Violino

Area formativa: Discipline interpretative
Scuola: VIOLINO  corso pre-accademico per l’accesso al corso di studio di I livello DCPL/09
Insegnamento: COD/06 VIOLINO, prassi esecutive e repertori 
La formazione si articolerà nei seguenti ambiti formativi:

Tecnica
Repertorio
Lettura a prima vista
Conoscenza dello strumento

 

LIVELLO A

Tecnica

Obiettivi specifici di apprendimento

Competenze: conoscenze e abilità da conseguire

Opere di riferimento

Scale e arpeggi di Sol maggiore e Sol minore, La maggiore e La minore Si b maggiore e  Si minore a 3 ottave e relativi arpeggi con arcate sciolte e legate

Colpi d’arco fondamentali 

Studi ed esercizi dalla 1° alla 5° posizione

 

Sufficiente controllo dell’intonazione

in presenza di cambi di posizione

Sufficiente coordinazione nei cambi di posizione

Acquisizione e padronanza di una

moderata velocità di esecuzione 

Impiego dei colpi d’arco fondamentali (detaché, legato, martellato, picchettato lento)

Saper suddividere l’arco in 2, 3, 4 parti

Sufficiente disinvoltura nell’uso dell’arco nelle varie zone 

Sufficiente controllo dell'intonazione in presenza di cambi di posizione. Imparare a coordinare la mano sinistra con i movimenti del braccio destro

SCHININA’: Scale e arpeggi

ZANETTOVICH: Scale e arpeggi vol. 2 e 3

SEVCIK: op. 6 e op.1 

SEVCIK: op. 2

SITT op 32: 100 Studi vol. 2 e 3

KAYSER: Studi op 20 (2°e 3° fasc)

MAZAS: Studi op.36

DONT: Studi op.37

 

Repertorio

Obiettivi specifici di apprendimento

Competenze: conoscenze e abilità da conseguire

Opere di riferimento

Facili sonate antiche e barocche, concertini e pezzi di vario genere e stile, con accompagnamento di pianoforte

Introduzione all'impiego espressivo e comunicativo dello strumento.

Apprendere i procedimenti necessari per suonare assieme ad altri strumenti.

Imparare ad ascoltare gli altri strumenti.

Imparare a rapportare la propria intonazione con gli altri strumenti

(data la vastità del repertorio, si rimanda la scelta al docente)

 

LIVELLO A – ESAME FINALE

1)   Esecuzione di 2 scale, una maggiore e una minore melodica a 3 ottave e del relativo arpeggio di terza e quinta a scelta della commissione, con arcate sciolte e legate scelte tra quelle di Sol maggiore /minore, La maggiore/ minore, Si b maggiore/si minore.

2)   Esecuzione di 2 studi dalla 1° alla 5° posizione scelti dalla commissione tra 4 presentati dal candidato di autori diversi, di cui almeno 2  scelti dalle seguenti  opere: SITT op 32: 100 Studi vol. 3, KAYSER: Studi op 20 (2° e 3° fasc.), MAZAS: Studi op.36, DONT: Studi op.37                             

3) Un facile brano, concertino o sonata per violino e pianoforte

 

LIVELLO B

Tecnica

Obiettivi specifici di apprendimento

Competenze: conoscenze e abilità da conseguire

Opere di riferimento

Scale e arpeggi di 3 ottave maggiori e minori, con arcate sciolte e legate in due arcate e relativi arpeggi di terza e quinte 

Scale a corde doppie per 3e, 6e, 8e (due ottave) 

Studi di media difficoltà in tutte le posizioni

Padronanza della quasi totalità della tastiera.

Buon controllo dell'intonazione.

Buona sonorità e corretta posizione dell'arco in tutta l'estensione della tastiera

Acquisizione e padronanza di una discreta velocità di esecuzione. Buon controllo dell'intonazione.

Coordinazione nel movimento contemporaneo di più dita 

Focalizzare lo studio di volta in volta sulle diverse difficoltà e problemi, di mano sinistra o di arco o di entrambi, ed imparare a superarli.

Raggiungere un buon controllo dell'intonazione in studi di corde semplici, corde doppie e accordi.

Uso dei principali colpi d'arco e loro varianti. Esecuzione con buona sonorità.

 

ZANETTOVICH: Scale e arpeggi vol.3

SCHININA': Scale e arpeggi a tre

ottave

MAZAS: Studi op.36

KREUTZER: 42 studi

FIORILLO: 36 studi

POLO: Studi a corde doppie

BLOCH: Studi a corde doppie op 50

 

Repertorio 

Obiettivi specifici di apprendimento

Competenze: conoscenze e abilità da conseguire

Opere di riferimento

Sonate antiche e barocche, facili concerti, concertini e pezzi di vario genere e stile, con accompagnamento di pianoforte

Impiego delle abilità tecniche e dei mezzi espressivi acquisiti in brani destinati all'esecuzione in pubblico.

Imparare ad ascoltare gli altri strumenti e a dialogare con loro

(data la vastità del repertorio, si rimanda la scelta al docente)

 

Lettura a prima vista

Obiettivi specifici di apprendimento

Competenze: conoscenze e abilità da conseguire

Opere di riferimento

Sviluppare  la coordinazione tra canto interiore ed esecuzione allo strumento,  controllo ritmico ed elementare distribuzione dell'arco.

 

Imparare a leggere all'impronta facili brani  in tonalità differenti, in prima posizione e con facili cambi di posizione.

