2807  PANORAMA1RECANATESE  2015

Tolentino “Non c’è peggior cieco di chi non vuol vedere e non c’è peggior sordo di chi non vuol sentire…” Il Sindaco risponde al Comitato Foro Boario Senigallia Confindustria contro il bilancio comunale: 'Nessun progetto di sviluppo, solo tasse' Macerata #lavoropulito - Tutela del consumatore e delle imprese che lavorano nel rispetto delle regole Ancona FUTURO - Marche, il tasso di fiducia nelle cooperative superiore di 9 punti alla media nazionale San Severino La Fondazione Claudi propone il “Festival d’estate” Ancona Tornano a crescere le imprese delle Marche San Severino Una fermana conquista il titolo di Miss San Severino Marche Ancona Marche, tornano a crescere le imprese ma l'artigianato resta al palo e l'edilizia è ancora in crisi Macerata Premio "Alternanza Scuola-Lavoro": il termine per le iscrizioni scade il 18 settembre 2015 San Severino Presentato il libro di Marta Bellomarì “Suona la sirena” Civitanova Alessandra Ferri, una stella tra le più brillanti del firmamento della danza, qquesta sera al Teatro Rossini Ancona Al Passetto scatta il divieto di balneazione Castelfidardo Superzise night, il riso fa buon sangue a Girogustando Loreto In Basilica concerto d’organo del maestro Roberto Lomurno San Severino Lapide in memoria dell’architetto Ireneo Aleandri JesiJesi Jazz Festival si apre con la Bad Gang diretta dal.....


Montegranaro: apre il gas in casa per togliersi la vita, rischia di far saltare in aria la palazzina

Era intenzionato a togliersi la vita pur rischiando di far saltare in aria la palazzina dove abita. E’ accaduto a Montegranaro, dove un 45enne in preda ad una forte depressione a seguito della separazione dalla moglie, ha aperto la valvola della della bombola saturando il suo appartamento di gas.

I condomini, appena avvertito l’odore del gas hanno chiamato i carabinieri, arrivati mentre l’uomo stava per appiccare il fuoco. I militari, dopo essere riusciti a entrare nell’appartamento, hanno bloccato l’uomo e fatto evacuare celermente i residenti nella palazzina.

I vigili del fuoco arrivati sul posto hanno operato celermente per scongiurare l'esplosione. L’uomo aveva già tentato il suicidio un mese fa. Ora è ricoverato nel reparto di psichiatria dell'ospedale di Fermo.

Potenza Picena

Rolex scippato a Germano Ercoli

L'imprenditore Germano Ercoli, patron dell’Eurosole e della Goldenplast, è stato rapinato venerdì scorso del suo Rolex del valore di oltre 20 mila euro, mentre è sull'auto davanti all'azienda.

Un uomo con fare fulmineo gli si è avvicinato strappandogli dal polso il prezioso orologio. Poi è scappato, forse aiutato da un complice. Ercoli è rimasto di sasso e pare che non abbia nemmeno tentato di ricorrerlo tale fosse stata la sorpresa. Sulla vicenda indagano i carabinieri.

Camerano

Malore a un neonato di 3 giorni: soccorso dall'eliambulanza

Stavano tornando a casa in auto col loro bimbo di tre giorni, quando nei pressi del centro commerciale Carrefour si acorgono che all'improvviso il neonato si sente male. I genitori, originari del Fermano arrestano ma macchina e in preda alla disperazione e chiamano il 118. Poco dopo le 14 da Torrette arriva l'eliambulanza che atterrata in zona. Giunge anche la Croce Gialla di Camerano. Il neonato viene trasportato d'urgenza al pronto soccorso dell'ospedale pediatrico Salesi.

Ancona

Minardi e Malaigia vicepresidenti del consiglio. Mastrovincenzo: “una rinnovata collaborazione nel pieno rispetto delle istituzoni"

L’Assemblea legislativa ha provveduto alla rielezione dei membri dell’Ufficio di Presidenza, che si è riunito subito dopo la seduta consiliare. Nelle dichiarazioni il richiamo alla necessità di lavorare attraverso un confronto costante e serrato.

Prima riunione del nuovo Ufficio di Presidenza del Consiglio regionale. Questa mattina, infatti, l’Assemblea ha provveduto a rieleggere i due Vicepresidenti, Renato Claudio Minardi (Pd) e Marzia Malaigia. (Lega Nord).

Il Presidente Antonio Mastrovincenzo ha formulato gli auguri di buon lavoro, con l’auspicio di avviare “un percorso di rinnovata collaborazione, nel pieno rispetto delle istituzioni democratiche e nella consapevolezza del ruolo che si è chiamati a svolgere. Alla comunità marchigiana intendiamo fornire risposte chiare, veloci e credibili, frutto di un solido confronto”.

Intervenendo in Aula, subito dopo l’elezione, Minardi ha rivolto “un sentito ringraziamento per il rinnovo della fiducia accordata. Ci aspetta molto lavoro da fare a partire dalla necessità di creare valide opportunità occupazionali, soprattutto per le nuove generazioni. Altro impegno, quello di avviare una seria sburocratizzazione, che agevoli le nostre decisioni e vada incontro alle reali esigenze dei cittadini.”

Soddisfazione è stata espressa anche da Marzia Malaigia, “consapevole del peso e dell’onore dell’incarico che mi è stato conferito. La mia partecipazione sarà caratterizzata da incisività e schiettezza, anche con un pensiero a tutte le donne marchigiane”.

A.Is.

Ancona

FUTURO - Marche, il tasso di fiducia nelle cooperative superiore di 9 punti alla media nazionale

La sua funzione principale è stata ed è quella di creare lavoro e per questo la sua presenza nel sistema marchigiano andrebbe ulteriormente rafforzata. È questo il ritratto della cooperazione che emerge dall'indagine-ricerca "Scenari cooperativi. Il ruolo delle cooperative per l'economia e la società marchigiana", realizzata da Swg per le Centrali cooperative Agci Marche, Confcooperative Marche, Legacoop Marche, Unci Marche, in collaborazione con Cooperstudi-Centro studi sulla cooperazione marchigiana.

La ricerca offre uno spaccato su una realtà composta da 900 cooperative, 350 mila soci, 24 mila occupati, con un fatturato di 3 miliardi. "Il livello di fiducia verso le cooperative marchigiane, pari a 54, è superiore di nove punti in regione alla media nazionale e anche rispetto alle imprese regionali di capitale, pari a 35, - ha detto Enzo Risso, direttore scientifico Swg -, un risultato legato soprattutto alla percezione dei valori delle cooperative, onestà, solidarietà, responsabilità nell'uso delle risorse, lavoro, uguaglianza e rispetto".

L'indagine, realizzata a maggio su un campione di 1.200 persone, rappresentativo della popolazione maggiorenne delle Marche, con il sostegno della legge regionale 5/2003, è stata voluta dalle Centrali cooperative, ha spiegato Franco Alleruzzo, presidente Legacoop Marche, "perché volevamo capire quali fossero le conseguenze della crisi economica, che ha investito anche la cooperazione, e per verificare l'opinione sul movimento cooperativo che, a livello nazionale, ha subito, in alcuni momenti, un appannamento d'immagine. Nelle Marche, invece, le caratteristiche della cooperazione ne escono rafforzate dai traguardi sociali ed economici raggiunti in questi anni perché è una realtà fortemente intrecciata con il territorio, vicina ai cittadini e, per sua stessa natura, di condivisione e partecipazione".

