3, 4 MAGGIO SEMINARIO | LABORATORIO RIVOLTO A TUTTI GLI STRUMENTISTI CON PATRIZIA ANGELONI

pubblicato 03 mag 2017, 03:38 da Antonella Vignali   [ aggiornato in data 03 mag 2017, 03:39 ]
SEMINARIO | LABORATORIO RIVOLTO A TUTTI GLI STRUMENTISTI

I fondamentali tecnici e musicali nelle competenze dello strumentista:
  • Come funziona l’apprendimento delle abilità strumentali?
  • Come impariamo-insegniamo la tecnica strumentale, la gestione del suono e l'interpretazione?
  • Quale relazione tra la dimensione concertistica e quella didattica?
Dalle acquisizioni delle neuroscienze alle strategie di studio e di insegnamento, il seminario/laboratorio propone strumenti per la progettazione di percorsi
integrati per la formazione strumentale, osservati sia sul piano della auto-formazione che su quello strettamente didattico.
Dal concertismo all’autoformazione:
una visione integrata e globale del training strumentale
Nella consapevolezza che la dimensione artistica della musica incontri quella pedagogica in un’esperienza globale dalle caleidoscopiche sfaccettature, Patrizia Angeloni si forma ed è attiva in ambiti diversi, affiancando
all’attività artistico - professionale in ambito concertistico, un personale percorso di riflessione metodologica corredato da una formazione pedagogica di ampio respiro. Studia fisarmonica con Salvatore di Gesualdo.
Consegue il Diploma di Fisarmonica nel previgente ordinamento e successivamente il Diploma Accademico di secondo livello; studia inoltre composizione e flauto traverso. Parallelamente compie studi in ambito
umanistico e didatticomusicale con il Diploma in Didattica della Musica al Conservatorio di Firenze e numerosi corsi in Italia e all’estero. Integra il percorso di Ricerca nell’ambito della propria specificità strumentale con
studi nell’ambito del Funktionale Methode di G. Rohmert, del Metodo Feldenkrais, della MusicArtherapy di S. Guerra Lisi, della didattica del pianoforte, degli archi e dei fiati, della musica di insieme e della espressione
corporea, attivati da diverse istituzioni. Svolge una apprezzata attività concertistica, come solista e in formazioni cameristiche. E’ docente di Fisarmonica al Conservatorio di Latina e docente incaricata per Metodologia
dell’Insegnamento Strumentale (tutti gli strumenti) da alcuni Conservatori italiani. L'attività didattica di Patrizia Angeloni come docente della Scuola di Fisarmonica del Conservatorio di Latina riceve prestigiosi
riconoscimenti, tra cui: Premio Nazionale delle Arti 2012, Premio Nazionale delle Arti 2013, Premio Abbado 2014 (Già Premio delle Arti), 4 Premio. I suoi allievi, sia in veste solistica che in formazioni strumentali miste, sono
presenti con prime esecuzioni, già durante il corso degli studi, in diverse stagioni concertistiche. Pubblicazioni per le Edizioni Berben, PHYSA, per Bequadro, Musica Domani, Musica Realtà e per riviste specializzate in
Germania e Finlandia. Ha collaborato con la SIEM. E' autrice di Progetti inerenti l’educazione musicale nelle scuole di ogni ordine e grado. Si occupa di Progetti di Ricerca nell’ambito della didattica musicale e strumentale.
Si vedano, tra l’altro, la pubblicazione della relazione di ricerca selezionata dalla SIEM-ISME per il Convegno Internazionale del 2000 e la Ricerca in progress sulle relazioni tra le acquisizioni delle neuroscienze e il
funzionamento delle abilità strumentali, ricerca che sta dando vita ad una serie di seminari-laboratorio sul tema: "Dal Concertismo all'Autoformazione: una visione integrata e globale del training strumentale - con
approfondimenti su: come impariamo e insegniamo la tecnica strumentale, le gestione della sonorità e della interpretazione; le strategie di studio per la consapevolezza e l'indipendenza nel processo di autoformazione,
tra dimensione concertistica e didattica". (Hochschule für Musik Trossingen 2011; DAAD Frankfurth 2013; Akademia Muzyczna, Danzica 2013; Conservatorio "O. Respighi", Latina 2014; Anemos Libera Università delle
Neuroscienze, Reggio Emilia 2014). Con alcuni docenti universitari europei ha fondato un gruppo di ricerca sullo sviluppo della dimensione artistico-didattica, dalla prima formazione al concertismo.

a cura di PATRIZIA BERNELICH
Ċ
Antonella Vignali,
03 mag 2017, 03:38