04-09 TERRIBILE TERREMOTO IN ABRUZZO: L'AQUILA IN GINOCCHIO (IL PUNTO) (ASCA) - Roma, 6 apr - Le notizie si accavallano di ora in ora. Si parla di 20 morti, di cui 5 bambini, e di centinaia di feriti. Non e' ancora possibile fare un bilancio preciso, anche se dalle prime perizie e testimonianze i danni delle scosse di terremoto di questa notte sembrano molto gravi. Tutto e' iniziato alle 3, 32, quando una scossa di terremoto di magnitudo 5, 8 ha colpito l'Abruzzo. L'epicentro del movimento sismico e' stato individuato nei pressi dell'Aquila, tra le frazioni di Collimento e Villa Grande. La scossa delle 3,32 e' stata avvertita in gran parte dell'Italia centrale e a Roma, dove hanno tremato i piani alti degli edifici e i vigili del fuoco hanno ricevuto migliaia di telefonate di allarme. Qualche danno si registra nella zona della Tiburtina. Guido Bertolaso, responsabile della Protezione civile, ha immediatamente informato su quanto stava accadendo nel cuore della notte il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano e il premier Silvio Berlusconi. Gianni Letta, sottosegretario alla presidenza del Consiglio, e' subito accorso a Palazzo Chigi per seguire l'evolversi della situazione. Berlusconi ha preparato un decreto per lo stato di emergenza nazionale. Bertolaso parla di grave sciagura che mobilitera' il paese per molte settimane. La protezione civile si e' messa immediatamente in moto per inviare i primi soccorsi e ha mobilitato i vigili del fuoco delle citta' vicine. Due colonne di automezzi della Regione Lazio, con tende e generi di prima necessita', sono immediatamente partite da Roma verso L'Aquila. Un'altra scossa di magnitudo 4, 7 e' stata avvertita sempre a L'Aquila alle 4, 37. Dopo questo secondo movimento sismico, l'entita' dei danni e' apparsa ancora piu' ingente: molte le case distrutte, profonde le crepe negli edifici pubblici, innumerevoli i crolli. Un'altra scossa di seria entita' si e' registrata intorno alle 7, mentre si iniziava a scavare tra le macerie. L'Aquila e' senza luce e gas. Sono migliaia gli sfollati. La citta' e' in preda al panico. E' crollata completamente la cupola della chiesa delle Anime Sante nel centro storico. Anche la Cattedrale ha subito danni strutturali. Molti abitanti hanno abbandonato la citta' bordo delle loro auto. E' crollata parzialmente anche la Casa dello studente. Un punto di raccolta e' stato immediatamente allestito a Piazza d'Armi, nel centro storico. Alle 6 giungevano le notizie delle prime vittime: quattro bambini sono morti nell'ospedale dell'Aquila, in seguito fatto sgomberare per il pericolo di crolli. Due morti venivano segnalati nella localita' di Fossa. Altri nove morti sono stati registrati ancora a L'Aquila. I feriti sono numerosi ed e' impossibile stabilire quante persone possono essere rimaste intrappolate negli edifici crollati. Il bilancio di vittime e feriti e' destinato a crescere nelle prossime ore. Per verifiche e controlli sui viadotti, e' stato chiuso il tratto autostradale Roma-L'Aquila (A 24) tra Valle del Salto e Assergi in entrambe le direzioni. La Protezione civile invita a non mettersi in viaggio per recarsi nelle zone colpite dal sisma. Gente in strada anche a Sulmona e Teramo, con crolli di cornicioni e crepe nei muri. Seri danni alle abitazioni sono stati segnalati anche in diverse localita' della provincia di Pescara. A Rovere, sull'Altopiano delle Rocche, e' crollato il campanile mentre danni e case lesionate si riscontrano anche ad Avezzano. Le scosse del sisma sono state avvertite anche nelle Marche, in particolare in provincia di Ascoli Piceno. Ad Ancona, Jesi e Fabriano sono state centinaia le chiamate ai centralini dei vigili del fuoco e molte persone hanno trascorso la nottata per strada. Si e' appreso che scosse di terremoto di lievissima entita', definite di sciame sismico, erano iniziate a registrarsi lo scorso lunedi' 30 marzo. I comuni interessati erano stati Collimento, Villagrande ma anche la zona dell'Aquila non era rimasta estranea a questi movimenti sismici. Le magnitudo delle scosse si collocava poco sopra il grado 2 della scala Richter. Movimenti sismici si registrano anche in Emilia Romagna. Il sisma, con epicentro tra i comuni di Forli', Forlinpopoli e Castrocaro Terme, in provincia di Forli', e di Faenza in provincia di Ravenna, e' stato avvertito ieri sera in varie regioni dell'Italia centrale. Lo ha reso noto il Dipartimento della Protezione civile. La scossa in Emilia Romagna e' avvenuta alle ore 22.20. Dalle verifiche della Protezione civile, non risultano pero' danni a persone e a edifici. I movimento sismico, particolarmente intenso, e' stato avvertito soprattutto nel forlivese, nella zona dell'Appennino, nel Cesenate, a Rimini e nel bolognese. Per la Protezione civile dell'Emilia-Romagna, il sisma ha avuto il suo epicentro nella zona dell'Appennino forlivese. Fonte ASCA, Agenzia Stampa Quotidiana Nazionale New York Times: ROME — At least 27 people died
SL Discovery Hunt 4a
SL Discovery Hunt 4a
SLD #62-81. Too bad I can't show them here, but this section of the hunt came with a few charming notecards. One jewelry maker made it a point to say that her jewelry is not made with bling because it "yells too loud" (jTaste, #63). A plant with particle bees came with a Sherlock Holmes Story, "The Case of the Busy Bees," in notecard form (Pholly Garden Center, #64). And the owners of a clothing store wrote that their gift is exclusively available in the hunt (Claiwel Rannveig, #65). This last one isn't terribly unusual, but after my spiel recently, I thought I'd point it out this time because I always appreciate it when vendors do this. The umbrella and fence shown are the only parts of a BBQ set that I could afford to leave out. The entire set is eighteen items and 215 prims. I'm torn between commending Belle Belle (#73) for contributing such an enormous gift and bitching that displaying all of it is too impractical, but really, I think the commendation is more logical: the large set allows versatility in what you wish to leave out and what not. Only the barbeque itself, at 87 prims for one item, is a bit overboard.

