home‎ > ‎Chi siamo‎ > ‎

Sono Pagana

pubblicato 08 giu 2014, 02:57 da TEMPO diSERVIRE




Io sono pagana. Sono parte della natura. Le rocce, gli animali, le 
piante, gli elementi sono miei parenti. Gli esseri umani sono mie 
sorelle e fratelli, qualunque sia la loro razza, colore, genere,
età, 
nazionalità, religione, stile di vita. Il pianeta Terra è la
mia 
casa. Sono solo parte di questa grande famiglia che è la natura,
non 
la sua padrona. Ho il mio speciale compito da assolvere
nell'immenso 
ingranaggio universale e cerco di scoprire e adempiere questo ruolo 
al meglio delle mie capacità. Cerco di vivere in armonia con gli 
altri nella grande famiglia della natura, trattando tutti con 
rispetto. 

Io sono pagana. Celebro il mutare delle stagioni durante festività 
con canti, balli e rituali ed in altri modi ancora. Festeggio ogni 
giro della Terra intorno al Sole e parti di esso con pratiche 
spirituali personali e partecipando a festeggiamenti collettivi: 




Il mese di novembre (in coincidenza con la festività di Halloween)
è 
un momento per scrutare nel futuro e per rendere omaggio agli 
antenati e ad altre persone care che ci hanno lasciati. Pratico la 
magia, pregando ed invocando le forze positive dell'Universo,
anche 
per favorire una maggiore libertà religiosa per tutta
l'umanità. 



Il Solstizio d'inverno è una festa della pace e una
celebrazione del 
crescere della luce solare. Onoro il Sole nascente bruciando il ceppo 
natalizio di legna di quercia in un fuoco sacro. Onoro la divinità 
della natura nei suoi numerosi aspetti, la grande madre Terra e il 
grande padre Cielo. Decoro la mia casa con luci e con agrifoglio, 
edera, vischio, sempreverdi e altre erbe sacre a questa stagione. 
Suono le campanelle all'inizio del nuovo anno solare. 



All'inizio di febbraio celebro la Candelora, nota agli americani 
contemporanei come il "Giorno della marmotta". In questo
periodo mi 
concentro nella purificazione spirituale e nella rimozione degli 
ostacoli, per prepararmi all'arrivo della primavera e quindi a
nuova 
crescita. Durante questa festa accendo candele che ispirino i miei 
lavori artistici e mi guidino nelle mie pratiche salutari. Faccio 
offerte di semi agli uccelli selvatici. 



Nel periodo dell'Equinozio di primavera dò il benvenuto alla
ripresa 
della stagione e celebro il rinverdimento della Terra vestendomi di 
verde io stessa. Coloro le uova, simbolo di nuova vita, con gli amici 
e costruisco con la mente occasioni per un nuovo sviluppo. 



L'inizio di maggio è la festa della fertilità e del
divertimento. 
Indosso colori brillanti e metto una ghirlanda di fiori tra i 
capelli. Danzo intorno ad un palo cinto di fiori per celebrare i 
giardini e i progetti creativi umani e salto il falò come augurio
di 
buona fortuna. 



Il periodo del Solstizio d'estate, conosciuto pure come mezza
estate, 
è un periodo di grandi riunioni, in cui saluto vecchi amici e ne 
conosco di nuovi. Danzo con loro intorno ad un falò sacro al
magico 
ritmo dei tamburi. Onoro la mia comunità spirituale, la mia
tribù. 
Celebro la cultura pagana, che ricerca utili insegnamenti nelle forze 
e nelle leggi della natura e da cui trae anche vigore e
prosperità. 
Aggiungo pietre al Cerchio sacro di roccia nella terra del Santuario 
del Circolo pregando per l'armonia e il benessere planetari. 



Quando arriva agosto celebro il raccolto con una grande festa. In 
questa occasione onoro il culmine dell'estate e la prosperità.
Rendo 
grazie per le piante selvatiche e per quelle coltivate e per 
l'immensa fortuna della loro fruttificazione e prego anche per
una 
costante abbondanza. Spezzo e mangio il pane con gli altri nel 
rituale e offro il pane e l'erba alla dea ed al dio ispiratori 
dell'agricoltura. 



L'Equinozio d'autunno è il momento del ringraziamento per
tutti i 
frutti che ho raccolto durante il periodo della crescita. Ringrazio 
per il cibo che ho ricevuto dai frutteti e dai campi e per gli altri 
doni che sono giunti nella mia vita. Restituisco, in una sacra 
offerta alla madre terra, il meglio della frutta, della verdura, 
delle erbe, delle noci e di tutti i cibi che ho raccolto. 



Ai primi di novembre la ruota dell'anno ricomincia. 