 

(data la vastità del repertorio, si rimanda la scelta al docente)

 

 

Conoscenza dello strumento e cultura relativa

Obiettivi specifici di apprendimento

Competenze: conoscenze e abilità da conseguire

Opere di riferimento

Il violino e l’arco: materiali e nomenclatura

Conoscenza sommaria della costruzione degli strumenti e dei materiali impiegati 

AA.VV. 

LIVELLO B – ESAME FINALE

1) Esecuzione di una scala maggiore e di una minore a 3 ottave e dei relativi arpeggi di terza e quinta, estratta a sorte al momento, con arcate sciolte e legate in due arcate. Esecuzione della scala di sol maggiore a terze,  seste e ottave sciolte.

2) Esecuzione di uno studio di R.KREUTZER a corde semplici estratto a sorte seduta stante tra 4 presentati dal candidato (esclusi i primi 6 ed.Ricordi)

3) Esecuzione di uno studio scelto dalla Commissione tra 4 presentati dal candidato (2 dal MAZAS op.36, 2 dal FIORILLO 36 Studi)

4) Esecuzione di uno studio a corde doppie estratto a sorte seduta stante tra 2 del KREUTZER presentati dal candidato     (compreso il n°23 ed. Ricordi)

5) Una Sonata per violino e basso continuo od un facile Concerto

6) Lettura estemporanea di una breve e facile composizione

7) Elementi di liuteria (la prova si svolge in forma di colloquio che verterà sugli argomenti degli obiettivi formativi)

 

LIVELLO C

Tecnica

Obiettivi specifici di apprendimento

Competenze: conoscenze e abilità da conseguire

Opere di riferimento

Scale e arpeggi per corde semplici e doppie di varie tipologie

I colpi d'arco saltati e composti 

Studi di difficoltà medio avanzata

in tutte le posizioni e tonalità

Sviluppo di coordinazione e velocità della tecnica della mano sinistra nei principali campi di utilizzo 

Padronanza nell'uso del balzato, spiccato e altri colpi d'arco saltati in varie combinazioni 

Focalizzare lo studio di volta in volta sulle diverse difficoltà e problemi, di mano sinistra o di arco o di entrambi, ed imparare a superarli

Consolidare un buon controllo dell'intonazione in studi di corde semplici, corde doppie e accordi.

Uso dei principali colpi d'arco alla corda e balzati e loro varianti; esecuzione con buona sonorità

FLESCH: Il sistema delle scale

JACOBSEN-SZIGETI: Nuova tecnica delle scale

BLOCH: Studi delle scale 

SEVCIK: op. 1

SEVCIK: op. 2 e 3

CATHERINE: Etude du mecanisme de l'archet 

RODE: 24 capricci

DONT: Studi op. 35

GAVINIES: 24 Matinees

ROVELLI: 12 Capricci

 

Repertorio

Obiettivi specifici di apprendimento

Competenze: conoscenze e abilità da conseguire

Opere di riferimento

Sonate del periodo classico,

romantico o moderno, concerti e pezzi di vario genere e stile, con accompagnamento di pianoforte

Sonate e Partite di J.S.BACH

per violino solo

Passi dal repertorio d'orchestra

Impiego delle abilità tecniche e dei mezzi espressivi acquisiti in brani destinati all'esecuzione in pubblico. Imparare ad ascoltare e a dialogare con gli altri strumenti

Approccio alla letteratura per strumento solo e alla polifonia sul violino. Conoscenza delle basilari differenze stilistiche tra Sonata e Partita e dei caratteri delle danze impiegate.

Apprendimento delle modalità di diteggiatura, di archeggio e di condotta generale di esecuzione, che caratterizzano la maniera di suonare in orchestra

Per il Concerto data la vastità del repertorio, si rimanda la scelta al docente

W.A.MOZART : Sonate per pianoforte e violino (Urtext)

J.S.BACH Sei Solo  (Urtext)

Raccolte di passi d’orchestra (Edizioni IMC, Schott, Breitkopf, Boosey&Hawkes)

 

Conoscenza dello strumento e cultura relativa

Obiettivi specifici di apprendimento

Competenze: conoscenze e abilità da conseguire

Opere di riferimento

La storia del violino

Conoscere il processo che dai primi e rudimentali

strumenti a corda ha portato alla creazione e costruzione dei primi violini.

Situare storicamente e geograficamente l'evoluzione degli strumenti a corda e ad arco apparentati con il violino.

Conoscere lo sviluppo storico  ed artistico dell’arte liutaria in Europa.

 

AA.VV.

 

LIVELLO C – ESAME FINALE

1) Esecuzione di una  o più scale  a  3 ottave con relativi arpeggi (in terza e quinta, quarta e sesta, terza e sesta e le due settime) sciolte , legate in due  arcate e  balzate

2) Esecuzione di 2 studi estratti a sorte seduta stante tra 8 presentati dal candidato scelti tra i seguenti autori:
    RODE: 24 capricci, DONT: Studi op. 35, GAVINIES: 24 Matinees ,ROVELLI: 12 Capricci.

3) Esecuzione di uno o più movimenti, scelti dalla Commissione, da un  Concerto per violino e orchestra

4) Una Sonata  di W.A.MOZART per pianoforte  e violino  a scelta del candidato

5) J.S.BACH: esecuzione di 2 tempi presentati dal candidato, tratti dalla medesima Sonata o Partita per violino solo

6) Esecuzione di un importante passo orchestrale del repertorio lirico o sinfonico, assegnato al candidato e preparato in 30 minuti in apposita stanza

7) Storia della liuteria classica  (la prova si svolge in forma di colloquio che verterà sugli argomenti degli obiettivi formativi)

Comments