Difesi i diritti delle RSU: condannato il Dirigente dell'ist. Superiore di Lanusei dopo l'intervento della Flc Cgil

pubblicato 13 feb 2018, 03:41 da FLC CGIL Sardegna
In data 06 febbraio 2018, il Giudice del Lavoro, dott. Bruno Malagoli del Tribunale di Lanusei, ha condannato il Dirigente dell'Istituto Superiore sempre di Lanusei dichiarandone l´antisindacalità della condotta ed ordinando di adottare ogni misura idonea a garantire un corretto sistema di relazioni sindacali, sia in punto di informazioni necessarie ad un efficiente avvio e sviluppo della contrattazione integrativa, sia in punto di permessi, sia in punto di assemblee, dentro o fuori dal distretto, attenendosi alle vincolanti prescrizioni normative, di legge e contrattuali.Si conclude così la vertenza che ha visto contrapposta la Flc dell'Ogliastra col supposrto della Segreteria Regionale che durava da tempo.

E’ stato accertato, infatti, che fin dall'anno scolastico 2016/17 il Dirigente scolastico si è dimostrato inadempiente con la FLC CGIL e la sua RSU, avendo fornito alla rappresentanza sindacale informative parziali e tardive ed essendosi sottratto ad un confronto leale e trasparente, la cui mancanza ha pregiudicato il regolare avvio ed espletamento della contrattazione integrativa d´Istituto, con la quale si assegnano e distribuiscono fra il personale tutte le risorse finanziarie del FIS stanziate annualmente.

Nonostante i richiami della segretaria della FLC provinciale e della sua RSU , il Dirigente ha difatti conferito gli incarichi al personale della scuola con ordini di servizio verbali, senza che fossero definiti in sede contrattuale i criteri per l’attribuzione degli stessi; non ha consegnato, se non in parte ed in maniera incompleta, la documentazione relativa all'informazione preventiva e successiva; ha omesso, nonostante esplicito invito, di verbalizzare le richieste formulate nel tavolo della contrattazione.

Il D.S. è stato altresì condannato per essersi rifiutato di dare diffusione di un comunicato relativo alla convocazione di un’assemblea sindacale indetta dalla ricorrente; ed ancora, per avere preteso di esercitare un indebito controllo sull’effettiva fruizione dei permessi sindacali da parte di una r.s.u., ponendosi in contrasto con l’art. 10 del CCNQ 07/08/1998.

La FLC-CGIL Ogliastra, nonostante l’ostruzionismo posto in atto dal D.S., non si è arresa ed ha continuato a tenere un comportamento coerente con il proprio ruolo a difesa del personale della scuola e per l´affermazione del diritto dei lavoratori ad essere rappresentati nel confronto con la parte datoriale.

La speranza è che questa sentenza serva ad introdurre nell'Istituto d'Istruzione Superiore “L. da Vinci” di Lanusei un corretto e stabile sistema di relazioni sindacali, rispettoso delle previsioni normative e contrattuali.

Sono purtroppo in aumento quei Dirigenti Scolastici che disattendono gli obblighi sanciti dalle leggi vigenti e dal CCNL in materia, nel tentativo di sottrarsi ai controlli delle OO.SS. su come vengono distribuite e spese le risorse di cui al FIS e sempre più diffusa è da parte di alcuni la convinzione che il Dirigente, in quanto tale, possa gestire la scuola a proprio piacimento e non debba rendere conto a nessuno, ancor meno alle rappresentanze sindacali.

La FLC e la CGIL ottengono questa importante vittoria in un momento in cui si va al rinnovo della RSU di tutte le Scuole. Ci auspichiamo che questa vittoria dia speranza e coraggio a tutte le RSU affinchè continuino a dare voce agli interessi delle lavoratrici e dei lavoratori.

La FLC CGIL auspica altresìche la Direzione Scolastica Regionale intervenga nelle Istituzioni Scolastiche ove non vengono rispettati le prescrizioni in materia, al fine di ridurre le conflittualità ed il ricorso agli organismi giudiziari.


Comments