Un'ora di coding

Rispondo qui ad alcuni colleghi che mi hanno chiesto chiarimenti e soluzioni per giocare al coding con i loro alunni.
Sottolineo che rispondo in base alle sessioni di coding svolte con i miei allievi, ma nuturalmente le attività possono essere realizzate anche in svariate altre modalità, anzi... invito chiunque volesse condividere le proprie idee o esperienze in merito a intervenire sull'argomento tramite lo spazio in calce alla pagina "Commenti".

Cosa serve
La Lim (o il videoproiettore interattivo) è l'ideale, ma si può fare anche con un videoproiettore semplice (quello del carrello). L'unica differenza è che i bambini useranno (a turno) il mouse, invece della penna della Lim.
Se non disponete di un videoproiettore, potete organizzare le attività con qualsiasi device, come pc, netbook o tablet, dividendo i ragazzi in piccoli gruppi (2-3 persone per gruppo).
Il coding può essere una magnifica idea anche per le lezioni BYOD.

Come organizzare l'attività
Io faccio così: uno o due ba
mbini alla volta vanno al computer (o alla Lim) e completano un livello, nel frattempo gli altri seguono il gioco dal loro posto; i banchi non sono necessari, quindi organizzate pure l'aula o lo spazio comune come preferite.
A questo link potete vedere come avevamo fatto l'anno scorso, quando dovevamo usare il videoproiettore semplice del carrello, perché quello interattivo era in classe e la connessione non ci arrivava: http://scuolaborgoantico.blogspot.it/2015/03/la-sperimentazione-prosegue.html
Oggi invece abbiamo i videoproiettori interattivi con la connessione attiva sia nelle aule che negli spazi comuni, quindi ci possiamo sbizzarrire!
Se volete e in base all'età dei vostri studenti, un'ora di coding può diventare anche una lezione d'inglese o  un'attività da svolgere in continuità fra più classi o più ordini di scuola, come abbiamo fatto noi! Vi propongo di nuovo una pagina del nostro blog:
http://scuolaborgoantico.blogspot.it/2016/01/english-revolution-borgo-antico.html

Quale gioco proporre per iniziare
Ci sono giochi adatti ad ogni età: da quattro anni in su e sono suddivisi proprio per livelli di difficoltà in questa pagina: https://studio.code.org/
Inoltre ci sono attività in lingua italiana e altre in lingua inglese; le potete scegliere a questo link: https://code.org/learn#

Vi suggerisco di dare un'occhiata ai giochi in anticipo e provare a fare i primi livelli, tanto per rendervi conto di cosa si tratta, così quando sarete coi bambini o coi ragazzi saprete come muovervi.
Il video introduttivo è in inglese, interessante, ma non essenziale soprattutto con i più piccoli; invece leggete bene le istruzioni che vi dà il programma fra un livello e l'altro, così non avrete difficoltà a completare i vari livelli.
Registrazione
Potete giocare semplicemente anche senza effettuare l'accesso, ma se vi registrate è più bello, perché potete tenere traccia dei livelli superati (ai bambini piace un sacco!)
Inizialmente conviene registrarsi solo come insegnante e giocare con il gruppo classe. Dopo le prime prove, vi renderete conto meglio se sarà il caso di creare una password per ogni alunno oppure no.

In seguito
Quando avrete completato il primo gioco, potrete proseguire le attività di coding con tanti altri giochi; a questa pagina ne trovate un elenco:
https://studio.code.org/
Potete tranquillamente esplorare i vari giochi e provarli in qualsiasi momento, senza seguire un ordine specifico.

Per chi desideri approfondire l'argomento, c'è una chiarissima guida proprio sul sito stesso: https://hourofcode.com/it/how-to (il titolo della guida è in inglese, ma le spiegazioni sono disponibili anche in italiano).

Enjoy your coding!
Stefania
(AD San Filippo)

Comments