High Priestess - Copyright © Christina Camphausen





Io sono pagana. Onoro le stagioni della vita: la nascita, la 
crescita, la fruttificazione, la raccolta, il compimento, il riposo e 
il nuovo inizio. La vita ruota realizzando molti cicli. Per ogni fine 
c'è un nuovo inizio. Nella morte c'è implicita la promessa
della 
rinascita. 


Io sono pagana. Vedo i cicli del cambiamento e del rinnovamento 
compiersi non solo all'interno del percorso della mia vita, ma
anche 
in un passato a me precedente. Vedo la mia vita collegarsi alle vite 
dei miei antenati. Essi sono parte di me. L'antica saggezza del 
rinnovamento della natura e del ciclo perpetuo della vita è
profusa 
nei loro simboli e motti. 


Io sono pagana. Il cambiamento consapevole è parte della mia 
spiritualità. Per ogni problema esiste almeno una soluzione 
disponibile, così pure un'opportunità di crescita. Io creo
la mia 
realtà con i miei pensieri, emozioni ed azioni. Perseguo sempre un 
retto comportamento, sapendo che qualunque cosa faccio, essa
tornerà 
sempre a me. Cerco di conformarmi all'insegnamento magico 
basilare: "Senza nuocere ad alcuno, fa' pure ciò che
desideri". Mi 
sforzo di lavorare per il meglio, per gli altri allo stesso modo che 
per me stessa. Quando incontro dei problemi lungo la mia strada, 
cerco di capirne l'origine e di recepirli come parte integrante della 
soluzione, come stupende occasioni per migliorare le mie capacità. 
Nel compiere le mie pratiche curative cerco di indirizzarmi verso le 
cause spirituali profonde dei disagi, piuttosto che focalizzarmi solo 
sulla cura dei sintomi. 


Io sono pagana. Pratico la magia ricorrendo anche alla Luna, per 
aiutare e curare gli altri, me stessa ed il Pianeta. Il triplice 
simbolismo della luna mi guida. Attivo gli inizi nel primo quarto di 
luna, stimolo le manifestazioni durante il plenilunio e dissipo gli 
ostacoli con il decrescere della luna e il sopraggiungere del buio. 
Compio rituali nel momento della luna nuova e so che i cerchi magici 
da me disegnati hanno per corrispondenti gli immensi cerchi, le 
orbite descritte dalla Terra e dagli altri pianeti. 


Io sono pagana. Io abbraccio il Panteismo: ho la consapevolezza che 
l'essenza misteriosa della vita, il principio divino è in ogni
luogo 
e in ogni cosa. Onoro gli alberi di quercia nella foresta, l'erba
del 
giardino, gli uccelli selvatici che cantano sugli alberi, gli 
affioramenti di roccia sul pendio, me stessa e, sì, anche le
"cose", 
come le automobili, le macchine fotografiche ed i computer. Comprendo 
che ogni cosa materiale ha anche uno stupendo significato spirituale. 
Ciò che è fisico e ciò che è spirituale è
profondamente interconnesso 
in questo mondo. 


Io sono pagana. So che l'essenza divina della vita ha molte facce
sperimento ciò attraverso la varietà di dee e dei ed altre
forme 
spirituali ancora. Onoro anche l'essere uno della divinità,
l'unità 
del tutto. Le mie esperienze personali con gli dei, le dee e le altre 
forme divine che uso per simboleggiare le forze della natura hanno 
trasformato e arricchito la mia vita. Ad ognuna di esse dò un
nome. 
Ecate mi apparve in occasione di una morte per insegnarmi il distacco 
e la rinascita; Selena della luna piena mi porta visioni lontane; il 
sacro Sole stimola la mia energia; Yemaya dell'oceano mi purifica
rinnova. Ascolto Pan suonare il flauto nelle foreste. Dionisio 
risveglia dentro di me le gioie della spontaneità e l'estatica 
beatitudine insegnandomi anche i misteri dell'androginia. Ho 
sperimentato l'eterna, divina unione del principio universale 
femminile col maschile mentre facevo l'amore col mio compagno nei 
prati. Il tiglio mi ha aiutata ad approfondire le mie relazioni con i 
miei amici gatti. Cernunnos mi è apparso nella foresta sotto forma
di 
cervo. Isis mi ha parlato in scrosci di radiosità nella
profondità 
della notte e in flussi di energia attraverso le mani, nel compiere 
pratiche di guarigione. Saturn mi ha dato lezioni di disciplina e di 
agricoltura organica. La dea Libertà mi protegge, poiché lavoro 
affinchè essa si spanda nel mondo. La madre terra guida il mio 
lavoro. Faccio esperienza del divino scolpendo totem di animali, 
piante ed altre forme, così pure durante il sogno, nei viaggi
guidati 
nel profondo e mentre cerco la visione, sola nella mia solitudine. 