Una natura che, ha ricordato Risso, prende sempre più campo fra i giovani che "vedono nella forma cooperativa, anche nelle Marche, una scelta imprenditoriale e lavorativa di autonomia e di creatività". Fattore dimostrato dai dati di creazione di start up cooperative da parte di ragazzi che, a livello nazionale, rappresentano il 10% del totale. "Le imprese cooperative marchigiane risultano essere dinamiche, credibili, efficienti rispetto alle esigenze del territorio - ha aggiunto Risso -, affidabili, ricche e solide, la cui principale funzione deve essere quella di creare lavoro, costituire un'alternativa al sistema vigente e promuovere iniziative sociali".

Ancona

Tornano a crescere le imprese delle Marche

Tornano a crescere le imprese delle Marche. Tra aprile e giugno sono stati 2.490 gli imprenditori che hanno avviato un'attività nella nostra regione mentre in 1.645 si sono cancellati dal registro delle imprese presso le Camere di commercio, con un saldo positivo di 845 nuove aziende e la creazione di 2.500 posti di lavoro. In calo fallimenti e concordati preventivi. Complice l'inizio della stagione estiva registrano una forte crescita le imprese commerciali ( +202) e quelle di alloggio e ristorazione (+96). L'industria manifatturiera marchigiana vede le aziende aumentare di 28 unità, grazie soprattutto all'abbigliamento (+23), alla meccanica (+22) e al calzaturiero (+10).

Ancona

Marche, tornano a crescere le imprese ma l'artigianato resta al palo e l'edilizia è ancora in crisi

Di Battista: "I dati del secondo trimestre dimostrano una vitalità del sistema imprenditoriale marchigiano che torna a credere nella ripresa. Per rendere strutturale una crescita che al momento è soltanto congiunturale, occorrono serie politiche di sostegno alle imprese che passano dalla riduzione delle tasse al sostegno ai Confidi per finanziare gli investimenti aziendali ed all'attivazione di circuiti virtuosi per le economie locali e per le imprese grazie ad un utilizzo ottimale delle risorse europee."

Tornano a crescere le imprese delle Marche. Tra aprile e giugno sono state 2.490 gli imprenditori che hanno avviato un'attività nella nostra regione mentre in 1.645 si sono cancellati dal reg istro delle imprese presso le Camere di commercio, con un saldo positivo di 845 nuove aziende e la creazione di 2.500 posti di lavoro. Lo ha comunicato con una nota il presidente Unioncamere Marche Graziano Di Battista sulla base dei dati Infocamere elaborati dal Centro Studi Unioncamere Marche.

"I dati del secondo trimestre"ha affermato Di Battista " dimostrano una vitalità del sistema imprenditoriale marchigiano che torna a credere nella ripresa. Dati confortanti, quelli sulla natalità e mortalità delle imprese, ai quali si aggiunge il calo dei fallimenti e dei concordati preventivi. Per rendere strutturale una crescita che al momento è soltanto congiunturale, occorrono serie politiche di sostegno alle imprese che passano dalla riduzione delle tasse al sostegno ai Confidi per finanziare gli investimenti aziendali ed all'attivazione di circuiti virtuosi per le economie locali e per le imprese grazie ad un utilizzo ottimale delle risorse europee."

Nel secondo trimestre 2015 sono state 113 le imprese delle Marche che hanno portato i libri in tribunale per avviare una procedura fallimentare mentre i concordati preventivi, anticamera dei fallimenti, sono stati 18. Nello stesso periodo dell'anno precedente le aziende fallite erano state

122 ed i concordati 26.

In un quadro complessivo di crescita delle imprese marchigiane rimangono purtroppo al palo le aziende artigiane. Negli ultimi tre mesi ne sono nate 827 ma hanno cessato l'attività in 850, con la perdita di 23 imprese. Alla fine di giugno le imprese artigiane marchigiane erano 47.860 su un totale di 173.572 aziende.

Secondo il Centro Studi Unioncamere Marche, che ha elaborato i dati Movimprese per i principali settori produttivi marchigiani, tornano a crescere anche le imprese agricole (+132) che all'inizio dell'estate erano 28.662. Complice l'inizio della stagione estiva registrano una forte crescita le imprese commerciali (+202) e quelle di alloggio e ristorazione (+96), L'industria manifatturiera

marchigiana vede le aziende aumentare di 28 unità, grazie soprattutto alla meccanica (+30), all'abbigliamento (+23), al calzaturiero (+10). Ancora in calo invece le aziende di prodotti in metallo (-24), l'industria del legno (-119), del mobile (-4) e l industrie tessili (-7). Positivi tutti gli altri settori, dai servizi alle imprese (+62) alle attività artistiche e sportive (+54), dalle attività professionali e di consulenza (+38) alle attività immobiliari (+37) Bene anche i servizi di informazione e comunicazione e le attività finanziarie e assicurative (+7). Unico settore in controtendenza l'edilizia (-14) che non esce dalla crisi.

Nel sistema produttivo marchigiano sono sempre di più le società di capitale. Fra aprile e giugno ne sono nate 589 contro 202 cessazioni per un saldo positivo di 387 aziende che ha portato il numero complessivo di spa ed srl a 37.528. In crescita anche le imprese individuali (+407) ed i consorzi e cooperative (+53) mentre restano pressoché stabili le società di persone (-2).

Andando sul territorio, a crescere di più sono le imprese della provincia di Ancona (+220) seguite da quelle maceratesi ( +200). Positivi anche i dati di Pesaro Urbino (+153), Fermo (+147) e Ascoli

Piceno (+125).

Sergio Giacchi

Ancona

Al Passetto scatta il divieto di balneazione

L'Arpam ha rilevato presenza di sversamenti a causa delle forti piogge di sabato.

A seguito delle abbondanti piogge di sabato pomeriggio nella zona sottostante la piscina del Passetto, l'Arpam ha verificato uno sversamento di reflui di tipo domestico. Pertanto si è reso necessario emettere una ordinanza, a firma del Sindaco, con la quale si fa divieto di balneazione nelle acque del Passetto al di sotto del piscina comunale, fino a nuovo esito favorevole dei controlli sui campioni. La situazione potrebbe tornare alla normalità nel giro di pochi giorni.

Loreto

In Basilica concerto d’organo del maestro Roberto Lomurno

La Delegazione Pontificia è lieta di comunicare che oggi (martedì 28 luglio 2015) avrà luogo il secondo concerto della rassegna “Angeli Musicanti in Santa Casa”. L’appuntamento è alle ore 21,15, presso la Pontificia Basilica della Santa Casa di Loreto.

Protagonista sarà il M° Roberto Lomurno. Direttore artistico della rassegna è il M° p. Giuliano Viabile, che è anche direttore della Cappella Musicale della Santa Casa. Si ricorda che tutti i concerti sono ad ingresso libero e che prima (dalle 19,30 alle 21,00) e al termine di ogni concerto, presso l’ingresso delle Cantine del Bramante (Vicolo degli Stemmi) sarà possibile degustare i prodotti dell’Azienda Agricola Santa Casa e visitare le cantine del Palazzo Apostolico (per info: 071.978852).

Programma

Johann Sebastian Bach,

Fantasia e fuga in sol min. BWV 542

Preludio - Corale "Schmücke dich, o liebe Seele" BWV 654

César Franck

Corale III in la min.

Girolamo Frescobaldi

Toccata per l'elevazione (dalla "Messa della Madonna")

Polibio Fumagalli

Marcia Brillante op. 80

Gaston Litaize

Prélude et danse fuguée

Charles Marie Widor

Toccata (dalla Sinfonia n. 5)

Roberto Lomurno

Fantasia improvvisata su tema proposto dal pubblico

Roberto Lomurno

Ha intrapreso gli studi musicali sotto la guida del proprio padre, Giovanni, proseguendoli presso il Conservatorio “N. Piccinni” di Bari con Daniele Zini, e Margherita Quarta, e conseguendo il diploma in Organo e Composizione Organistica con il massimo dei voti.

