vi è morto il cane :'(

Nel 2002 il nostro Governo ha recepito una direttiva comunitaria, che rende particolarmente difficile il semplice interramento delle spoglie mortali.
Tecnicamente la direttiva C.E.1774/2002 definisce i poveri resti "sottoprodotti di origine animale di categoria 1" potenzialmente nocivi.
Chi possiede un terreno recintato con caratteristiche idrogeologiche idonee può chiedere all’ASL di appartenenza il permesso di interrare le spoglie mortali. Per tutti gli altri non rimangono che due soluzioni: il cimitero per animali (rarissimi) o il conferimento in un idoneo impianto per la cremazione. 
Dal mese di agosto 2004 la nostra associazione ha allestito un impianto di transito per la raccolta ed il magazzinaggio delle spoglie mortali (Riconoscimento 453/DT1), in attesa di conferirle per la creazione.
Il vostro veterinario di fiducia potrà fornirvi i dettagli del servizio che è attivo nelle aree di competenza delle ASL VC,NO e BI a cavallo tra la provincia di Biella Novara e Vercelli.
In impianto di transito possono essere conferiti animali da compagnia (cani, gatti, criceti ecc…), selvatici e animali da circo o da zoo (animali esotici).

Clicca qui per scaricare la modulistica relativa a questo caso.