Dr. Giorgio Morales

Nato a La Spezia il 26 marzo 1932, laureato in Scienze Politiche, dirigente della Provincia di Firenze dal 1965 al 1970.
Coordinatore dell'Ufficio Legislativo del Consiglio Regionale dal 1970 al 1979.
Assessore al Comune di Firenze dal 1975 al 1989.
Sindaco di Firenze dal 1989 al 1995. Consigliere comunale di Firenze dal 1995 al 1999.
Presidente dell'Istituto Regionale per la Programmazione economica della Toscana (IRPET) dal 2001
a dicembre 2003.
Difensore civico della Regione Toscana da gennaio 2004 fino al 30 aprile 2010
 
Dr. Romano Fantappié

Laureato in Giurisprudenza con voti 110/110 e lode all'Università di Firenze. Ha maturato una lunga esperienze nella pubblica amministrazione ricoprendo cariche direttive e dirigenziali, fra le quali quella di Capo Gabinetto della Provincia di Firenze e segretario generale dell'Unione delle Province Toscane, poi Segretario dell'Ufficio di presidenza della Regione Toscana e infine Coordinatore del Consiglio Regionale della Toscana.

Fra le cariche pubbliche ricoperte anche quella di segretario della Commissione nominata nel 1969 dall'Unione regionale delle Province toscane per lo studio e la redazione del primo schema di statuto della Regione Toscana: quella di presidente del Teatro Regionale Toscano della Rassegna Internazionale dei Teatri stabili e del Centro Teatro dell'Affratellamento, e dell'Istituto Medico Pedagogico Umberto I di Firenze e di amministratore di varie aziende pubbliche fiorentine (AFAM, Centrale del Gas, Fiorentina Gas).

Dopo la nomina, nel 1997, a Difensore civico della Regione Toscana ha svolto a tempo pieno tale funzione. Come Difensore civico regionale è stato coordinatore della Conferenza permanente dei Difensori civici locali della Toscana.

Dal 1999 è stato Coordinatore Nazionale dei Difensori civici regionali e, in mancanza di un Difensore civico nazionale, il rappresentante italiano presso il Mediatore Europeo per gli adempimenti di interesse comune.

Nel corso del 1999 è stato coordinatore della Conferenza dei Difensori civici europei e delle Commissioni Regionali per le Petizioni della Comunità Europea.

Dal 1998 è stato anche coordinatore delle Commissioni Miste Conciliative delle varie UU.SS.LL e AA.SS.LL della Toscana. Nell'ultimo triennio è stato relatore nella materia della Difesa civica e della Tutela dei Diritti Umani in molti convegni svoltisi in Italia e anche all'estero.

E' deceduto nell'agosto 2010
 
Dr. Massimo Carli

Professore straordinario di Istituzioni di diritto pubblico nella Facoltà di giurisprudenza dell'Università di Firenze dal 1° novembre 2002; dopo la laurea (1965), esercita la libera professione (fino al 1972).

Coordinatore dell'Ufficio legislativo del Consiglio regionale dal 1980 al 1986, anno in cui prende servizio alla Corte costituzionale con funzioni di assistente di studio del giudice Antonio Baldassarre.
Difensore civico della Regione Toscana dal 1994 al 1996, data in cui assume l'incarico di Capo Ufficio legislativo del Dipartimento degli affari regionali e da cui si dimette per accettare la nomina ad Assessore alla trasparenza e alla semplificazione del Comune di Firenze. Collaboratore come consulente giuridico del Ministro per la funzione pubblica, con il Nucleo per la semplificazione delle norme e dei procedimenti istituito dalla legge n. 50 del 1999
Prima della nomina a professore associato (1 novembre 1996) insegna per otto anni Istituzioni di diritto pubblico e Diritto regionale come professore a contratto nelle Università di Siena, Bologna e Firenze. Pubblica il commento agli artt. 121 e 122 della Costituzione nel Commentario della Costituzione di Zanichelli, fondato da G. Branca e continuato da A. Pizzorusso (1990) e una monografia di diritto regionale con l'editore Giappichelli (1992). Curatore di una ricerca in tre volumi (ed. Giappichelli, 2001) sul ruolo delle assemblee elettive regionali dopo la modifica del titolo quinto della Costituzione.
Commenta, in collaborazione con altro Autore (Zanichelli, 2002), la legge costituzionale n. 1/1999 che ha previsto l'elezione diretta del Presidente della Giunta regionale e una nuova autonomia statutaria delle Regioni ordinarie. Partecipa, con altri Autori, al commentario della legge di attuazione del nuovo titolo quinto della Costituzione (legge n. 131/2003) edito da Il Mulino (2003). Pubblica su varie riviste italiane più di cinquanta articoli, relazioni e interventi a convegni, di diritto regionale.
 
 
Giovanni Mannoni
in carica dal 1988 al 1994
 
 
Italo De Vito
in carica dal 1975 al 1988