Ha intrapreso gli studi di Composizione e a frequentato corsi di perfezionamento organistico direzione di Coro e direzione d’Orchestra. Ha al suo attivo oltre 350 concerti in Italia e all’Estero registrando per varie emittenti televisive (tra cui RAI1 e RAI2 in diretta Eurovisione) come Organista, Pianista, Continuista, Direttore di coro, Direttore d’Orchestra e Maestro collaboratore. Ha inoltre inciso in diversi CD per la casa discografica Mediasat di Milano e pubblicati dalla “Gazzetta del Mezzogiorno”.

Premiato in vari concorsi pianistici nazionali, ancora undicenne ha conseguito il 3° premio alla II biennale d’arte e poesia “Premio Salvatore Quasimodo” in qualità di compositore. E’ risultato inoltre vincitore di Concorsi nazionali ed internazionali d’organo.

E’ stato organista e direttore di vari cori e docente di Organo e Armonia presso l’Istituto Diocesano per la Musica Sacra di Bari. E’ attualmente Organista e Maestro di Cappella presso la parrocchia “S. Maria delle Grazie al Naviglio” di Milano, Direttore Artistico e Musicale del Progetto “Ars Artium” e Direttore Musicale dell’Associazione Corale Graf di Milano.

Autore di composizioni per voci, coro e strumenti. Promotore di eventi culturali, ha ideato e diretto il “Primo Memorial Alda Merini”, celebrato il 31 ottobre 2010, in occasione del primo anniversario della scomparsa della poetessa alla presenza di eminenti autorità milanesi e testate giornalistiche e televisive.

Delegazione Pontificia di Loreto

Macerata

Il consiglio comunale vota la convalida a consigliere comunale per Maria Francesca Tardella.

Durante la seduta di ieri pomeriggio l'assise cittadina ha approvato l'insussistenza delle cause di incompatibilità. Approvata anche una delibera in materia di gestione idrica integrata.

Non sussiste incompatibilità tra il ruolo di consigliere comunale e quello di amministratore e legale rappresentante della Società sportiva Maceratese per Maria Francesca Tardella, candidato sindaco alle scorse elezioni amministrative ed eletta a far parte del consesso cittadino.

Lo ha stabilito ieri pomeriggio il Consiglio comunale con una delibera approvata con 17 voti favorevoli espressi dai gruppi Pd, Pensare Macerata, A sinistra per Macerata bene comune, Città viva e Marco Menchi deLa Cittàdi tutti, 3 contrari (Movimento 5 stelle) e 5 astensioni del sindaco Romano Carancini (Pd), del presidente del Consiglio comunale Luciano Pantanetti (La Cittàdi tutti), di Chiara Bisio (Pd), Ivano Tacconi e Marco Foglia (Udc).

La delibera, approvata in serata dopo un lungo approfondimento e un acceso dibattito relativamente alla procedura e alla tempistica con cui l’atto è stato licenziato dalla commissione consiliare per essere proposto all’attenzione dei consiglieri, dispone quindi la convalida dell’elezione a consigliere comunale di Maria Francesca Tardella ritenendo insussistente la causa di incompatibilità inizialmente contestata in base all’articolo 63, comma 1 del Testo Unico degli Enti Locali.

Il Consiglio comunale, iniziato con la commemorazione del professor Dante Cecchi e di alcuni dipendenti comunali recentemente scomparsi, aveva in precedenza approvato lo schema di convenzione obbligatoria per la costituzione delle Assemblee di Ambito dell’ATO3 Marche centro-Macerata in materia di gestione del servizio idrico integrato. La delibera che dà atto dell’adesione obbligatoria del Comune di Macerata a tale assemblea e dà al sindaco il mandato per sottoscrivere la convenzione per l’Ente locale, è stata approvata con 24 voti favorevoli (gruppi di maggioranza, Fratelli d’Italia e Città viva) e 8 astenuti (Forza Italia, Idea Macerata Marche 2020, Città viva). (sb)

Macerata

#lavoropulito - Tutela del consumatore e delle imprese che lavorano nel rispetto delle regole

E' stato firmato questa mattina, nella sala del Consiglio Comunale maceratese, il protocollo d'intesa contro l'abusivismo nelle imprese dei servizi, sottoscritto dalla CNA Provinciale di Macerata e 22 Comuni del territorio (Recanati, Potenza Picena, Appignano, Civitanova Marche, Montecassiano, Montelupone, Belforte, Corridonia, Morrovalle, Apiro, Cingoli, Treia, Poggio San Vicino, Matelica, Esanatoglia, Fiuminata, Camerino, Castelraimondo, San Severino Marche, Pioraco e Caldarola), con il Comune di Macerata a fare da capofila, e alla presenza del Comandante della Guardia di Finanza, il Colonnello Papetti.

Al centro del progetto ci sono le aziende che rientrano nel settore dei servizi alla comunità, quali le lavanderie (tradizionali e self), centri estetici, parrucchierie, officine di autoriparazione.

Siamo convinti – ha dichiarato il Presidente CNA Provinciale di Macerata Giorgio Ligliani - che un’impresa irregolare faccia danno a se stessa, alla comunità, ai suoi clienti, in qualunque forma l’illegalità venga manifestata: dal lavoro “in casa”, come nell’ambito dell’estetica, al lavoro nei garage e totalmente nell’anonimato, come nel caso delle officine o carrozzerie irregolari, nel travalicare la legge, offrendo servizi non consentiti come nel caso delle lavanderie self, mettendo a volte a repentaglio anche la salute del cittadino”.

"Sottoscriviamo con convinzione questo protocollo perchè ci pone dalla parte dei più deboli e dei più bravi" ha detto il sindaco Romano Carancini "Gli artigiani rappresentano il talento di questo Paese e soprattutto di questo territorio. L'artigianato è il seme dal quale derivano attività talentuose di piccole dimensioni ma anche grandi progetti che sfociano poi in imprese più grandi e quindi in qualche modo più tutelate. Con grande convinzione l'Amministrazione adotterà quindi tutti gli strumenti previsti dal protocollo che firmiamo oggi con la Cna per eliminare l'ingiustizia della professione abusiva dei mestieri".

Presente alla conferenza stampa anche il colonnello Papetti che ha ribadito la vicinanza e l'impegno delle Fiamme Gialle verso il contrasto di ogni forma di abusivismo. "Staremo sempre dalla parte delle aziende oneste tutelando i diritti di chi ha comportamenti corretti e leali".

Il protocollo impegna gli uffici che rilasciano le SCIA ad essere particolarmente attenti nel far rispettare le regole e a prendere in considerazione i casi di “evidente” illecito che possono essere sottoposti da CNA alla loro attenzione.

Aggiunge il Presidente Nazionale di CNA Servizi alla Comunità, Anna Maria Pioni: “Obiettivo del protocollo è sia informare l’opinione pubblica della presenza di fenomeni di abusivismo nel tessuto sociale ed economico, che sensibilizzare i cittadini sugli effetti collaterali negativi che può avere l’adozione di comportamenti non rispettosi delle vigenti disposizioni legislative, regolamentari e sanitarie quali, ad esempio, la richiesta di servizi e forniture di prodotti a personale non qualificato, la richiesta di servizi ad imprese che utilizzano lavoratori non regolari o l’acquisto di merce da coloro che non sono titolari di apposita autorizzazione o licenza, né sono comunque legittimati alla vendita”.

