Saffo - Prossimo agli dei (Ode della gelosia)

 

Traduzione italiana di Pierfrancesco La Mura

Copyright 2008  

 

 

φάινεταί μοι κῆνοσ ἴσοσ τηέοισιν
ἔμμεν ὤνερ ὄστισ ἐναντίοσ τοι
ἰζάνει καὶ πλασίον ἀδυ
φωνεύσασ ὐπακούει

καὶ γαλαίσασ ἰμμερόεν τὸ δὴ ᾽μάν
καρδίαν ἐν στήθεσιν ἐπτόασεν,
ὠσ γὰρ εὔιδον βροχέωσ σε, φώνασ
οὐδὲν ἔτ᾽ ἔικει,

ἀλλὰ κάμ μὲν γλῳσσα ϝέαγε, λέπτον
δ᾽ αὔτικα χρῷ πῦρ ὐπαδεδρόμακεν,
ὀππάτεσσι δ᾽ οὐδὲν ορημ᾽,
ἐπιρρόμβεισι δ᾽ ἄκουαι.

ἀ δέ μ᾽ ί᾽δρωσ κακχέεται, τρόμοσ δὲ
παῖσαν ἄγρει χλωροτέρα δὲ ποίασ
ἔμμι, τεθνάκην δ᾽ ὀλιγω ᾽πιδεύϝην
φαίνομαι [ἄλλα].


πᾶν τόλματον [......]




 

 

Prossimo agli dei mi sembra l'uomo
che ti siede di fronte, e ascolta
da vicino il suono della tua voce
dolce, e il tuo riso

Affascinante che mi fa balzare
repentino il cuore in petto; poiché
quando t'incontro all'improvviso la
voce mi manca,

Prendo a balbettare, ed un incendio
mi percorre rapido sotto pelle,
gli occhi non vedono più niente, le
orecchie ronzano,

Incomincio a sudare, e sono
tutta presa da un tremore; divento
più emaciata della paglia, e sembro
quasi morente.

Ma tutto si sopporta...