INFORMALMENTE

IL GIORNALE DELLA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MICHELANGELO - BARI

Disegno realizzato da Mario (classe prima)

L’APPRODO

Mi sarebbe piaciuto continuare a navigare, perché avrei voluto che l’estate non finisse mai. Ma alcuni marinai non vedevano l’ora di toccare terra, di abbandonare la vecchia nave per esplorare nuovi regni e vivere nuove avventure. Dopo una tempesta capii che dovevo raggiungere il porto più vicino e approdai alla “Michelangelo”. L’equipaggio era contento di toccare terra, ma era in ansia perché non conosceva gli abitanti dell’isola e non sapeva di quale regno avrebbe fatto parte. Per fortuna l’equipaggio fu subito accolto dai saggi dell’isola che erano molto tranquilli e assegnarono ai nuovi arrivati una grande e luminosa dimora dove studiare, conoscersi, scoprire i segreti dell’isola e… prepararsi a prendere di nuovo il largo per nuove e strepitose avventure!

Maffei Pere

SIAMO FIERI DI TE!!!

Quando abbiamo saputo che una nostra amica di classe ha ricevuto il “Premio Costantino”, le abbiamo fatto un grande applauso, perché se l’è proprio meritato! Anche noi ci siamo sentiti onorati, perché tra tutte le classi e tutti gli alunni della scuola, è stata scelta proprio lei. È una bella iniziativa quella di assegnare delle borse di studio agli alunni della “Michelangelo”. Ce ne aveva parlato lo scorso anno proprio la mamma di Stefano Costantino, un ex alunno della nostra scuola. Del racconto della madre e di una delle sue professoresse mi era rimasta impressa l’immagine di Stefano come un “guerriero”, che ha combattuto fino alla fine contro la sua malattia e ha vissuto pienamente la sua vita. Un bell’esempio per tutti noi!

Greta (classe seconda)

ASSEGNATO

PREMIO COSTANTINO

GRAZIE STEFANO!!!

Durante lo scorso anno scolastico abbiamo partecipato ad un incontro con la mamma di Stefano Costantino, un ragazzo che frequentava la nostra scuola e che, a causa di una malattia, è venuto a mancare dodici anni fa. La sua famiglia ha fondato l’associazione “Amici di Stefano Costantino”, che si occupa di aiutare i bambini bisognosi di tutto il mondo e offre borse di studio agli studenti della nostra scuola che si sono distinti nello studio e nell’impegno scolastico. I ragazzi che ricevono la borsa di studio sono quattro e, quest’anno, sono stata proprio io una dei quattro. Ne sono davvero entusiasta! Quando mi è stata data la notizia, mi sono sentita molto soddisfatta di me stessa ed ho pensato: “Anche se non sono perfetta, ho meritato un premio!” Infatti, per me il “Premio Costantino” non è stato solo un premio materiale, ma è stato un riconoscimento importante, perché so di aver reso fiere di me molte persone: innanzitutto la mia famiglia, ma anche i miei professori e i miei compagni di classe. Sono molto grata alla famiglia di Stefano e vorrei che sappiano che li ammiro molto perché da un grande dolore hanno fatto nascere qualcosa di bello.

C. (classe seconda)