In tal modo, infatti, si finisce per favorire, direttamente o indirettamente, la concorrenza sleale e altre forme criminose di sfruttamento della manodopera, lavoro nero, evasione fiscale, determinando, in molti casi, anche pericolo per la salute.

Per questo, inoltre, CNA Macerata ha lanciato la campagna di sensibilizzazione #lavoropulito, che ha preceduto la firma del protocollo, con cui si invitano tutti, imprese e cittadini, a segnalare all'associazione abusi e concorrenza sleale, così da essere tramite con le autorità competenti.

Macerata

Premio "Alternanza Scuola-Lavoro": il termine per le iscrizioni scade il 18 settembre 2015

La Camera di Commercio di Macerata ha emanato il bando della nuova edizione del Premio "Alternanza Scuola-Lavoro", sezione "Unità Formative".

Il premio è rivolto alle imprese, agli studi professionali e agli enti pubblici che nell'a.s. 2014/2015 hanno aderito al progetto dell'Alternanza. L'iscrizione deve essere redatta conformemente ai modelli qui riportati, e presentata alla Camera di Commercio di Macerata secondo le modalità indicate dai rispettivi Bandi, a partire dal 1 agosto ed entro venerdì 18 settembre 2015.

Il Premio "Alternanza Scuola-Lavoro" è stato istituito dalla Camera di Commercio di Macerata nell'ambito dell'omonimo progetto promosso a livello provinciale in collaborazione con Associazioni di categoria, Ordini professionali, Scuole, Provincia e Ufficio Scolastico Regionale Marche, al fine di promuovere, diffondere e valorizzare le eccellenze provinciali di Alternanza.

Il Premio si rivolge ad imprese, liberi professionisti ed enti pubblici che nell'a.s. 2014/2015 hanno aderito al progetto, ospitando tirocinanti delle scuole superiori, offrendo loro disponibilità, esperienza e professionalità, ma soprattutto inserendo tra le proprie strategie imprenditoriali l'investimento in formazione, orientamento dei giovani e collaborazione con il sistema scolastico.

Civitanova

Alessandra Ferri, una stella tra le più brillanti del firmamento della danza, qquesta sera al Teatro Rossini

Alessandra Ferri, una stella tra le più brillanti del firmamento della danza, è la protagonista della notte a lei dedicata martedì 28 luglio al Teatro Rossini nell’ambito di Civitanova Danza Festival. Considerata

internazionalmente una delle più importanti ballerine del nostro tempo, Alessandra Ferri presenta con Herman Cornejo Evolution. Per lei - Personaggio dell’Anno Premio Danza&Danza 2014 - la ripresa del cammino

teatrale ha coinciso con la totale presa di coscienza del suo destino di

danzatrice. Dell'esserlo intimamente cuore, corpo, anima. Da questa

necessità nasce Evolution, progetto che fin dal titolo gioca appunto sul

doppio binario: quello dell'evoluzione di un'arte e quello di una

trasformazione di un’artista. Ad accompagnarla in questo nuovo viaggio

creativo Herman Cornejo, principal dancer dell'American Ballet Theatre, che

accanto ad Alessandra è sempre più stimolato a seguirne la raffinata ricerca

artistica e interpretativa. Insieme a loro sono in scena alcuni danzatori,

artisti di diversa formazione, ma profondamente uniti dalla medesima visione

della danza: Tobin Del Cuore, Craig Hall, Daniel Proietto, Jonathan

Alsberry, William Briscoe, Jonathan Fredrickson, Johnny McMillan, Jeremy Jae

Neal.

Il programma della serata è una collana di creazioni di significativi e

originali autori dell'attuale scena coreografica che si apre con Rhapsody

coreografia di Frederik Ashton su musica di Sergei Rachmaninoff. A seguire:

Duet from concerto six twenty two coreografia di Lar Lubovitch su musica di

Mozart, Sinnermann coreografia di Alan Lucien Øyen su musica di Nina Simone,

After the rain coreografia di Christopher Wheeldon su musica di Arvo Pärt,

Spiegel im Spiegel, Trio da Awáa coreografia di Aszure Barton su musica

originale di Curtis MacDonald, A Mariner

coreografia di Kate Skarpetowska su musica di Georg Friedrich Händel,

Sinatra Suite coreografia di Twyla Tharp danzata su canzoni eseguite da

Frank Sinatra, Pacopepepluto coreografia di Alejandro Cerrudo su musica di

Dean Martin, Joe Scalissi e a chiudere il programma Le Parc passo a due di

Angelin Preljocaj su musica di Mozart.

Étoile al Royal Ballet dal 1983 al 1985, all’American Ballet Theatre dal

1985 al 2007 e al Teatro alla Scala dal 1992 al 2007 Alessandra Ferri è nata

a Milano e ha iniziato gli studi alla Scuola di Ballo del Teatro alla Scala

e successivamente ha studiato alla Royal Ballet School di Londra. Nel 1980

dopo aver vinto il Prix de Lausanne è entrata a far parte del Royal Ballet.

Diventa prima ballerina a soli 19 anni. Nel 1985, Michail Baryshnikov la

invita all’American Ballet Theatre dove rimarrà fino al 2007. Ha lavorato

con i più grandi coreografi del nostro tempo tra i quali Jiri Kylian, John

Neumeier, William Forsythe e Roland Petit. Ha danzato nei teatri più

prestigiosi del mondo. Tra i numerosi premi ricevuti il Sir Lawrence Olivier

Award, il Dance Magazine Award e il Benois de la Danse. Nel 2006 è stata

nominata Cavaliere della Repubblica dal Presidente Carlo Azeglio Ciampi.

Herman Cornejo ha iniziato a studiare danza a Buenos Aires al Teatro Colon

Instituto Superior de Arte e successivamente a New York alla School of

American Ballet. Entra a far parte del Ballet Argentino, diretto da Julio

Bocca e nel 1999 dell’American Ballet Theatre, promosso principal dancer nel

2003. Vincitore di numerosi premi e riconoscimenti è nominato Peace

Messenger per UNESCO e nel 2013 eletto dal “The New York Times” Dancer of

the Year.

Il Festival internazionale Civitanova Danza è promosso da Comune di

Civitanova Marche, Teatri di Civitanova, AMAT in collaborazione con Camera

di Commercio Macerata, Ministero dei beni e delle attività culturali e del

turismo, Regione Marche e Provincia di Macerata e sostenuto da Gleam Bijoux

di Zamfir Diana (official sponsor).

Biglietti (da 35 a 60 euro) presso Teatro Rossini 0733 812936 e AMAT 071 2072439. Inizio spettacolo ore 21.30.

Tolentino

Muore in ascensore, interviene la Polizia municipale

Questa mattina, martedì 28 luglio, una pattuglia di Polizia locale mentre era intenta ad espletare le normali pratiche che si svolgono in occasione del mercato settimanale, intorno alle ore 11.15, è stata allertata da una signora che recandosi a casa, in via della Pace 48, in piano centro storico, ha notato una anomalia sul funzionamento dell’ascensore dove all’interno, probabilmente si trovava qualcuno. Immediatamente sono stati chiamati i Vigili del Fuoco e i sanitari del 118.

Non appena è stata sbloccata la porta, all’interno è stato rinvenuto un signore, M.P. di 75 anni residente a Belforte del Chienti, il quale era riverso a terra con le gambe alzate verso le aperture dell’ascensore impedendone l’apertura. Il medico e gli infermieri sono intervenuti subito e dopo vari tentativi per rianimarlo hanno constatato il decesso per cause naturali, probabilmente dovute ad un infarto.

