Promozione Agio

La scuola rappresenta l'agenzia formativo-educativa tra le più significative nel cosiddetto “quadrilatero formativo”: famiglia, scuola, welfare, associazionismo. 

In quest'ottica il nostro Istituto vuole porsi la finalità di creare le condizioni favorevoli per creare un clima di accoglienza e considerazione positiva degli studenti e delle studentesse, teso a combattere anche il fenomeno della dispersione scolastica.

Durante l'a.s. 2017/2018 altri progetti hanno visto coinvolte diverse classi, tra questi il progetto triennale internazionale Recognize&Change con capofila il Comune di Torino

In particolare la Funzione Strumentale dedicata alla promozione dell'agio scolastico si pone i seguenti compiti:



DSA 
  • creare le condizioni ottimali d'integrazione per gli alunni e le alunne con disturbo specifico di apprendimento
  • creare le migliori condizioni per la formazione e la sensibilizzazione degli insegnanti, per il supporto alle famiglie e agli alunni 
  • promuovere la compilazione di un PDP fruibile e pragmatico per una didattica efficace.
  • mantenere lo sportello specifico DSA, di accoglienza/ascolto per genitori, docenti e allievi su appuntamento. 


 BES
  •  Sostenere e facilitare il processo di apprendimento delle alunne e degli alunni con Bisogni Educativi Speciali
  • attivare, per gli alunni stranieri, interventi per l'acquisizione della lingua italiana, percorsi verso l'inclusione scolastica e il sostegno psico-educativo
  • proporre un PDP, ove necessario, con funzione di tutela e di garanzia di messa in opera di ogni strumento utile ad assicurare un adeguato progetto pedagogico per alunni in difficoltà
  • attivare il collegamento con la commissione “alunni stranieri”.


CIC
SPORTELLO DI ASCOLTO
  •  Coordinare lo sportello di ascolto (CIC); 
  • garantire il servizio psico-pedagogico in ogni sede dell'Istituto per sostenere gli alunni e le alunne che vivono situazioni di fragilità emotiva, familiare, di personalità
  • attivare, ove possibile, l'intervento pedagogico sulle classi, volto alla mediazione dei conflitti, a volte con l'accompagnamento di peer educator.
  • produrre un data base per l'invio eventuale ai servizi specifici del territorio.


COMMISSIONE SALUTE
  •  Collegarsi alla progettualità della Commissione alla Salute, con la quale si concordano interventi educativi di conoscenza e di sensibilizzazione verso temi quali: bullismo, cyberbullismo, promozione della salute in genere.


MONITORAGGIO
  • Valutare i percorsi avviati per promuovere anche cambiamenti migliorativi


FORMAZIONE
  • Promuovere iniziative di formazione e sensibilizzazione per tutte le componenti dell'Isituto volte (vedi Progetti e Piano di formazione)