1 - Comunicazione

 ·       La prima cosa che manca nei modelli evoluzionistici che abbiamo presentato è la comunicazione. La comunicazione non è informazione, non è mero trasferimento dei dati. Come è noto, la differenza tra informazione e comunicazione è la stessa differenza che c’è tra televisione e telefono, o tra cinema e teatro: la presenza del destinatario. Nell’informazione c’è solo il ricevente, il messaggio già costruito passa, attraverso i media, dalla fonte al ricevente. Nella comunicazione il messaggio è costruito dalla relazione biunivoca tra diverse fonti che sono anche i diversi destinatari. Per Lhumann, la comunicazione è un fondamentale fattore evolutivo, sia un attrattore che un moltiplicatore delle relazioni tra sistemi e un produttore di sistemi viventi nuovi. Più di tutto, però, la comunicazione ha una funzione selettiva determinante. È il ricevente, infatti, che detiene il potere di decodificare il senso e il significato di un messaggio, non la fonte. L’interpretazione dei messaggi che l’ambiente invia al sistema, diventa così un elemento strategico per passare dal modello evoluzionistico al processo evolutivo.  In questo senso, ciascuno dei viventi mantiene una certa capacità di apprendere e mantenere conoscenze, che consentono la circolazione di messaggi, anche se a dimensioni diverse, e la selezione dei sistemi in relazione alla loro competenza interpretativa.



Comments