Gli agenti di Polizia municipale hanno provveduto ad avvertire la moglie e la figlia. La prima a giungere sul luogo è stata la consorte che è stata informata con grande attenzione e sensibilità da parte del Vicecomandante David Rocchetti che ha coordinato tutto l’intervento. Il corpo è stato rimosso non appena sono state espletate tutte le pratiche di rito..

Tolentino

Non c’è peggior cieco di chi non vuol vedere e non c’è peggior sordo di chi non vuol sentire…” Il Sindaco risponde al Comitato Foro Boario

Diamo diffusione di un comunicato stampa del Sindaco Giuseppe Pezzanesi (in foto) che precisa alcune questioni a seguito di una comunicazione del Comitato di Quartiere Foro Boario.

Non c’è peggior cieco di chi non vuol vedere e non c’è peggior sordo di chi non vuol sentire…”

Ebbene sì, mai come ora questi due detti storici calzano a pennello ad una situazione che, se fosse vera così come è stata descritta sulla stampa dalla Presidente del Comitato di Quartiere “Foro Boario” Sig.ra Michela Cesari a nome “Lei dice” di tutto il Comitato di Quartiere, mi arrabbierei tantissimo con me stesso e con tutta l’Amministrazione che mi onoro di presiedere per l’enorme torto inflitto alla Presidente, al Comitato e soprattutto alla popolazione residente nell’area interessata. Già “se fosse vero…”, peccato che non lo è, almeno per quanto narrato dalla Presidente sia nella lettera inviatami in Comune, sia negli articoli di stampa…., che guarda caso … seguono di poche ore il contenuto più o meno paritetico dell’interrogazione presentata dai Consiglieri di minoranza del Partito Democratico di Tolentino per il prossimo Consiglio Comunale del 30 Luglio. Accidenti che tempismo! E che similitudine nella stesura dei testi, come si dice a volte nella vita certe combinazioni sono inspiegabili… Peccato però che all’interno dello stesso Comitato vi siano persone che hanno avuto a che fare negli anni scorsi, ricoprendo anche a livello istituzionale ruoli non secondari, con gli stessi signori che oggi presentano l’interrogazione in Consiglio, con gli stessi che nel 2007 autorizzavano l’impianto di cogenerazione esistente oggi oggetto di ampliamento e con gli stessi che, prima di scendere dal carro dopo tanti anni di governo della Città, avevano pressoché azzerato tutti i rapporti con i Comitati di Quartiere. Alla faccia della tanto decantata “Democrazia partecipativa” che peraltro non abbiamo certo noi tradito nemmeno in questo frangente.

Fatta questa debita premessa, veniamo ai fatti così come si sono succeduti e per i quali mi permetterò per onor del vero di allegare al presente comunicato una serie di documenti e notizie che non lasceranno scampo all’immaginazione. Il 27/02/2015 la Giunta Comunale con delibera n° 83 concedeva alla Ditta interessata la deroga prevista all’art. 25 delle vigenti Norme Tecniche di Attuazione allegate al Piano Regolatore Generale per l’intervento di realizzazione di un edificio prefabbricato per l’estensione della attuale centrale termica con una superficie di circa 455 mq ed un’altezza massima di metri 11,50 con ulteriori metri 1,10 per veletta di coronamento.. In data 9 marzo 2015 la Giunta della Regione Marche – Servizio Infrastrutture, Trasporti ed Energia – Posizione di Funzione Valutazioni ed Autorizzazioni Ambientali, ci comunicava in sintesi che, in base alle leggi vigenti in materia, alle caratteristiche del nuovo impianto, tali modifiche sono state ritenute come non sostanziali. Di più, le caratteristiche tecniche e funzionali di nuova generazione del nuovo impianto di Coogenerazione, comportano tra le altre cose minori emissioni

in atmosfera dell’impianto precedente. Di tutto ciò informavamo il Comitato di Quartiere in una riunione-confronto dallo stesso urgentemente voluta ai primi di marzo nella quale non solo ribadivamo i concetti sopraesposti ma consegnavamo anche le copie documentali in ns. possesso.

Il sottoscritto e l’Amministrazione peraltro hanno sempre e solo parlato di questi concetti e non di pensiline… che non ci azzeccano nulla.

In data 04/06/2015, la Sig.ra Michela Cesari invia al Sindaco del Comune di Tolentino una richiesta formale di partecipazione alla prossima conferenza dei servizi Regionale sul tema “rinnovo AIA alla Cartiera di Tolentino e Nuovo Impianto di Coogenerazione”. Il comune di Tolentino di conseguenza invia lettera di richiesta di partecipazione del Comitato alla Regione Marche (che si allega al presente comunicato), alla Provincia di Macerata, alla Ditta Tolentino srl, alla Presidente del Comitato per conoscenza, il tutto in data 25/06/2015.

Il 30 Giugno 2015 il Presidente del Comitato, in seguito alla richiesta del Comune, invia comunicazione via posta elettronica alla Regione ed a tutte le parti in causa indicando mail e numeri di telefono Suoi e del Sig. Uguccioni Luigi sui quali inviare comunicazioni in merito alla stessa convocazione.

Gli uffici competenti della Regione Marche (si allega copia) comunicano in data 03/07/2015 con raccomandata via Pec alla Sig.ra Michela Cesari, alla Cartiera di Tolentino srl, al Comune di Tolentino, alla Provincia di Macerata, Luogo ora e data della riunione fissata in Regione per il 07/07/2015 ore 9,30. Di più, un funzionario della Regione Marche, su disposizione dell’Ufficio competente chiama al celllulare, per rafforzare l’invito, la Sig.ra Michela Cesari per due volte il giorno 03/07/2015 rispettivamente alle ore 9,12 ed alle ore 9,13 ed in entrambi i casi si inserisce la segreteria telefonica, per altrettante due volte il Sig. Luigi Uguccioni, più esattamente alle ore 9,33 e 9,54 dello stesso giorno, alla prima telefonata non risponde nessuno, alla seconda dichiara di rispondere il figlio il quale in buona sostanza diceva che avrebbe riferito al padre.

Di più, la mattina del 07 Luglio 2015, il sottoscritto appurata l’assenza dei rappresentanti del Comitato, chiamava personalmente al cellulare la Sig.ra Michela Cesari, la quale dichiarava in un primo momento di non aver ricevuto né mail né telefonate dalla Regione Marche, tra lo sgomento dei responsabili del procedimento della stessa Regione che mi documentavano come pocanzi detto. Nella stessa mattinata, la Sig.ra Michela Cesari, correggeva il tiro delle Sue dichiarazioni, inviandomi in copia alla mail del mio Studio Privato della mail (che si allega) ricevuta dal Dott. Piccinini della Regione Marche in data 02/07/2015 in cui lo stesso confermava l’autorizzazione alla presenza in Conferenza dei Servizi di massimo n° 3 rappresentanti del Comitato di Quartiere e della necessità di avere un indirizzo mail, meglio se PEC, per l’inoltro dell’invito.

