Dove siamo

Contatti

Il nostro blog




Il Maestro Tada: gasho prima dell'inizio di una lezione.



LA PRATICA INTERIORE : IL KI-NO-RENMA

Nel nostro dojo seguiamo prevalentemente gli insegnamenti del M° H. Tada (IXdan).
Nella sua scuola si insegnano sia le tecniche esteriori che la pratica interiore (un insieme di esercizi di respirazione, concentrazione e meditazione da lui definite ki-no-renma * ).
Un rapido elenco delle tecniche del ki-no-renma prevede
Gassho-no-kokyu
Prendere il ki dell’Universo con un atteggiamento di ringraziamento nella posizione di gassho (a mani giunte davanti al petto)
Kokyu soren (asa-no-kokyu)
Serie di respirazioni da fare la mattina per il sistema nervoso, respiratorio e circolatorio.
Ai awase
Respirazione per armonizzare il proprio ritmo con quello del partner  
In-yo awase
Variante della precedente che prevede una respirazione alternata
Tanden no kokyu
Respirazione per concentrare l’energia vitale in un centro sottile (chakra /plesso nervoso)
- chu tandem (plesso solare)
- ka tanden
- jo tandem (Respirazione alternata delle radici)
Koe-no-kokyu
Respirazione utilizzando i 6 suoni (A - I – U – E – O - M) 
Visualizzazioni 
Meditazione
Anjodaza (vuoto mentale)
 

   ////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////


  * Ki-no-renma:
Ki-no-renma letteralmente significa: forgiare la propria energia vitale.
Il termine “renma” e usato in Giappone per indicare l’arte della foggiatura delle spade che avviene attraverso un lavoro lento, lungo e ripetuto di sovrapposizione di diversi strati di metallo.
La parola “ki” (prana in sanscrito, ch’i in cinese) rappresenta l’energia vitale che sottostà al metabolismo, alla sopravvivenza e all’espressione mentale, emotiva e spirituale dell’essere umano.
Il ki non va quindi inteso come una semplice energia materiale simile all’elettricità, ma piuttosto come una forza sottile dotata di intelligenza, amore e volontà.
Durante la pratica del kinorenma noi cerchiamo di entrare in contatto, assorbire, assimilare e far circolare in noi questa Forza che e contemporaneamente personale e universale.
Nel corpo umano, secondo il M° Tada, il ki scorre all’interno del sistema nervoso.
A tale scopo si usano tutta una serie di “strumenti” come tecniche di respirazione, concentrazione, rilassamento, visualizzazione e meditazione.





Comments