La Biblioteca del Curie

"Leggo per legittima difesa" Woody Allen

📚23 aprile 2020 - Giornata mondiale del libro 📚

In questa data importantissima, siamo felicissimi di potervi dare il benvenuto in questo nuovo blog dedicato ai libri e alla letteratura!

Il vecchio progetto


questo blog nasce con l'intento di valorizzare e dare voce al "Gruppo Lettura" del nostro Liceo.

Il proposito principale è quello di poter condividere con più persone possibili la nostra passione per la lettura e per il mondo dei libro.

Qui, ogni venerdì, potrete leggere recensioni dei libri che più ci hanno appassionato e colpito.

Inoltre, potrete trovare anche una sezione di curiosità "libresche", una per sondaggi ed interviste, un'altra di sfide letterarie in cui cimentarvi e tanto altro.

Se lo desiderate, potete seguirci (e leggerci) anche nella nostra pagina Instagram nella quale condivideremo tanti contenuti inediti ogni settimana...


Il nuovo progetto

Da quest'anno sarà la 4^BU a gestire sito e pagina Instagram: porteremo tante nuove idee e consigli di lettura cercando di diffondere la nostra passione per i libri. Troverete quindi nuove sezioni, quali ad esempio quella sui fumetti o sui diversi progetti portati avanti dalla scuola. Non perdetevi nulla!

Liceo "Curie" - Tradate


La recensione della settimana

"My policeman" di Bethan Roberts


Pubblicato nel 2012 dalla casa editrice Vintage, il romanzo dell’autrice britannica Bethan Roberts entra sotto la pelle e segna profondamente l'animo.

Nella Brighton degli anni ‘50, Marion è un'insegnante di scuola elementare che, come aveva sempre sognato, sposa Tom, il fratello di una sua cara amica d’infanzia. Tom è un poliziotto e intrattiene una relazione clandestina con Patrick, il curatore del museo della città.

Tom deciderà di sposare Marion solo perchè si trova a vivere in un periodo storico in cui l’omosessualità è considerata illegale. Attraverso una narrazione che si alterna abilmente tra il punto di vista di Marion e quello di Patrick, scopriremo i particolari di queste due relazioni. La prima pubblica, vissuta alla luce del sole, ma forzata e triste; l’altra segreta, vissuta con grande passione, ma con la costante paura di essere scoperti.

I protagonisti finiscono, quindi, con l’essere profondamente tristi... imprigionati in una vita in cui non potranno mai raggiungere la felicità che tanto desiderano!


Questo libro mi ha colpito profondamente e mi ha dato diversi spunti di riflessione.

Il primo è sicuramente sul fatto che tantissimi diritti, che oggi vengono visti come "universali", non sono sempre esistiti e non sono sempre stati concessi; inoltre, ricordiamo che tantissime persone si sono battute proprio per ottenerli.

Un altro motivo di riflessione è stato che questo odio - questa non accettazione di ciò che va oltre alla personale concezione di giusto e sbagliato - non andava a distruggere solamente la vita dei diretti interessati, ma anche di tutte le persone che li circondavano.


Consiglio vivamente questo romanzo a chi è interessato all’argomento e a chi non piace la "classica storia d’amore spensierata in cui tutto finisce bene".

Giulia Zanetti













"Un libro deve essere un’ascia per il mare ghiacciato che è dentro di noi"

Franz Kafka