Dalla riunione, assente il Comitato, scaturivano come da verbale (che per copioso numero di pagine non alleghiamo, ma che può essere consultato in qualsiasi momento, posizioni altamente responsabili per il bene della Comunità tolentinate e per una Azienda prestigiosa e seria qual’è la Cartiera Tolentino srl e la sua proprietà, che ha prodotto e sta producendo in questi ultimi tempi in particolare, grandissimi sforzi economici per il miglioramento strutturale ed ambientale del corpo di fabbrica e di tutto ciò che lo circonda, lasciandosi le parti, con l’impegno di rivedersi entro brevissimo, con l’acquisizione di ogni ulteriore e necessaria documentazione in merito per poi procedere all’eventuale rinnovo dell’AIA. Nulla è compromesso quindi in ogni senso, in nulla sono mancati sia l’Amm.ne di Tolentino che tutte le parti in causa istituzionalmente interessate, eccezion fatta, per le inopportune, ingiuste, non veritiere critiche mosse dalla Presidente del Quartiere e dal Suo Comitato che, alla luce di quanto da noi dettagliatamente documentato, avrebbe fatto bene a tacere o ad autosospendersi, ma non perché non democraticamente informati, ma perché colposamente ingrati ad un’Amministrazione più che generosa nei loro confronti, che dal 2012 ad oggi pone l’attenzione e risponde a problematiche sulle quali lo stesso Quartiere attendeva risposte da un ventennio…..

Per ricordare a chi non ricorda, sottolineiamo di aver provveduto a risanare la scarpata franata in corrispondenza dell’attività di Gasparrini sanandone il contenzioso, abbiamo completato ed aperto al traffico Via Osmani, abbiamo recuperato strutturalmente la vecchia Centrale del Ponte e risanato un’altro ampio tratto delle mura Urbiche, abbiamo raggiunto l’accordo proprio con la Cartiera Tolentino srl per il completamento a sue spese della pista ciclabile fino all’ex Centrale del Ponte, abbiamo preservato a verde pubblico l’area sita in Via Flaminia precedentemente destinata alla costruzione della nuova Palestra per le scuole superiori, abbiamo ripristinato il vecchio “Lavatoio”, abbiamo installato la videosorveglianza nell’area dello storico Ponte del Diavolo, abbiamo progettato e se Dio vorrà realizzeremo il nuovo marciapiede lato opposto a quello esistente in Via Foro Boario con contestuale realizzazione dei dossi di riduzione della velocità per aumentare la sicurezza dei pedoni e dell’intero Quartiere.

Domanda semplice, semplice: avremo fatto troppo dopo venti e più anni di oblio e di abbandono del Quartiere da parte di quella sinistra che oggi presenta addirittura un’interrogazione in merito e che stranamente ……ed inopportunamente sembra riscuotere le simpatie della Presidente e del Comitato o parte di esso per il nulla fatto fino a ieri…….

Se cosi è come sembra e meglio che il Presidente ed il Comitato si autosospendano.

Castelfidardo

Superzise night, il riso fa buon sangue a Girogustando

Il calcio balilla umano, uno spettacolo brillante attraversato da un messaggio sociale, tanta musica, animazione e scelta nei quindici punti ristoro. Girogustando Castelfidardo cala la quarta delle sue cinque carte battezzando giovedì 30 luglio la Superzise night il cui programma si dipanerà nel centro storico a partire dalle 19.00. La scena in piazza della Repubblica (in caso di maltempo: teatro Astra) è dedicata alle 21 al format “Il riso fa buon sangue”: la sezione locale Avis richiama l’attenzione sull’importanza della donazione e sulla funzione della benemerita associazione, portando una tappa dello show che sta percorrendo la penisola e vede protagonisti Andrea Di Marco, Paolo Franceschini e Francesco Damiano. Un cabaret espressione di una vera e propria forma d’arte, capace di creare energia positiva. A Porta Marina, il biliardino gigante sarà invece occasione di confronto e divertimento per calciatori di ogni età, mentre per i più piccoli ci saranno gonfiabili, giochi di magia ed equilibrismo, nonché popcorn e zucchero filato gratuiti grazie al Cesar’s show. I music point di Porta Marina ospitano invece la civica scuola di musica (all’occhio di Horus), Alex Berti e Sara Rock (Zen Bakery). A grande richiesta tornano poi il racconta storie alla libreria Aleph (alle 19), i pony del Pony park Olimpia a Porta Marina per imparare a cavalcare, il truccabimbi e bodypainting di Valentina Galli, il mercatino per le vie del centro e il karaoke al Pub O’Brian. Punto focale della manifestazione organizzata dall’Amministrazione Comunale in collaborazione con gli operatori commercial, rimane l’offerta enogastronomica: menu a prezzi convenzionati nei punti ristoro (all’aperto o in locali climatizzati) con ampio ventaglio di scelta culinaria e di prezzo.

SUPERSIZE NIGHT 30 LUGLIO – PROGRAMMA

Dalle ore 21.00 - Piazzale don Minzoni: Tirala, nino, anzi… neinì. Mai toccato un pallone? Questo è il tuo momento perché… non sai che divertimento con la porta rigori e il biliardino umano. Per i più piccoli, gonfiabili saltaballa, popcorn e zucchero filato in regalo. In più I Cesar’s Show, magia, giocoleria, equilibrismi e fuoco per uno… spettacolo di finale

Ore 21.00 - Piazza Repubblica: Il Riso fa buon sangue - La comicità degli Amici del Cabaret che vedete in tv: Andrea Di Marco, Francesco Damiano, Paolo Franceschini. In collaborazione con Avis Castelfidardo

Dalle ore 22.30 - Piazzale don Minzoni Music Points: Occhio di Horus Musica all’ultimo grido - Le hit più note proposte dalla Civica Scuola di Musica Paolo Soprani

Zen Bakery Café #LongLiveRock by AlexBerti - Celtic Party, Rock punk celtic by Sara Rock

TUTTI I GIOVEDÌ

Menu a prezzi di degustazione in collaborazione con i ristoratori e gli operatori commerciali

C’è una storia in libreria! Racconta storie per i bambini dai 3 ai 9 anni: dalle ore 19.00 alle 20.00 – Libreria Aleph, via XVIII Settembre 33.

Cavalgustando - Battesimo della sella per i bambini con Pony Park Olimpia Castelfidardo: dalle ore 21.00 - Piazza Cavour e vie del Centro.

L’estate sulla pelle - Truccabimbi e bodypainting diventano arte di strada con Valentina Galli. Vuoi essere la sua tela? Cerca la sua postazione: dalle ore 19 nel centro storico.

ExpoGustando - A spasso tra bijoux e quadri, arte e artigianato, enogastronomia e collezionismo: dalle ore 19.00 nel Centro Storico.

Karaoke con Dj Ketta e Angy al Pub O’Brian, via Marconi, 11 dalle ore 22.00.

PUNTI DI RISTORO: Osteria-Pizzeria Pippo (via Matteotti 32), Trattoria Dionea (via S. Soprani 26), Osteria il Mattarello (via IV Novembre 4), Pizzeria Cuore di Pizza (via Soprani 8), Gelateria Cienfuegos crema&cioccolato (via Matteotti 13), Pizzeria Pizza Più (via Matteotti 5), Tiffany Cafè (piazzale Don Minzoni), Zen Bakery Cafè (piazzale Don Minzoni), Vis basket Castelfidardo (in collaborazione con Andrea specialità gastronomiche stand in piazza Garibaldi), Pub `O Brian (via Marconi 11), Chain`s Cafè (piazza Leopardi 4), Pizzeria-rosticceria Mazzieri Pierina (via Mazzini 5), L`Angolo Giusto (via Cacvour 2A), La Taverna del Vigolo (via Montebello 11), G.S.D. Vigor Castelfidardo (in collaborazione con Centro Carni Villamusone, arena IV luglio).

