Discorsi ad un Pubblico Assente


Questo progetto di lavoro è il tentativo di vedere se c'è stato, durante il novecento, un pensiero  politico democratico che abbia affrontato temi e problemi il cui corso inevitabilmente è finito nell'universo delle elaborazioni di questo secolo.
Un dibattito che non c'è ancora, ma che potrebbe già esserci: un confronto enunciato anche se non proclamato. 
un dibattito che potrà svolgersi durante il XXI secolo, mentre oggi sembra che le parole si siano attardate, stanche, inciampando nella cronaca, coperete dagli "schiamazzi della folla", distratte dal cerimoniale di ogni epoca. Epoche come la nostra, turbinose, di confine appena superato, che non aspettano: intolleranti. 
Il fluire irrefrenabile delle ore che si accavallano rumorose e, talvolta, invadenti, assillanti, è la connotazione più chiara (denotazione) della complessità. la cpmunicazione travolge l'individuo, lo trascina dentro un twister dentro il vortice violento della socialità. 
Il silenzio è diventato un rifugio. Quel rifugio in cui si può conversare con serenità: il luogo di ogni argomento; la casa in cui t'aspettano; l'angolo del senso e del sentimento; il posto degli amici; lo spazio di ogni ragione; le stanze dei compagni.
Il silenzio è una dimensione rivoluzionaria: una costruzione fatta di strutture logiche, impianti e impacature tepriche, fondamenta etiche e un po' di passione.
Il silenzio ti accoglie. 
Il silenzio è un ambiente tranquillo, anche se non necessariamente sereno, dove si compongono per intero interi sistemi di pensiero.
Il silenzio contiene ogni intuizione; fissa l'appuntamento per qualsivognia considerazione; ospita lo sguardo della molteplice osservazione. 
Il silenzio ti raccoglie.
Nel silenzio non ci si affronta, ma ci si confronta.
Dentro il silenzio vi sono argomenti che ascoltiamo ancora con meraviglia, concetti che conquistano la nostra stima e la nostra devozione. 
Il discorso del silenzio è frammentario, è un discorso amoroso che illumina il volto di uomini e donne da ricordare con affetto.
Comments