Il Coordinamento della Conferenza nazionale dei Difensori civici delle Regioni e delle Province autonome di Trento e Bolzano nasce nel 1994, quale organismo associativo per la diffusione e la valorizzazione del ruolo istituzionale della Difesa Civica.

La sua finalità è di garantire a tutti i cittadini, indipendentemente dalla loro residenza, la tutela nei confronti della pubblica amministrazione a ogni livello; di promuovere la piena affermazione dei diritti umani e di cittadinanza, sanciti dall'ordinamento italiano e dalle risoluzioni europee e internazionali; di sviluppare i collegamenti con il Mediatore Europeo.

Il Coordinamento della Conferenza nazionale ha Sede Istituzionale  a Roma presso la Conferenza dei Presidenti dell'Assemblea Consigli regionali e delle Province autonome e Sede Operativa presso gli uffici del  Difensore civico che di volta in volta ricopre l'incarico di Presidente del Coordinamento  nazionale.

 

L’attuale Ufficio di Presidenza è così composto:

 

Presidente

Difensore Civico della Regione Abruzzo

Avv. Fabrizio Di Carlo

Vice Presidente

Difensore Civico Provincia Autonoma di Trento

Dott.ssa Daniela Longo

Vice Presidente

Difensore Civico  della Regione Valle D’Aosta

Dott. Enrico Formento Dojot

 

Recapiti telefonici della Sede Operativa (presso Difensore Civico Abruzzo)

Responsabile Ufficio:

Sig.ra Anna Clorinda Cicchetti

+390862644736

Collaboratori:

Sig.ra Patrizia Laglia

+390862644749

 

Sig.ra Paola Martinelli

+390862644762

Il Coordinamento Nazionale dei Difensori Civici delle Regioni e delle Province autonome, quale organismo associativo operante per la concertazione e la valorizzazione del ruolo istituzionale della Difesa civica, persegue le seguenti finalità:

  • garantire a tutti cittadini, indipendentemente dalla loro residenza, la tutela nei confronti della pubblica amministrazione ad ogni livello (statale, regionale, locale), per il rispetto dei principi di imparzialità, efficienza, trasparenza, equità;

  • operare per la concreta attuazione dei Trattati e delle disposizioni europee e internazionali sui diritti fondamentali della persona umana;

  • promuovere la piena affermazione della "Carta Europea dei diritti fondamentali" e delle risoluzioni (Unione Europea, Consiglio d'Europa, Nazioni Unite, ecc.) in materia di indipendenza e autonomia della tutela non giurisdizionale dei diritti umani, civili, politici, economici, sociali e culturali;

  • sviluppare le relazioni con il Mediatore Europeo e gli Ombudsman dell'Unione, attraverso una rete di collegamenti aperti alle realtà dell'Europa centro orientale;

  • favorire in ogni regione iniziative per la diffusione della difesa civica e la crescita degli standard di tutela dei diritti soggettivi e degli interessi diffusi;

  • sviluppare gli opportuni raccordi con il Parlamento e con il Governo, anche attraverso la Conferenza Stato-Regioni-Autonomie e la Conferenza dei Presidenti dell'Assemblea, dei Consigli regionali e delle Province autonome;

  • attivare iniziative di studio e di ricerca, con particolare riferimento alla pubblica amministrazione, alla giustizia amministrativa e al ruolo della difesa civica istituzionale delle Regioni e degli Enti locali.

    Il Coordinamento interviene anche su mandato del Mediatore Europeo presso tutte le pubbliche amministrazioni prive di un Difensore Civico di riferimento e precisamente presso:

  • gli uffici centrali dello Stato

  • gli uffici regionali e gli uffici degli enti locali nelle Regioni prive di un Difensore civico regionale

    Il Presidente rappresenta la Difesa civica Nazionale Italiana con il Mediatore Europeo e si raccorda con gli altri Difensori civici europei anche attraverso l'agente di collegamento

 


 

 

 

 

 

 

.