Recanati

Un ponte verso l’Est, l’ambasciatore della Serbia visita la città

on l’obiettivo di costruire un ponte verso l’est Europa di carattere turistico, culturale ed economico è stato ospite nei giorni scorsi a Recanati Rade Berbakov, primo Ambasciatore per lo sviluppo degli affari economici della Repubblica di Serbia. Ad accoglierlo è stato il Sindaco Francesco Fiordomo che lo ha accompagnato in un mini tour iniziato nel palazzo comunale e proseguito a Villa Colloredo Mels dove sono raccolti i capolavori di Lorenzo Lotto e il museo dell’emigrazione marchigiana nel mondo ogni anno meta di decine di delegazioni provenienti soprattutto dal sud america . L’Ambasciatore ha poi concluso la sua visita ufficiale godendosi lo spettacolo di Lunaria con l’esibizione del cantautore Cristiano De Andrè, rimanendo meravigliato per le 5000 persone presenti in piazza Giacomo Leopardi. Nel mezzo l’importante incontro avvenuto alla Plados – Telma, azienda leader nella produzione di lavelli in materiale composito e nella commercializzazione di rubinetteria, elettrodomestici e cappe aspiranti guidata da Sandrino Bertini, la quale intrattiene rapporti commerciali con la Serbia. “Stiamo intraprendendo un rapporto di collaborazione che ha un valore storico, culturale, sociale prima ancora che economico” sottolinea il Sindaco Francesco Fiordomo a margine dell’incontro con Berbakov, che dal 2009 è promotore di un accordo strategico Italia – Serbia con l’intento di promuovere le relazioni politiche, economiche e culturali tra i due paesi. Un importante ponte verso l’est che apre ad un mercato di 800 milioni di consumatori e ad interessanti investimenti per le aziende italiane.

Negli ultimi anni le esportazioni hanno infatti superato gli 8 miliardi di euro con una costante crescita principalmente dovuta ai prodotti metalmeccanici, prodotti agro-alimentari e componenti elettronici . La visita di Berbakov segue quella avvenuta lo scorso maggio di Li Ruiyu, Ambasciatore della Repubblica Cinese a Roma in occasione dell’inaugurazione della classe Confucio al Liceo Classico Giacomo Leopardi che è divenuto ufficialmente promotore della lingua e della cultura cinese in Italia.

Senigallia

Confindustria contro il bilancio comunale: 'Nessun progetto di sviluppo, solo tasse'

Confindustria Ancona condanna la decisione del Comune di Senigallia relativa all’aumento di IMU, TASI e IRPEF annunciata all’incontro di presentazione del bilancio di previsione 2015.

Al Comune di Senigallia sfugge il concetto che l’imprenditorialità è il veicolo principale dello sviluppo economico del nostro territorio - afferma con forza il Presidente di Confindustria Ancona Claudio Schiavoni - e che incrementando costantemente la tassazione non viene stimolata la crescita in termini di produttività, innovazione e occupazione bensì incentiva gli investimenti in altri territori. Nel corso dell’incontro in cui è stato presentato molto sinteticamente il bilancio 2015 non esistono alternative, nulla è modificabile o discutibile. Una mera accettazione dei fatti senza alcun confronto, sicuramente necessario, i mesi scorsi. A questo si aggiunge l’assenza di un programma che focalizzi alcuni punti essenziali per un piano di sviluppo economico della città ”.

Confindustria non accetta la logica che ai tagli dei trasferimenti da parte del governo locale debba fare da contraccolpo un aumento indiscriminato dell'imposizione locale. In un momento così delicato per l'economia locale l'amministrazione ha l'obbligo di contrarre la spesa corrente attraverso un'operazione di trasparenza della propria effettiva realtà finanziaria evitando così l'accanimento nei confronti di cittadini e imprese.

La tassazione comunale è un tema su cui siamo intervenuti più volte con l’obiettivo di richiamare il Comune a politiche di sostegno e maggior equità contributiva a favore di delle aziende – ribadisce Claudio Schiavoni . Siamo convinti che un territorio è tanto più attrattivo quanto più crea le condizioni favorevoli per nuovi insediamenti. Ciò vale anche per coloro che nel territorio già ci sono e che comunque potranno apprezzare la virtuosità del Comune in cui risiedono.”

Confindustria Ancona

San Severino

La Fondazione Claudi propone il “Festival d’estate”

Torna il “Festival d’estate” a palazzo Claudi di Serrapetrona. La rassegna di musica da camera, organizzata dalla Fondazione Claudi sotto la direzione artistica di Michele Torresetti, quest’anno propone tre appuntamenti, tutti a ingresso libero. Il primo è in programma mercoledì 29 luglio, alle ore 21,15, con l’esibizione del quintetto per archi di F. Schubert. Protagonisti saranno lo stesso Michele Torresetti (violino), Margherita Miramonti (violino), Matteo Torresetti (viola), Giacomo Grava (violoncello) e Francesco Martignon (violoncello). La seconda “tappa”, invece, è attesa per sabato 1 agosto, sempre alle ore 21,15. La formazione che si esibirà sarà un duo formato da Davide Alogna (violino) e Mokoto Tanaka (arpa), impegnati su brani di Donizetti, Rossini, Piazzolla, Tournier, Boieldieu e di altri compositori. Nel corso della serata la Fondazione Claudi assegnerà il premio di poesia “Le stanze del tempo”. Inoltre, saranno presenti i giovani ospiti dell’Atelier delle arti che quest’anno si svolge a Muccia, dal 28 luglio al 2 agosto, sempre per iniziativa della Fondazione. Il terzo e ultimo concerto si terrà martedì 4 agosto, ancora alle ore 21,15, e proporrà al pubblico le composizioni di J. Brahms. Gli interpreti saranno Maria Semeraro (pianoforte), Andrea Favalessa (violoncello) e Michele Torresetti (violino). In tutte e tre le serate del Festival sarà possibile visitare, all’interno di palazzo Claudi, la mostra dedicata a “Luciano Gregoretti – Unendo le arti” che, inaugurato il mese scorso, sta riscuotendo un notevole successo di visitatori e di critica.

San Severino

Una fermana conquista il titolo di Miss San Severino Marche

La fermana Francesca Marziali (in foto) è stata eletta bella fra le belle nella serata di selezione del concorso Miss Italia, ospitata nella suggestiva cornice di piazza Del Popolo. E’ stata lei, infatti, ad aggiudicarsi la preziosa corona Miluna e la fascia di “Miss San Severino Marche” che le sono state consegnate dal sindaco, Cesare Martini, e con le quali ora si presenterà alle finali regionali. La serata settempedana, promossa dall’associazione Attività Produttive, presieduta da Renzo Leonori, e dal Comune di San Severino Marche, ha riscosso un grande successo di pubblico grazie anche alla briosa conduzione del presentatore, Marco Moscatelli. Venti le aspiranti miss che sono sfilate in passerella. Applauditissimo il momento moda del maglificio Pamira che ha visto presentare anche l’ultima collezione del marchio Cromia, con le borse realizzate dall’azienda Laipe di Tolentino.

Sul secondo gradino del podio, con la fascia di Miss Rocchetta Bellezza, Angelica Belli di Polverigi, in provincia di Ancona. La recanatese Tarjn Piccinini ha conquistato la fascia di Miss Cotonella. Alla matelicese Ilenia Bravetti è andata la fascia Miss Compagnia della Bellezza mentre alla civitanovese Rosj Delle Donne quella di Miss Interflora. Infine fascia di Miss Mascotte, riservata al concorso per le minorenni, a Camilla Zuccaro di Fabriano.