country furniture faire
country furniture faire
Women, Work & the Art of Savoir Faire
From the #1 New York Times bestselling “high priestess of French lady wisdom” (USA Today) comes every woman’s guide to navigating the world of work, living the good life, and savoring every minute of it.
Mireille Guiliano, internationally bestselling author of French Women Don’t Get Fat and former senior executive for Veuve Clicquot, uses her distinctive French woman’s philosophy and style to share lively lessons, stories, and helpful hints from her experiences at the front lines and highest echelons of the business world. Guiliano offers every reader the practical advice she needs to make the most of work without ever losing sight of what is most important: feeling good, facing challenges, getting ahead, and maximizing pleasure at every opportunity.

From the #1 New York Times bestselling “high priestess of French lady wisdom” (USA Today) comes every woman’s guide to navigating the world of work, living the good life, and savoring every minute of it.
Mireille Guiliano, internationally bestselling author of French Women Don’t Get Fat and former senior executive for Veuve Clicquot, uses her distinctive French woman’s philosophy and style to share lively lessons, stories, and helpful hints from her experiences at the front lines and highest echelons of the business world. Guiliano offers every reader the practical advice she needs to make the most of work without ever losing sight of what is most important: feeling good, facing challenges, getting ahead, and maximizing pleasure at every opportunity.

Comments