50

Glossario


 

SFASAMENTO

Lo sfasamento (fi) è l'arco di tempo (ore) che serve all'onda termica per fluire dall'esterno all'interno attraverso un materiale edile. Maggiore è lo sfasamento, più lungo sarà il tempo di passaggio del calore all'interno dell'edificio.

Lo sfasamento dunque è la differenza di tempo che intercorre tra l'ora in cui si ha la massima temperatura all'esterno e l'ora in cui si ha la massima temperatura all'interno, e non deve essere inferiore alle 8/12 ore; lo smorzamento esprime il rapporto tra la variazione massima della temperatura esterna deltaTe e quella della temperatura interna deltaTi in riferimento alla temperatura media della superficie interna.

Esempio:

  • A. Coibentazione tetto con 18 cm di coibente in fibra minerale valore 0,040: fi = 5,9 ore.
  • B. Coibentazione tetto con 18 cm di coibente in fibra legno valore 0,040: fi = 13,7 ore.

Le fibre di legno possiedono, oltre ad un'ottima conduttività termica, (l = 0,037 per densità (ro)160 kg/m3 circa e l = 0,052 per densità (ro) 250 kg/m3), eccellenti proprietà di accumulo termico (capacità termica (c) 2100 J/kgK).

Il beneficio in termini di comfort nel periodo estivo è tanto maggiore quanto più elevati sono i valori di sfasamento e di smorzamento del flusso termico.

Come evidenziato dal grafico A, la fibra di legno registra altissimi valori di sfasamento e di smorzamento dell'onda termica; queste capacità combinate consentono l'ottimale protezione dalle escursioni termiche sia in estate che in inverno, garantendo così il massimo comfort abitativo.

 

Spessore (cm) utile di diversi isolanti per raggiungere uno sfasamento di 9 ore. (Pacchetto isolamento con perline 20mm):

 

 

CAPACITA' TERMICA MASSICA C

La capacità termica massica indica il valore della quantità calorica in Joule, che 1 kg di materia assorbe o emana, quando la sua temperatura viene alzata o abbassata di un K (Kelvin). Per alcuni materiali edili sono indicati i valori della capacità termica specifica in base alla norma DIN EN 12524, oppure sono indicati i valori verificati dal produttore.

Più grande è la capacità termica massica, maggiore è la capacità di un materiale edile (per kg) di accumulare energia termica.

Esempio:

  • A. Coibenti minerali : c = 1.030 J/(kg K) (valore normativo)
  • B. Coibenti in fibra di legno: c " 2.100 J/(kg K) (valore empirico)

Confronto tra le capacità di accumulazione termica di pannelli coibenti di uno spessore di 10 cm per 1 m²:

In inverno l'isolamento della fibra di legno è simile a quello degli altri materiali, mentre in estate il legno con densità di 160 Kg/mc offre prestazioni migliori al sughero ed al polistirene.

Materiale

(spes. base
6 mm)

Conduttività
termica

λ [w/m2k]

Densità

[Kg/m3]

Inverno

Estate

Trasmittanza
U[W/m2k]

Smorzamento1
in %

Sfasamento2
ore/minuti

Fibra di legno
Sughero
Polistirene EPS

0,038
0,045
0,037

170
120
35

0,514
0,596
0,502

37%
15%
1%

4.24
2.40
0.43

1 Riduzione dello sbalzo di temperatura

2 Tempo impiegato dal calore per attraversare il materiale isolante

 

 

RAPPORTO AMPIEZZA TEMPERATURA TAV

Per rapporto ampiezza temperatura si intende il rapporto tra la massima oscillazione termica sulla superficie interna dell'elemento edile e la massima oscillazione termica sulla superficie esterna dell'elemento edile.

Minore è il TAV, migliore è l'attenuazione delle oscillazioni di un elemento edile.

Esempio:

  • A. Coibentazione tetto con 18 cm di coibente in fibra minerale valore 0,040 : TAV = 0,23 (23%)
  • B. Coibentazione tetto con 18 cm di coibente in fibra legno valore 0,040 : TAV = 0,05 (5%)