San Severino

Presentato il libro di Marta Bellomarì “Suona la sirena”

Quella che stiamo vivendo tutti insieme è la serata dell’orgoglio settempedano”. Così il sindaco Cesare Martini è intervenuto, portando il saluto della città, alla presentazione del libro di Marta Bellomari Stortini “Suona la sirena”, tenutasi nella suggestiva cornice del chiostro di San Domenico. La pubblicazione, edita da Hexagon Group, è stata dedicata a una storica fabbrica settempedana, la S.I.M. ma anche, e soprattutto, agli aspetti umani e alle storie di vita che si svilupparono all’interno dell’impresa che aveva sede in viale Mazzini. La S.I.M., letteralmente Società Industria Marmette, negli anni ’50-’60 del secolo scorso, con la disoccupazione ad altissimi livelli, diede lavoro a circa duecento persone.

Fu una fabbrica famiglia e una fabbrica comunità – ha ricordato il cardinale Edoardo Menichelli che non è voluto mancare alla serata alla quale hanno assistito, fra gli altri, anche il presidente di Poltrona Frau, Franco Moschini, diversi imprenditori settempedani e del territorio – E fu anche una fabbrica che diede il pane a molte famiglie in un periodo difficilissimo per il Paese intero che era appena uscito da una guerra”.

All’epoca in città c’erano altre due ditte di mattonelle e marmi: la Soverchia e la Pistoni, anche esse molto attive. Il mestiere più comune in quel periodo era quello di fabbricare mattonelle e lavorare i marmi. Commossi gli ex operai, fra cui numerose donne, che sono stati fatti accomodare in prima fila per assistere alla presentazione del libro. Toccanti le testimonianze di alcuni di essi. Nel corso della serata, infatti, hanno preso la parola Luciano Guardati, Gianfranco Pecchia e Alberto Pisello che ha parlato davanti alla mamma Ada, oggi 85enne, ex dipendente, insieme al marito, della storica impresa. Fra i presenti anche la signora Rossana, una delle tante ex dipendenti, che non ha voluto mancare all’evento e che si è presentata tenendo in mano una foto storica in cui lei è ripresa mentre coccola una delle eredi della vecchia proprietà di cui fu attenta tata. Emozionante anche la lettura di Francesca Mutolo che ha interpretato un brano del libro in cui si parla della morte di Oliviero Grandinetti, uno dei fondatori, deceduto in un incidente all’interno della fabbrica. Sentitissimi gli interventi di Oliviero ed Emma Rotini e di Olivia Grandinetti, che hanno ereditato un’impresa straordinaria.

Quella della S.I.M. – ha ricordato l’autrice del volume, Marta Bellomarì Stortini – è una storia settempedana cui si legano tante storie che hanno dato voce in questo libro raccogliendo diciotto testimonianze di operai ed ex operai. Io lavorai come ragioniera nella società dal 1961 al 1967 . Negli anni ’80 dalla vecchia S.I.M. sono nate due nuove società: la Simeg, per marmi e graniti affidata a Oliviero Rotini, e la Grandinetti Srl, per pavimenti, graniglie artistiche, affidata a Paolo Grandinetti. Entrambe si sono trasferite nella zona industriale della città e ancora oggi operano in maniera moderna e sono conosciute a livello internazionale. Dagli anni ’81 la sirena non suona più e la città ha perso – ha sottolineato con una certa commozione l’autrice del volume – una caratteristica che per molti decenni aveva segnato i ritmi di vita dell’intera popolazione settempedana”.

Il libro “Suona la sirena” di Marta Bellomarì Stortini è in vendita presso le librerie Gulliver, Binario Zero e Mondo a Righe e presso la Pro Loco di San Severino Marche oppure su Amazon. Sito internet www.suonalasirena.it

San Severino

Lapide in memoria dell’architetto Ireneo Aleandri

Con una cerimonia ufficiale, cui hanno preso parte il sindaco, Cesare Martini, l’assessore comunale allo Sviluppo Culturale, Simona Gregori, il consigliere comunale Gabriela Lampa, il presidente dell’Ordine degli Architetti della Provincia di Macerata, Enzo Fusari, il consigliere dell’Ordine, Luca Maria Cristini, rappresentanti del Rotary Club e della società Simeg, è stata inaugurata la lapide in memoria dell’architetto settempedano Ireneo Aleandri su quella che fu la sua casa sita in via Cesare Battisti. Nato a San Severino Marche nel 1795 e morto a Macerata nel 1885, Aleandri progettò opere molto importanti come lo Sferisterio, il teatro Feronia ma anche palazzo Margarucci, la porta Romana, le chiese di San Paolo e del castello di Aliforni.

San Severino Marche – ha ricordato il sindaco, Cesare Martini – gli rende omaggio forse in modo tardivo. Aleandri è stato uno dei nostri figli più illustri, qui visse per tanti anni. Come viene ricordato nella lapide, in patria lasciò opere di grande valore nel rinnovamento urbano neoclassico”.

L’apposizione di una lapide, su suggerimento proprio dell’architetto settempedano Luca Maria Cristini, ha fatto seguito ad alcune iniziative tenutesi in città in occasione, in particolare, del trentennale della riapertura del teatro Feronia. L’iniziativa è stata voluta dall’Amministrazione comunale, dall’Ordine degli Architetti della Provincia di Macerata, dal Rotary Club e dall’azienda Simeg Marmi.

Jesi

Jesi Jazz Festival si apre con la Bad Gang diretta dal maestro Morganti

Avvio in grande stile dello Jesi Jazz Festival 2015, che si aprirà mercoledì 29 in piazza della Repubblica con il concerto della big band “Bad Gang” diretta da Massimo Morganti. La formazione, sotto la guida di Scott Hall, maestro concertatore, ha preparato un repertorio tra il jazz e lo swing, con un omaggio a Duke Ellington e alla musica americana degli anni Trenta e Quaranta.

Prezioso il lavoro compiuto dal grande Scott Hall, direttore d’orchestra, trombettista del Columbia College di Chicago, pluripremiato compositore e direttore di formazioni jazzistiche. Durante i seminari tenutisi all'interno dell'Arcevia Jazz Feast ha condotto quasi per mano i musicisti lungo il percorso di avvicinamento alla musica di Duke Ellington.

L'organico della “Bad Gang” comprende 4 trombe, 4 tromboni, 5 saxes e sezione ritmica; alla voce Sabrina Angelini, con Massimo Morganti al trombone e cornetta. Novità molto attesa per la serata di apertura del festival 2015 sarà la cena di gala in piazza della Repubblica, nell'intento di riprodurre le atmosfere da music hall a cielo aperto che ben si sposano con il repertorio swing americano dei primi anni quaranta. La cena, con posti limitati e prenotazione obbligatoria (info 0731 200807), è stata realizzata grazie alla costruzione di una filiera di sponsor tecnici come Gistar Service - Catering & Banqueting, Caffè Imperiale, Hostaria Dietro le Quinte, Baldi Bottega e Podere S.Lucia. Fondamentale il supporto della Fondazione Pergolesi Spontini, partner tecnico di tutta la rassegna.

Alle 23, per il secondo concerto in programma, sarà la volta della “Pergolesi Lindy Band”, l'ottetto nato grazie alla collaborazione tra la Scuola Musicale Pergolesi e la Scuola di ballo Skyline Swing. Anche durante il concerto di seconda serata saranno proposti brani appartenenti al repertorio dello swing degli anni Quaranta e Cinquanta, nel momento di incontro tra questo genere e il jazz nato negli anni Venti a New Orleans e poi emigrato a Chicago e dopo la guerra a New York. La direzione dell'ottetto è affidata al sassofonista Antonello Giudice che insieme al chitarrista Luca Pecchia e al batterista Giorgio Bartoloni, costituiscono l'architrave della formazione.

pagina 2

Per visualizzare correttamente Panorama Recanatese si consiglia l'utilizzo del browser Mozilla Firefox
contatore visite