IMMAGINI E PENSIERI


                                                                                             Astrazione e ridefinizione

Astrazione e ridefinizione

Astrazione come immensa possibilità di modulare immagini

le quali diventano contenitori ideali per una riconsiderazione della forma e dello spazio.

Rinvigorire e riadattare in maniera nuova,alcuni schemi limitanti il senso pittorico.

Attualizzare il compito esclusivo di un immagine:far emergere il significante 

i desideri,le credenza,le preferenze ed il gusto dell'artista. 

Tralasciando teorie e concetti ,simboli e strutture,ragioni di facciata,possiamo ritenere 

ancora importante l'esigenza di dipingere una superficie.

 

 

 

 In questo lavoro eseguito nel 1996,usavo ancora la tela fissata sul supporto in legno,cosa che ultimamente cerco di evitare,riciclando supporti di vario tipo,sui quali fissare                                                                                                                     una tela e poi dare un fondo.

                                                                Il lavoro,e tutta la serie che lo segue,è stata ispirata da una vacanza passata in Croazia

                                                                       e da precedenti visite fatte presso Aquileia e in seguito a Desenzano sul Garda.

Visitando il Museo di Storia Antica a Pola,mi soffermai a guardare le cartine geografiche indicanti i siti archeologici,scoperti nei pressi di Nesazio (Nesactium) e,dopo un 

                        sopra luogo in loco,mi accorsi che tali cartine e relative indicazioni,potevano ispirarmi per una serie di considerazioni su quella visita.

 

         Non volevo lavorare sul fatto estetico ma esclusivamente sul' impatto di tali immagini così dettagliate e piene di riferimenti.Ne seguirono ,al rientro in studio,una grossa                                                    produzione di soggetti e bozzetti a matita. Poi ho  tenuto quelli che consideravo più idonei,sviluppandoli sul supporto telato e ridimensionandoli.



Avevo scelto questo soggetto  perché  mi sembrava curioso rovesciare il contesto delle immagini delle cartine e delle indicazioni in esse contenute.Non volevo che inneggiassero all'antica  Roma e alle sue conquiste o alle popolazioni preesistenti nella zona.Piuttosto pensavo di rimaneggiare  e riadattare, con modelli diversi ,il lavoro svolto durante gli scavi ,per porre un accento sul compito degli archeologi e dei loro collaboratori.


 


La serie "GLI OLTRAGGI DEL TEMPO" era ispirata proprio da questo,dal loro impegno nel far riemergere lo sconosciuto e un luogo nel quale la vita si svolgeva seguendo usi e                                                                                            abitudini diverse dalle nostre,ma simili in certi aspetti.



                Nel 2000 avevo scelto di continuare a realizzare soggetti ispirati dalle precedenti considerazioni.Le opere nelle foto sottostanti,sono un esempio di una manipolazione e un                                                riadattamento di immagini ,seguendo uno stile uguale ,ma cercando di parzializzare ulteriormente colori e forme.