Io sono pagana. Le mie pratiche spirituali includono sia 
l'autoaccettazione che la comprensione altrui. Condivido i miei
punti 
di vista con gli altri quando sento che ciò è opportuno, ma non 
faccio proselitismo, riconoscendo che il mio modo di vivere non è 
realmente giusto per tutti. Sono infiniti i sentieri che conducono 
sulla cima della montagna della comprensione spirituale, non uno 
soltanto. 


Io sono pagana. Il mio culto assume la forma della comunione divina 
con la natura. Come parte del mio credo, ho fondato e custodisco una 
riserva naturale sacra, il Santuario del Circolo. Lì compio
rituali 
in posti particolari, come in un cerchio di pietra in cima ad un 
sacro monticello; sulla roccia alta sopra le valli; nel magico 
giardino rotondo; sugli altari all'aperto; all'interno del
tempio; 
nei vecchi rifugi di roccia arenaria, dove dimoravano gli antichi che 
vivevano su questa terra migliaia di anni fa. 


Io sono pagana. Viaggio per il mondo immateriale durante i miei 
sogni, le meditazioni ed i riti. Uso strumenti, cui attribuisco 
grande importanza e per questo definisco sacri, che sono simboli 
delle energie che intendo evocare, perché mi aiutino nei miei
viaggi 
e nelle mie pratiche. Mi libro con la fantasia attraverso il tempo e 
lo spazio. Esploro altri scenari che non quelli in cui si trova il 
mio corpo fisico e poi ritorno da essi con l'intuito, la
conoscenza e 
la forza. Vado attraverso mondi immaginari per propiziare guarigioni, 
crescite, trasformazioni. La percezione intuitiva, psichica, è una 
parte naturale, solita, della mia vita quotidiana. 


Io sono pagana. Sono in armonia con i quattro elementi fondamentali 
rappresentanti la natura: terra, aria, fuoco, acqua e con il quinto 
elemento, il misterioso spirito, l'inafferabile energia che tutto 
forma. Vedo questi elementi nella natura: la terra nel suolo e nelle 
rocce; l'aria nei venti e nell'atmosfera; il fuoco nel farsi
luce, 
nelle fiamme e nell'elettricità; l'acqua nelle sorgenti,
nei fiumi, 
negli oceani, nella pioggia e nelle altre acque del pianeta; lo 
spirito come misteriosa essenza unica dell'Universo. Vedo questi 
elementi anche come aspetti dell'individuo: il corpo fisico è
la 
terra; l'intelletto ed i pensieri sono l'aria; la volontà
e le azioni 
sono il fuoco; le emozioni ed i sentimenti l'acqua; l'io
più 
profondo, l'anima, è lo spirito. Mi impegno nel cercare di
mantenermi 
sana ed in equilibrio tra tutte queste forze. Così pure opero a 
favore del ripristino dell'equilibrio degli elementi
nell'ambiente 
che mi circonda. 


Io sono pagana. Ascolto le grida della madre terra, sconvolta dai 
danni compiuti sulla sua superficie, all'ambiente, dalla razza
umana. 
Sono preoccupata per l'inquinamento dell'aria, del suolo,
delle acque 
e per i giochi di potere portati avanti dalle nazioni con il lancio 
di missili nucleari ed altre armi di distruzione di massa. Sono 
altrettanto preoccupata per il degrado spirituale sul pianeta: 
egoismo, odio, avidità di potere o di denaro, devianza, violenza, 
disperazione. Eppure, in questi stessi problemi percepisco anche il 
processo di purificazione che si sta compiendo sul pianeta. Sono 
consapevole del fatto di poter essere utile, almeno per un piccolo 
contributo, nel portare il pianeta ad una maggiore armonia, cercando 
di rendere equilibrata la mia stessa vita, favorendo l'equilibrio 
nelle vite altrui e lavorando per migliorare l'ambiente. Il mio 
impegno pratico di responsabilità globale (personale, sociale, 
ambientale) è un aspetto della mia vita quotidiana. 


Io sono pagana. Cogliere l'essenza profonda della natura,
comprendere 
le leggi che la governano è la mia religione e fondamento stesso 
della mia vita. La natura è la mia guida spirituale, il mio libro 
sacro. Sono parte della natura e la natura è parte di me. La 
comprensione dei misteri più profondi della realtà cresce man
mano 
che procedo nel mio cammino spirituale. 







© 1994, Selena Fox, Circle Sanctuary, Box 219, Mt. Horeb, WI 53572 
USA.
Earlier versions published in previous editions of Circle Guide to 
Pagan Resources (1987, 1990, 1992).


----------------------------------------------------------------------
----------




Selena Fox è la fondatrice (nel 1974) del Circle Sanctuary, un
centro 
non-profit dedicato alla Spiritualità della Natura.
Psicoterapeuta, 
consigliere spirituale e guaritrice, si dedica con successo alla 
ricerca, all'attivismo per la libertà religiosa, al dialogo 
interreligioso, alla difesa della natura.

Comments